tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Dove c'era l'erba ci sarà... questo
Ben 153 appartamenti sull'ultima collina verde di Breganzona. Il progetto sta creando malumori tra i residenti
CANTONE
5 ore
Parrucchieri presi di mira sui social, ma non davanti alla legge
In Ticino non sembrerebbero esserci precedenti di denunce per lesioni personali. Tuttavia crescono i reclami sul web
FOTO
CANTONE
5 ore
Il San Nicolao blu, perché il papà è importante
Anche quest'anno ha avuto luogo l'evento per segnare l'importanza del mantenimento delle relazioni coi figli anche dopo la separazione e il divorzio
VIDEO
GAMBAROGNO
5 ore
L'uomo che sogna i triangoli: «Così il "bordello" forse finirà»
Traffico caotico tra Magadino e Cadenazzo. C'è un miglioramento grazie alla piccola rivoluzione di Quartino. Ma ora l'agguerrito consigliere comunale Cleto Ferrari chiede il bis. Il video
MENDRISIO
6 ore
Auto contro un dissuasore
L'incidente si è verificato a Rancate. Solo danni materiali
CANTONE
6 ore
«Il bunker di Camorino va chiuso subito»
Tredici associazioni hanno presentato al Parlamento ticinese una petizione che chiede una serie di misure per migliorare le condizioni di vita dei richiedenti l'asilo
LUGANO
7 ore
"Anna dai capelli corti" ha sempre più amici
L'associazione è nata nel 2015 all’interno del Centro di Senologia della Svizzera Italiana per aiutare le pazienti colpite da tumore al seno entro i 50 anni
BISSONE
7 ore
«I socialisti tagliano gli aiuti ai più deboli»
Il gruppo Lega, Udc, Indipendenti critica il voto contro il supporto economico ai beneficiari di prestazione complementare
BELLINZONA
8 ore
I 150 anni di AMB con un pezzo di “nuvola” nella storia
La Nuvola piovasca di Piazza del Sole è stata trasformata in borse per la spesa in vendita
BELLINZONA
9 ore
«L'ex Ospedale è da preservare»
Il gruppo PLR interroga il Municipio di Bellinzona sulle sorti dell'attuale sede della polizia militare
VIDEO
ROSSA (GR)
9 ore
Una persona sotto shock per l'incendio, morti due gatti
Durante le operazioni di spegnimento la rete elettrica nel paese è stata provvisoriamente staccata e la strada per Rossa bloccata
CANTONE
10 ore
Censura di Stato? «Argomenti scarni e confusi»
Le Giovani Verdi rispondono ai "coetanei" dell'UDC, e rilanciano: «Anche le discriminazioni legate all’etnia sono una censura di stato?».
ASCONA
10 ore
Strisce pedonali «da sorvegliare»
Il Municipio di Ascona vigila sugli scolari che attraversano la strada. Il PPD di Ascona plaude
LOCARNO
10 ore
Ritorna lo “Strillone”: ecco Ticino Oggi
Nasce una nuova testata d’inchiesta nella Svizzera italiana. A dirigerla il 48enne Orlando Guidetti, ex poliziotto, che ora fa il giornalista
BELLINZONA
11 ore
L'OTR BAT anticipa preventivo e progetti per il 2020
Le novità? Un nuovo mandato di gestione dei Castelli, un aggiornamento delle tasse di soggiorno, una maggiore collaborazione con i partner sul territorio e nuovi investimenti
FOTO E VIDEO
ROSSA (GR)
12 ore
Abitazione in fiamme, ingenti i danni
Non vi sarebbero feriti o intossicati
LUGANO
12 ore
«Un regalo ai luganesi più ricchi»
Il PS spara a zero sulla riduzione del moltiplicatore a Lugano, e chiede «interventi sociali»
CAMPIONE D'ITALIA
13 ore
Spaccio in Ticino con base a Campione, due denunce
Nell'appartamento di un 32enne italiano residente in Svizzera trovati cocaina già confezionata per lo spaccio e diverse migliaia di franchi
CANTONE
14 ore
Comuni "più forti e vicini al cittadino"
Il Gran Consiglio ha ritenuto ricevibile l'omonima iniziativa legislativa sottoscritta da 62 Comuni ticinesi
CANTONE
14 ore
Congelamento dei ristorni, l’Udc aggiorna la mozione
Passato un anno, è stata presentata la “bis” per evitare che possa essere superata dagli eventi
CANTONE
14 ore
Legge sulla discriminazione: «Un primo passo verso la censura»
Per i giovani UDC, si limiterebbe eccessivamente la libertà d'espressione garantita dalla Costituzione
GRONO (GR)
14 ore
Un ottantina di nuovi impieghi nel quartiere "Biraria"
Vi troveranno posto uffici amministrativi, uno studio d'ingegneria e altri contenuti commerciali in affitto
STABIO
15 ore
Una piantina ad abitante per aceri e querce
Il municipio ha licenziato un messaggio con la richiesta di un credito per ricreare degli spazi naturali adatti alle attività ricreative
LUGANO
15 ore
La denuncia: «Posteggi introvabili o abusivi»
Sara Beretta Piccoli interpella il Municipio chiedendo lumi sui provvedimenti futuri
CANTONE
09.04.2018 - 07:050
Aggiornamento : 11:35

«Altro che riscossa ticinese»

Grossi utili, ma anche tanti licenziamenti. Il Pil del Ticino è cresciuto più di quello degli Stati Uniti, in dieci anni. Ma per l'economista Sergio Rossi non è tutto oro quel che luccica

LUGANO-FRIBORGO. Le cronache economiche, a volte, hanno un andamento schizofrenico. La prova: nel 2017 alcuni dei principali gruppi svizzeri hanno annunciato utili record, eppure i licenziamenti (anche in Ticino) non sono mancati. L’ultima notizia a sorpresa è arrivata da uno studio di Bak Economics per la Camera di Commercio: il Pil ticinese è cresciuto più di quello degli Stati Uniti, negli ultimi dieci anni. Va tutto bene dunque? La risposta è “no” secondo Sergio Rossi, professore ordinario di macroeconomia ed economia monetaria all’Università di Friborgo. «La percezione dei cittadini al contrario è quella di un impoverimento diffuso. E purtroppo è corretta» spiega l’esperto.

Lo studio di Bak Economics dunque è sbagliato?

«Leggendolo sono rimasto deluso dallo scarso grado di approfondimento. Ma le conclusioni non sono false: la crescita del Pil c’è stata, in effetti. Ma è dovuta alla crescita dell’occupazione e non della produttività».

Si spieghi meglio.

«L’economia ticinese cresce non perché ciascun lavoratore produca di più, ma perché in Ticino ci sono più persone che lavorano: l’aumento dell’occupazione è stato del 24 per cento dal 2005. È questo aumento che spiega la crescita del Pil. Sono aumentati i lavoratori frontalieri, i working poor, gli stagisti, i contratti precari e quelli a tempo parziale».

I numeri dicono che la ricchezza complessiva è cresciuta, però.

«Questo è avvenuto senza che il potere d’acquisto dei lavoratori aumentasse. Al contrario. Le aziende hanno accresciuto i propri utili. Ma i ricavi vengono distribuiti agli azionisti, e sempre più spesso immessi nei mercati finanziari».

Perché?

«Investire nelle aziende, nell’aumento della produttività, non è conveniente in questo momento. Le aziende producono già più di quanto riescano a vendere, il mercato ticinese non è in fase d’espansione e ci sono molte incertezze nell’economia globale. Parcheggiare gli utili nei mercati finanziari porta a guadagni più immediati e sicuri».

Ma anche le banche sono in crisi.

«La piazza ticinese è in un momento difficile, ma può sempre far uso della leva del credito. Il problema è che le banche non sono interessate a concedere dei crediti all’economia reale e alle imprese innovative. Anche perché in Ticino quest’ultime sono molto rare. E non si fa abbastanza per attirarne o farne nascere di più».

La politica può intervenire in qualche modo?

«Diminuire le imposte sulle imprese porterebbe solo a una gara al ribasso con gli altri Cantoni. La riforma fiscale approvata dal Gran Consiglio ticinese di recente implicherebbe minori entrate per lo Stato, che invece ha bisogno di risorse da investire nella formazione e nell’innovazione. Penso ad esempio a incentivi finanziari e sgravi fiscali per chi investe nella ricerca e a sostegno di giovani imprenditori. Altrimenti continueremo ad attrarre solo aziende in cerca di oasi fiscali».

Commenti
 
Robby Bilbo 1 anno fa su fb
Ha perfettamente ragione nell'analisi della situazione, un po' meno nella soluzione, da lui individuato nel 'più stato'. Speriamo che l'arrivo di imprese estere permetta con il tempo la crescita di un Know-how in Ticino altrimenti assente.
Alex Cava 1 anno fa su fb
Analisi corretta. Per fermare la spirale malefica, cominciamo a bocciare gli sgravi fiscali, il prossimo 29 aprile: si sono SEMPRE dimostrati fallimentari.
paolfili 1 anno fa su tio
Analisi precisa e corretta
Foxdilollo78 1 anno fa su tio
Lo adoro!!!
GI 1 anno fa su tio
Mi hanno sempre detto che le società distribuiscono UTILI e non ricavi (che non necessariamente producono utili....), ma per il Prof. Rossi, va ben istess.....
Zico 1 anno fa su tio
forse intendeva dire che dai ricavi non vengono più dedotto gli investimenti (che non si fanno), per cui aumentano di conseguenza gli utili da distribuire agli azionisti. poteva esprimarsi meglio.
Tarok 1 anno fa su tio
@Zico hai ragione ma lui è un professore, tu no!
Mattiatr 1 anno fa su tio
Personalmente un'aumento vertiginoso dei grafici del pil non lo considererei un buon segno. Non dico che è negativo ma non è considerabile continuo nel tempo. Infatti la qualità di vita deve aumentare costantemente per anni, se fra 5 anni la situazione non sarà cambiata allora festeggerò assieme a voi. Se invece è come penso la situazione sarà peggiore di quest'anno e ci ritroveremo al punto di partenza.
F/A-18 1 anno fa su tio
Quindi i nostri politici , d'accordo con gli inutili scribacchini ci propinano grandi titoloni farlocchi sui nostri giornali, ma la gente non è stupida è da che realtà è ben diversa, da qui la poca fiducia nella politica è la tiratura dei nostri quotidiani in caduta libera.
Meno 1 anno fa su tio
Certo che sentire da un economista "i ricavi vengono distribuiti agli azionisti" (invece che "utili") ....è un utilizzo sbagliato di una parola (che vuole dire altro) che non mi aspettavo da un professore di un'università....
Mag 1 anno fa su tio
@Meno I famigerati "Ricavi da utili" :-))
Pepperos 1 anno fa su tio
@Meno L'articolo è scritto dal giornale... ( Una variazione )
Nicklugano 1 anno fa su tio
@Meno Beh, se distribuiscono già a livello di ricavi... ricavano di più. Forse è questo il ragionamento di Rossi...
Meno 1 anno fa su tio
@Pepperos Certo, ma si tratta di un'intervista... comunque forse hai ragione tu...
Pepperos 1 anno fa su tio
@Meno L'intervento fatto Dal Prof.Rossi, gli va riconosciuto d'aver detto: cari politici le state cannado tutte. ( Traduzione volgaris )
Meno 1 anno fa su tio
@Pepperos Vero, ma smettiamola di usare i politici come unici capri espiatori. Sai quale sarebbe un modo per migliorare la situazione? Imprese ticinesi orientate ai servizi e produzioni per clienti della Svizzera tedesca, dove i prezzi sono maggiori e per un'impresa ticinese ci sono quindi margini migliori.... ma.... purtroppo.... sebbene il tedesco sia una lingua insegnata obbligatoriamente in Ticino, sono relativamente pochi quelli che poi riescono (o spesso vogliono) utilizzarla sul lavoro. Bisogna smetterla di piangerci addosso e muovere il "fondo schiena" perché c'è chi ci riesce, non è quindi impossibile.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Meno Guarda hai ragione, inutilmente ci accaniamo sui politici per ogni situazione che in Ticino provoca malumori. Ma secondo il dizionario di google la politica è: Quindi la politica è la disciplina atta a gestire uno stato e il politico è colui che applica questa disciplina. Io generalmente quando mi trovo d'avanti a una determinata situazione provo a paragonarla ad altre condizioni. Questa volta ho pensato a una grande multinazionale, divisa in settori quali per esempio marketing, produzione, gestione del personale. Se uno di questi settori crolla ovviamente il consiglio di amministrazione si lamenterà con i vari capi reparto. La differenza fra il Ticino e la multinazionale è che il consiglio di amministrazione è composto da 350'000 persone. Quindi le parole dei singoli individui non hanno nessun impatto. Per fare una segnalazione quindi bisogna scendere in piazza e farsi vedere. Il problema è che a nessuno interessa più né chi scende in piazza né scendere in piazza. Quindi in una realtà moderna nella quale la cosa più politicamente faticosa che facciamo è partecipare ad una raccolta firme su Change.org non mi stupisco che ci siano solo lamenti. Riguardo al discorso sul fatto che siamo noi a doverci togliere la paglia dal cul0 beh, come già detto se nessuno scende in piazza è complicato cambiare la situazione. Oramai i politici (capi settore) possono fare quello che vogliono visto che il consiglio di amministrazione è disinteressato. Il fatto è che a contrario della multinazionale il cantone non può fallire. E quelli che ci perderanno saranno sempre solo i contribuenti. Facciamo più che bene a lamentarci ma sarebbe meglio farlo assieme in un punto ben visibile.
Pepperos 1 anno fa su tio
@Meno Concordo! Basta commiserazione. Personalmente, uso tedesco come prima lingua per il mio lavoro ! L'impatto è duro all'inizio poi nel lungo andare ci si diverte. Si diventa bilingue ! E capisci i ragionamenti dei zukin, nel essere molto pigri nello studio della lingua di Dante.:)
gmogi 1 anno fa su tio
Finalmente qualcuno che sa di cosa parla!
Nicklugano 1 anno fa su tio
@gmogi Specialmente quando confonde ricavi con utili...
Massimo D'Onofrio 1 anno fa su fb
Schengen e le statistiche parziali offerte che nascondono la realtà dell’assistenza. Un cocktail mortale per tutti i ticinesi.
Pepperos 1 anno fa su tio
Grazie Signor Rossi! Un liberale ma con occhio di riguardo alle tempistiche sociali
Nicklugano 1 anno fa su tio
Il PIL cresce e la disoccupazione diminuisce: meglio di così si muore (di fame) !
Pepperos 1 anno fa su tio
@Nicklugano Uno deve provare le nuove regole della disoccupazione. Da lì vedi il tutto...
Nicklugano 1 anno fa su tio
@Pepperos Bisogna però capire anzitutto come vengono elaborate le statistiche sulla disoccupazione... Non fidarti mai di una statistica che non hai manipolato tu stesso ! I disoccupati diminuiscono perché hanno trovato lavoro o perché sono ormai in assistenza. Cosa si intende per disoccupato: un lavoratore che non lavora o che non lavora a tempo pieno e non dispone di un contratto di lavoro a tempo indeterminato? Lassem perd !!
Pepperos 1 anno fa su tio
@Nicklugano Era inteso il Gioco Delle tre carte, il saldo negativo ai comuni. Dall'altra la Guerra favorevole per sgravi Delle tasse..( sempre di chi ne ha D'Avanzo ) Concordo pienamente sul suo post... Tutto al ribasso... Bel futuro...
pillola rossa 1 anno fa su tio
Analisi da standing ovation!
Marco Cattani 1 anno fa su fb
Con tutto il rispetto per Sergio Rossi, che d’altronde ammiro, mica bisogna essere economisti per capire cosa succede.Utili stratosferici ottenuti a scapito di chi in Ticino lavora, o dovrebbe lavorare, e che sempre in Ticino vive, o sopravvive. Ormai siamo alla mercé di “aziende” senza scrupoli che stanno facendo i loro porci comodi impoverendo un territorio sempre più provato e con una classe politica incapace di reagire.
Alex Cava 1 anno fa su fb
Classe politica più propriamente: complice.
Maurizio Roggero 1 anno fa su fb
Ennesimo risultato di prestigio! fake!!! Della meravigliosa politica ticinese ??
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 02:02:01 | 91.208.130.89