Ti Press
MONTE CARASSO
16.07.2018 - 18:400

Morta per dissanguamento, non per soffocamento

La donna uccisa nel 2016 a Monte Carasso è deceduta a causa del tentativo di inscenare un suicidio

MONTE CARASSO - L’aveva soffocata, poi le aveva tagliato i polsi per inscenare un suicidio. Ma è stato proprio il dissanguamento a causare la morte della 48enneuccisa nel luglio del 2016, lo stesso anno in cui il suo presunto assassino si era risposato con la 39enne russa, anch’essa indagata.

Sul delitto di Monte Carasso, rimasto “irrisolto” fino a qualche giorno fa, emergono nuovi dettagli. Come riferisce la Rsi, la polizia era intervenuta a marzo dopo una violenta lite domestica proprio fra il 48enne svizzero e la sua nuovo moglie. Il motivo della disputa sarebbe stato lo stesso che ha portato l’uomo ad uccidere la sua ex: la sua situazione debitoria.

Sull’autore del delitto di Monte Carasso la procura ha inoltre ordinato una perizia psichiatrica. Il rapporto, affidato alla dottoressa Alessandra Canuto, dovrà stabilire lo stato dell’uomo al momento dei fatti, e se a suo favore sia ravvisabile o no una scemata imputabilità.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:52:58 | 91.208.130.89