TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
58 min
Quando vivevamo senza fili
LUGANO
1 ora
LAC: cibo, bevande e pulizie cambiano mano
LUGANO
2 ore
Tamponamento a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
2 ore
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
2 ore
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
2 ore
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CANTONE
3 ore
Il comitato del Kiwanis si rinnova
CANTONE
3 ore
«La dott.ssa Lesmo non è contraria ai vaccini. Ha vaccinato i suoi figli»
MASSAGNO
3 ore
I sindacati contro il CdT: «I vertici non hanno voluto incontrarci»
MENDRISIO
4 ore
Festa della Musica, tante luci e qualche ombra (sul futuro)
CANTONE
5 ore
Un'azione speciale per promuovere la donazione di sangue
BELLINZONA
5 ore
Premiati i migliori studenti delle Scuole Medie di Giubiasco
CANTONE
5 ore
Arcobaleno scontato per gli apprendisti
BIDOGNO
6 ore
Il parcheggiatore abusivo è stato estradato in Italia
CANTONE / BERNA
6 ore
«Gli ex dipendenti di Campione guadagnano di più di quando lavoravano?»
CANTONE
09.04.2019 - 18:370
Aggiornamento : 23:03

La difesa: «Lei non c’entra, va assolta»

I legali della 39enne accusata di correità nel delitto di Monte Carasso ne chiedono l’integrale proscioglimento

2 mesi fa Delitto di Monte Carasso: chiesto il carcere a vita
2 mesi fa «Ero molto spaventata, temevo che mi avrebbe fatto del male»

LUGANO - «Quel 19 luglio del 2016 lui non ha più visto una via d’uscita. Lui ha deciso di uccidere l’ex moglie». Così la difesa della cittadina russa di 39 anni a processo alle Criminali per il delitto di Monte Carasso, che chiede «l’integrale proscioglimento della donna dall’accusa di correità in assassinio». Come pure dal reato di denuncia mendace, consumata e tentata.

L’imputata, lo sostiene l’avvocato Luisa Polli, non sarebbe coinvolta nel fatto di sangue verificatosi il 19 luglio 2016 nel Bellinzonese. Il gesto sarebbe da attribuire unicamente al marito 49enne, che secondo la difesa covava già da tempo un rancore di carattere economico nei confronti dell’ex moglie. «La 39enne arrivata dalla Russia non può essere considerata come fattore scatenante dell’uccisione».

L’egoismo del marito - Anzi, l’avvocato Yasar Ravi - sempre in difesa della donna - afferma inoltre che l’uomo avrebbe agito con egoismo. «Nonostante la situazione debitoria in cui versava, ha fatto venire dalla Russia la 39enne con le sue due figlie. Ha mentito sulle sue condizioni economiche».

«Lui non è credibile» - Il legale si sofferma quindi sulla chiamata in correità della donna, che è giunta da parte del 49enne due mesi dopo la prima confessione, nonché dopo l’arresto della moglie. «La chiamata di un correo deve essere credibile, spontanea, disinteressata, lineare e costante» afferma Ravi, sottolineando che questi presupposto in questo caso non sarebbero però dati. In particolare parla di mancanza di credibilità dell’imputato, «che racconta tutto e il contrario di tutto».

Ora la parola passa all’avvocato Pietro Croce, difensore del 49enne.

11 mesi fa Lo strano suicidio: per lei quello era un periodo felice
11 mesi fa Morta per dissanguamento, non per soffocamento
11 mesi fa Prima la soffoca, e poi le taglia i polsi per inscenare il suicidio
11 mesi fa Assassinio nel Bellinzonese, arrestati marito e moglie
11 mesi fa Avevano inscenato un suicidio
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 19:27:06 | 91.208.130.85