Depositphotos (ArturVerkhovetskiy)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CAPOLAGO
1 ora
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
4 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
5 ore
Ecco tutti i vincitori del Premio Möbius
Il Grand Prix è stato assegnato alla piattaforma per eventi ibridi e digitali di Wyth Sagl
CANTONE
6 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
CANTONE
6 ore
Tassa sul sacco: «Mano libera ai Comuni»
Un'iniziativa parlamentare chiede maggiore autonomia per gli enti locali nello stabilire gli importi
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
8 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
11 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
12 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
1 gior
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
1 gior
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
CANTONE
19.02.2019 - 11:000
Aggiornamento : 12:08

Bravi in matematica, meno in lettura. E mancano i "geni"

Sono gli studenti 15enni ticinesi confrontati con ragazzi da tutto il mondo nell'indagine PISA 2015

BELLINZONA - Secchioni o asinelli? E in quali materie eccellono o sono carenti a scuola gli studenti 15enni ticinesi? A fornire un rapporto ed un confronto con studenti di diversi paesi nel mondo ci ha pensato l’indagine PISA 2015.

I risultati del Canton Ticino Sono stati approfonditi e paragonati a quelli delle altre regioni svizzere e di alcune regioni e province della vicina Italia (Bolzano, Trento, Lombardia e Campania).

Ottimi in matematica, meno bene in lettura - Nel confronto internazionale, il Ticino ha ottenuto i risultati migliori in matematica, Seguono nell'ordine le scienze naturali (ambito principale) e la lettura. 

Scienze naturali - Nell’indagine del 2015 il Canton Ticino ha ottenuto buoni risultati in scienze naturali (ambito principale), raggiungendo una media di 509 punti, che si situa sopra quella dell’OCSE (493). Nove Paesi hanno ottenuto una media superiore a quella ticinese e quindici Paesi una media che non si discosta da quella ticinese. Di questi fanno parte la Svizzera e le regioni linguistiche che la compongono.

Matematica - Ottimi, invece, i risultati raggiunti in matematica. Infatti, nel mondo, unicamente Singapore (564) e due province cinesi (Hong Kong con 548 punti e Macao con 544 punti) hanno conseguito prestazioni significativamente migliori in matematica rispetto al Ticino (533). Quattro Paesi hanno una media che non si differenzia in modo significativo rispetto a quella ticinese, mentre tutti gli altri 64 Paesi presentano una media statisticamente inferiore rispetto al Ticino. Tra questi, si ritrovano tutti i Paesi di riferimento, la media OCSE (490 punti), la Svizzera (521) e la Svizzera tedesca (518).

Il Ticino si discosta in modo significativo anche dalle regioni e province italiane, che hanno tutte medie statisticamente inferiori ad eccezione di Bolzano.

Lettura - In lettura il Ticino ha ottenuto invece delle prestazioni medie, con un punteggio di 498 punti che non si distingue in modo significativo dalla media OCSE (493 punti), da quella svizzera (492) e da quelle delle regioni svizzere e italiane, fatta eccezione degli allievi di Trento, che ottengono un punteggio statisticamente più elevato (512).

Disparità contenute - In tutti e tre gli ambiti studiati (scienze, matematica e lettura) è stato possibile osservare che il Canton Ticino, rispetto ai Paesi di riferimento e alle regioni svizzere, riesce a contenere meglio le disparità tra gli allievi e risulta dunque essere un sistema scolastico maggiormente equo. 

Pochi gli scarsi... - Un’altra tendenza generale che si riscontra in tutti e tre gli ambiti (ma soprattutto in matematica) è che in Ticino la percentuale di allievi che ottengono scarsi risultati (collocandosi al di sotto del livello 2) è piuttosto bassa. Ciò significa che la maggior parte degli allievi riesce ad acquisire le competenze minime e che il sistema educativo del Canton Ticino si rivela equo in termini di inclusione. In particolare, in scienze naturali il Canton Ticino con il 15% ha la quota di allievi sotto la soglia di competenza del livello 2 più bassa rispetto alla Svizzera (19%) e alla media OCSE (21%). Tra le regioni svizzere il Ticino si differenzia statisticamente dalla Svizzera tedesca (21%), mentre tra quelle italiane solo dalla Campania (36%).

...ma anche i molto competenti - Per quanto riguarda infine la soglia degli allievi molto competenti, in scienze e in lettura il Ticino presenta un numero più contenuto di allievi molto competenti. Ci sono alcuni Paesi e regioni svizzere che, pur non avendo un punteggio medio statisticamente differente rispetto a quello ticinese, presentano quote di allievi molto competenti più alte rispetto al Ticino. Ad esempio in scienze, le percentuali della Germania e della Svizzera francese sono dell’11%, mentre quella del Ticino è del 7%.

In lettura, le quote di Germania, Francia e Svizzera francese corrispondono rispettivamente al 12%, 13% e 10%, mentre quella ticinese è del 7%. Questo dato non è nuovo, ma nel 2015, probabilmente anche a seguito della diversità del campione, si è riscontrato un leggero aumento globale di allievi ticinesi eccellenti in tutte le discipline.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 2 anni fa su tio
Ridicola come notizia. Si fanno speculazioni su un anno di studi di ben 4 anni fa. E non servono a un tubo. Sarebbe molto meglio fare una indagine presso le scuole superiori ed universitarie anche della Svizzera interna, per una verifica del livello di preparazione degli studenti.
pillola rossa 2 anni fa su tio
Ci sono scuole che organizzano il loro programma in funzione del Pisa e hanno ottimi risultati. Ce ne sono altre che hanno la priorità.
pillola rossa 2 anni fa su tio
@pillola rossa Altre priorità
Dioneus 2 anni fa su tio
Solito test PISA inutile.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 22:13:15 | 91.208.130.86