Immobili
Veicoli

CANTONE«I voli a corto raggio non hanno senso»

08.10.18 - 06:00
A più riprese la politica ha chiesto di tassare il traffico aereo. Non mancano i viaggiatori che compensano le emissioni di Co2 con un contributo a sostegno di progetti ambientali
Keystone
«I voli a corto raggio non hanno senso»
A più riprese la politica ha chiesto di tassare il traffico aereo. Non mancano i viaggiatori che compensano le emissioni di Co2 con un contributo a sostegno di progetti ambientali

LUGANO - I viaggi in aereo sono troppo convenienti. Ed è anche per questo motivo che si vola sempre di più. Soprattutto secondo gli ecologisti, è un fenomeno a cui bisogna porre un freno introducendo delle tasse sui biglietti aerei. O addirittura vietando i voli a corto raggio, come ha dichiarato poche settimane fa Bálint Csontos dei Verdi basilesi. Un divieto, questo, che anche secondo l’esperto di sociologia del traffico Thomas Ohnmacht avrebbe senso: «In molti prediligono l’aereo facendo dei calcoli sbagliati. Non tengono conto delle trasferte in aeroporto, dello stress e dei tempi d’attesa, e nemmeno dei controlli di sicurezza» ha detto di recente dalle colonne di 20 Minuten.

E a pagare è sempre l’ambiente. Come si evince da un nostro confronto, nei voli a corto raggio l’aereo è il mezzo che produce più emissioni di Co2. L’auto non è comunque da meno, con valori che si avvicinano a quelli dei voli. «Il bilancio ecologico migliora sui collegamenti aerei a lungo raggio, poiché un grosso quantitativo di cherosene viene utilizzato al decollo» ha spiegato Ohnmacht.

Anche tra chi sceglie di viaggiare in aereo non mancherebbe comunque la sensibilità ambientale. Lo si rileva nelle agenzie viaggi, dove - come ci dice la portavoce di Hotelplan - «più della metà dei clienti accetta la proposta di versare un contributo a fronte di una prenotazione per compensare le emissioni». Si tratta di contributi a favore di MyClimate che vengono reinvestiti in progetti a sostegno dell’ambiente e del clima. In dieci anni, Hotelplan Svizzera ha in questo modo compensato 83’000 tonnellate di Co2. Lo stesso vale per Kuoni, che a sua volta propone ai clienti di effettuare un versamento a favore dell’ambiente. «La proposta viene accolta da varie categorie di clienti, non ce n’è una precisa» spiega il portavoce Kuoni.

Per compensare le proprie emissioni di Co2 non è comunque necessario passare da un’agenzia viaggi. Anche chi prenota un volo per contro proprio può accedere a una piattaforma come MyClimate. Per un volo a cortissimo raggio, per esempio Lugano-Zurigo, il contributo è compreso tra tre e nove franchi.

Il confronto

Per il treno, si tiene conto della provenienza della corrente elettrica nei vari paesi.

Le trasferte in auto avvengono con vetture Euro 5 a benzina con 1,5 persone a bordo. Il costo dell'auto si basa sul veicolo campione del TCS per una spesa di 70 centesimi al chilometro (non si tratta soltanto del carburante, ma anche dei vari costi assicurativi e di usura).

Il volo viene effettuato con un A320 (solo da Lugano è un Saab 2000, velivolo che Swiss utilizzerà di nuovo a partire dal prossimo 28 ottobre). Non si tiene conto della trasferta in auto per Malpensa, che produce circa 10 chili di Co2.

Per il bus ci si basa su uno studio Flixbus sulle emissioni. Il collegamento nazionale a lunga percorrenza avviene, come previsto dall'orario, via Basilea.

Viaggio di sola andata: 30 ottobre 2018 (Prenotazione: 7 ottobre 2018)

COMMENTI
 
seo56 3 anni fa su tio
Baggianate!!!
shomi05 3 anni fa su tio
Ma siamo sicuro che il treno é sempre pieno, a ogni orario? Non prendo sovente questo mezzo di trasporto, ma non mi pare che sia sempre pieno da dire che produce così poco CO2. Basta essere almeno in due persone in auto, che cambiano anche i costi che la produzione di CO2, per non parlare se si é in 4 o in 5! Capisco il costo kilometrico dell'auto, ma é troppo generalizzato, che non comprende le spese reali e i consumi reali dell'auto. Ho un automobile che consuma poco e che rispetta l'ambiente inquinando poco, dubito che il costo e l'inquinamento che produce é simile a quello della tabella, ma molto inferiore. Per non parlare dei vantaggi che si hanno ad andare in auto, come poter essere molto flessibile negli orari e nel percorso, potersi muovere liberamente a destinazione. Secondo la guida Michelin il costo del carburante per la mia vettura fino a Zurigo é di circa 27 franchi. Se ho già la macchina, i costi dell'assicurazione, della vignetta autostradale, dei servizi,... rimangono anche se la macchina non esce dal garage e rimane ferma!
beta 3 anni fa su tio
Certi elementi avrebbero bisogno di una bella scrollata per fargli uscire i " pidocchi " che hanno instaurato nella capocchia !
red 3 anni fa su tio
Gentile lettore, per il collegamento da Lugano a Zurigo il bus a lunga percorrenza impiega effettivamente ben 8 ore e 20 minuti. Infatti la linea nazionale Lugano-Zurigo passa dapprima dall’aeroporto di Basilea, raggiungendo soltanto in seguito Zurigo. Ne avevamo già parlato lo scorso giugno: https://www.tio.ch/ticino/attualita/1263047/a-lugano-un-capolinea-dei-bus-a-lunga-percorrenza
Nmemo 3 anni fa su tio
La tassa sul CO2 ricade essenzialmente sul consumo finale d’idrocarburi. Per contro l’industria, notoriamente generatori d’importanti immissioni di CO2, sfuggono alle misure di tutela ambientale. Le immissioni di CO2 sono determinate anche dalla produzione e dalla commercializzazione di beni catalogati “neutri o puliti”. Talvolta le immissioni si ritrovano in attività produttive sussidiate dallo Stato per altri canali. L’introduzione di misure che non incidano globalmente sulla problematica, hanno di regola finalità economiche che poco hanno a che fare con la tutela dell’ambiente.
madras 3 anni fa su tio
Cari ecologisti, cari verdi e chi più ne ha più ne metta, iniziate a vendere le vostre auto, riconsegnare le vostre patenti. spegnere i vostri riscaldamenti a combustine fossile e forse solo così potrete iniziare una vera discussione su tassare questo e quell'altro. e mi raccomando per voi i voli sono pribiti solo vacanze in bicicletta.
Lourmarin 3 anni fa su tio
Per Berlino minimo quasi 11 ore...
noci 3 anni fa su tio
Tassate anche voli civili e militari di aereoplani, elicotteri e droni che girano in continuazione ?anche questi inquinano.
Lourmarin 3 anni fa su tio
I tempi dei treni sono tutti sbagliati. Consiglio a Tio di evitare gaffes simili quando grazie alla app FFS sono dati facilmente verificabili. Lugano Zurigo in treno minimo 2h9mim. Parigi oltre 6 ore. Minimo quasi 11 ore. Detto ciò il vantaggio del treno è pure quello di arrivare in centro. Al volo occorre pure aggiungere i tempi per arrivare all'aeroporto e andare dall'aeroporto in centro. Spesso il tutto a terra ha una durata di oltre 5 ore
Mattiatr 3 anni fa su tio
Scusate la domanda, io purtroppo ancora non guido e quindi non ho mai fatto Lugano-Zurigo. Fatto sta che in moto per andare a lavoro percorro circa 2000 Km al mese e spendo in benzina circa 200-220 franchi. Come è possibile che costi 145 franchi un viaggetto fino a Zurigo in macchina? Quali sono i fattori perché allo stato attuale mi sembra una cifra surreale e campata in aria.
shomi05 3 anni fa su tio
Guardano il conteggio del costo kilommetrico in vigore nel canton Ticino, dove oltre al costo della benzina, é compreso l'usura delle gomme, il costo dell'assicurazione, la svalutazione dell'auto, l'ammortamento, il costo dei servizi e manuntenzione.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO