ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
9 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
12 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
12 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
15 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
15 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
15 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
17 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
18 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
18 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
19 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
19 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
21 ore
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
BELLINZONA
01.06.2018 - 07:480

Farmacie fuori orario: quei 17 franchi che vanno di traverso

Sempre più consumatori reclamano per come viene gestita la sovrattassa durante i picchetti serali e nei weekend. Ma lo Stato è chiaro: «Qui nessuno fa il furbo» 

BELLINZONA – Va in farmacia di domenica, poco prima di mezzogiorno. Acquista due farmaci da 7 franchi l’uno. Ma se ne va con uno scontrino “gonfiato” (comprese le varie convalide di rito) da 44 franchi. È accaduto pochi giorni fa in una farmacia del Bellinzonese. Ma si tratta di un episodio frequente nella Svizzera italiana. E che genera spesso polemiche infinite. Diverse le segnalazioni che da anni giungono al farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. «I consumatori – dice – continuano a mettere in discussione la sovrattassa per il lavoro fuori orario». 

La cifra della discordia – Di preciso la cifra della discordia ammonta a 17 franchi e 30 centesimi. La misura è in vigore dal 2002 ed è stata aggiornata, per la quarta volta, nel 2016. «Questa sovrattassa copre tutti gli oneri supplementari legati all'esecuzione di una ricetta medica durante i picchetti. Si tratta di un supplemento che viene fatturato una volta sola. Indipendentemente dal numero dei medicamenti figuranti sulla ricetta e dal loro prezzo di base». 

Il concetto di “fuori orario” – Il problema è che questa sovrattassa sembra scattare un po' a tutti gli orari. Un'altra segnalazione, stavolta proveniente dal Locarnese, parla di uno scontrino emesso di sabato pomeriggio. Poco dopo le 15. Anche in questo caso possiamo parlare di servizio fuori orario? Zanini spiega: «A fare stato è l'orario canonico di quella specifica farmacia. Se una farmacia solitamente al sabato pomeriggio è chiusa, è normale che quando deve tenere aperto perché è di turno faccia pagare la sovrattassa ».

Fare il picchetto non rende – Il sospetto, sovente sollevato dai consumatori, è che i farmacisti facciano i furbi per guadagnare sulle emergenze. «Ma non è affatto così – sostiene Zanini –. Qui nessuno fa il furbo, finora non abbiamo costatato abusi. Ai farmacisti non conviene fare il picchetto, oggi non rende più nemmeno nei centri turistici e nella zona di confine».

Un fastidio necessario – Insomma, il farmacista di picchetto si mette a disposizione. Per legge. Ma forse, guardando al puro lato economico, ne farebbe anche a meno. «Perché i clienti in alcune circostanze sono davvero pochi. Il farmacista se ne sta in negozio ad attendere. Magari per ore. Giusto dunque riconoscergli il lavoro e le spese extra, in particolare per il personale. Anche perché i farmacisti non beneficiano di alcun contributo pubblico per quanto riguarda i picchetti». 

Commenti
 
siska 11 mesi fa su tio
.....le centinaia di fette di torta spartite e innaffiate sulla piramide, gli ultimi degli ultimi cioé NOI, paghiamo la stragrande maggioranza dei costi. Le case farmaceutiche? Per me resteranno sempre dei luoghi oscuri ed impenetrabili, il mistero dei misteri. I manager di queste case di "tolleranza" al soldo del soldo, sono poi quelli che tirano le redini di un paese perché le aZioni sono messe li a casaccio? Non decidono su cosa, come e quando perché sono multi miliardarie e a fronte di ciò, é il popolo anche quello più "in basso" alla "scala" umana, che paga non solo i loro stipendi ma gli stipendi di altri personaggi. Fantasia la mia? Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
Jessica Rossatti 11 mesi fa su fb
Nel canton friborgo la farmacia di turno é aperta dalle 10 alle 12 e dalle 17.30 alle 18.30 e non tutto il giorno (8.00-22.00) come nel come nel canton Ticino. La tassa di 17.30 esiste come da noi in ticino per i farmaci sotto ricetta medica come specificato da Lukas Masarik. Oltre a quella ne hanno però un altra: 50.- di forfait per lo spostamento per tutti i farmaci senza ricetta o ricette vecchie.
Albi Noti 11 mesi fa su fb
Se per 17 franchi sono sempre sicuro di trovare una farmacia aperta per le emergenze... bene li pago volentieri! È troppo importante secondo me!!! Stipendio svizzero, qualità svizzeraa!!!!
Giuliano Mussi 11 mesi fa su fb
visto che la farmacia è un servizio essenziale e deve restare aperta per le emergenze ai farmacisti che non conviene non hanno altro che da scegliersi un'altro mestiere
Lukas Masarik 11 mesi fa su fb
I fr. 17.30 vengono solamente fatturati per i medicamenti della lista A o B (sotto ricetta medica) e solamente per i prodotti LS (https://www.bag.admin.ch/dam/bag/it/dokumente/kuv-leistungen/arzneimittel/Spezialit%C3%A4tenliste/spezialitaetenliste-als-pdf-stand-vom-01.02.2018.download.2018/elenco-delle-specialit%C3%A0-in-pdf-stato-del-01.02.2018.pdf.2018)
Lukas Masarik 11 mesi fa su fb
Sono meno della metà. Per tutta la gente che arriva alle ore 22.00 per un Algifor non vengono fatturati i fr. 17.30. Anche per quelli che si accorgono a mezzanotte che hanno bisogno i preservativi
Giuliano Mussi 11 mesi fa su fb
Lukas Masarik bene a quelli potresti fargli pagare il fuori orario
nordico 11 mesi fa su tio
I costi dei farmaci qui da noi sono alle stelle. Il motivo addotto è che le nostre compagnie chimico-farmaceutiche devono ammortizzare i costi della ricerca. Ma allora qualcuno mi deve pur spiegare il motivo per il quale anche i prodotti delle grandi compagnie internazionali (Merk, Abbott ecc.) hanno pure costi altissimi. Dobbiamo aiutare anche queste compagnie ad ammortizzare i loro costi? Qui qualcosa puzza (dicevano a Londra nel 1858) ...
tip75 11 mesi fa su tio
a beh certo che se lo stato è chiaro....
miba 11 mesi fa su tio
Com'è nel resto della Svizzera? Anche i farmacisti fanno la loro (buona) parte nei costi della sanità. Tanti pochi fanno assai.....
Gus 11 mesi fa su tio
Anche chi è in cerca di lavoro, attende, ma non riceve compensi supplementari. Ma dai , signori farmacisti, con quanto guadagnate negli altri giorni! Mi sembra che tutti i farmacisti siano milionari. Quindi....
Laura Bernasconi 11 mesi fa su fb
Per non parlare dei dentisti di picchetto........280.- per una parodontite acuta. 30 min.
Lucrezia Novelli 11 mesi fa su fb
vogliamo parlare dell'oculista? 370 chf per non avermi visitato e sentirmi dire "torni tra qualche settimana perchè devo metterle il collirio e deve aspettare due ore". Questo dopo aver chiamato per un'urgenza e dopo aver aspettato un'ora nel loro studio!
Mesana 11 mesi fa su tio
Avete bisogno di questi soldi? Non ne guadagnate abbastanza? Poverini!!!! Sempre a scapito della povera gente che purtroppo ha bisogno ??
casi89 11 mesi fa su tio
eh si,poverissimi farmacisti.non ho mai visto una farmacia fare fallimento.e lo stato gli aiuta sulle tasse della tassa della tassa ecc.ecc.a me sembra che lo stato sia il piu grande sturpatore.i politici in alto hanno solo il compito di riscuotere tasse sulle tasse.io da molto tempo mi faccio servire da una farmacia che ti serve via posta,(non internet),senza chiedere nulla in piu che il costo dei medicamenti sui quali cincede uno sconto.comando oggi il medicamento domani arriva per posta.farmacisti ticinesi svegliatevi,e gia lo stato che ci succhia tutte le monete.
Paolo Monteverdi 11 mesi fa su fb
Visti i prezzi delle medicine Per me possono chiudere subito e per sempre
sassiluca 11 mesi fa su tio
Ce ne sono tante di cose che vanno di traverso
albertolupo 11 mesi fa su tio
Appunto. Pensavo fosse un obbligo legale. Di sicuro i margini non gli mancano alle farmacie.
marcopolo13 11 mesi fa su tio
La cosa scandalosa non è la sovrattassa per chi lavora fuori orario (quella per me ci può stare), ma i prezzi dei medicinali che sono assolutamente fuori di testa. Basta farci prendere per il c...! Stessa identica pillola: in Svizzera 30 franchi per 1 mese, in Germania 48€ per 6 mesi. È ora di finirla.
Simona Talleri 11 mesi fa su fb
Cominciate ad andare nelle farmacie di servizio per reale urgenza e non per comprare farmaci che dovreste avere normalmente in casa !
andytt 11 mesi fa su tio
E sono tutti poveri i farmacisti.... Tra poco falliranno tutti perché fanno il picchetto... Io proporrei di fare una colletta per questi poveri farmacisti.
Frankeat 11 mesi fa su tio
@andytt La facciamo già la colletta, con i 17 franchi di sovratassa :-)
Andrea Weber 11 mesi fa su fb
"nessuno"? ????
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 05:47:06 | 91.208.130.87