ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
LUGANO
58 min
Ecco i 132 neolaureati in economia all'USI
Durante la cerimonia di consegna dei diplomi tenutasi oggi pomeriggio, sono stati pure consegnati alcuni premi agli studenti con le migliori medie
ORSELINA
1 ora
Qui si cura il cancro con l’omeopatia: sarà vero?
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
CANTONE
1 ora
Incidente oltre la dogana, code e ritardi sull'A2
Forti disagi al traffico in direzione sud a partire da Mendrisio al valico di Chiasso-Brogeda
LUGANO
2 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
3 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
4 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
4 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
CANTONE
5 ore
In nome del turismo, in Ticino si pedala assieme
È stato firmato oggi un accordo fra le quattro organizzazioni turistiche regionali e TicinoSentieri per la creazione del Centro di competenza cantonale Mountain Bike
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
5 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
LUGANO
6 ore
La tecnologia blockchain al Palazzo dei Congressi
Copernicus e Pangea presentano una conferenza su applicazioni e opportunità della più rivoluzionaria tecnologia dopo Internet
CANTONE / BERNA
6 ore
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
6 ore
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
MENDRISIO
7 ore
Stabio si attacca al TRAM
Il Municipio si rammarica per la risoluzione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso contro la chiusura del nucleo di Ligornetto: «I nostri argomenti non sono stati attentamente valutati»
CANTONE
8 ore
Il Ticino toglie la patente a Balotelli
Sul Foglio ufficiale odierno la notifica della Sezione della circolazione. Non potrà guidare sulle nostre strade dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020
FOTO E VIDEO
CAMPIONE D’ITALIA
8 ore
Campionesi in piazza per il proprio futuro
I cittadini dell'enclave non vogliono l'inclusione nel territorio doganale dell'Unione europea. Chiedono di ritirare il provvedimento o, perlomeno, una proroga
LUGANO
8 ore
All’interrogazione di Ghisletta risponde Quadri
Il leghista difende la pubblicazione sul Mattino di un estratto del rapporto della Commissione delle petizioni sulla naturalizzazione dell’imam Jelassi. «È oziosa e al limite del surreale»
CANTONE
9 ore
C'è soddisfazione fra le capanne alpine ticinesi
Presso le cinque infrastrutture del CAS Ticino si sono contati in totale oltre 13’500 pernottamenti con un aumento che si situa attorno al 3%
FOTO
GORDOLA
10 ore
Il Premio AITI va a Erika Diserens
La pittrice e fotografa zurighese ha ricevuto il riconoscimento lo scorso 29 ottobre a Gordola
CANTONE
10 ore
Infanzia rubata, la Chiesa evangelica «chiede perdono»
La CERT ha ascoltato Sergio Devecchi, pedagogista in pensione, che ha scritto un libro sull'affido coatto e l'esperienza di 17 anni in istituti per minori in Ticino e nei Grigioni
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Prodotto interno lordo ticinese al ribasso: -2,4%
Il dato cantonale, relativo al 2017, è in controtendenza rispetto alla media nazionale (+1,8%)
MENDRISIO / LUGANO
10 ore
Treno stracolmo: donna sviene e i passeggeri la soccorrono
È successo questa mattina su un Tilo tra Mendrisio e Lugano. «Stipati come in un carro bestiame»
VIDEO
LOCARNO
11 ore
Salute dei dipendenti, premiate le Fart
Il premio "Artisana Award 2019" è per la prima volta stato assegnato ad un’azienda ticinese e ad un’impresa di trasporto pubblico
FOTO E VIDEO
CAPRIASCA
12 ore
Due auto si scontrano a Treggia
Sul posto sono intervenuti i pompieri di Capriasca, la Croce Verde di Lugano e la polizia
LUGANO
12 ore
Naturalizzazione dell'imam: «Quadri ha violato il segreto d'ufficio?»
Lo chiedono al Municipio, tramite un'interrogazione, alcuni consiglieri comunali. Quadri avrebbe pubblicato dei dati personali di Radouan Jelassi sul Mattino della Domenica
BELLINZONA
09.01.2018 - 08:020
Aggiornamento : 09:37

Ore e ore a controllare se la porta è chiusa, o a fare domande ripetitive

Il piccolo dramma quotidiano di chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo. Un problema alimentato da una società sempre più esigente e frenetica. E alcuni perdono pure il posto di lavoro

BELLINZONA – Tutti i giorni si presentava sul lavoro con 45 o 50 minuti di ritardo. Per mesi. Fino al licenziamento. Dietro ai ritardi di Enrico (il vero nome è noto alla redazione), operaio 43enne di Bellinzona, c’è una motivazione apparentemente banale. Prima di uscire di casa, doveva assicurarsi per bene che i rubinetti e le porte fossero chiusi, che gli apparecchi elettronici fossero spenti. Enrico solo dopo il licenziamento ha preso coscienza della sua situazione. E si è reso conto di soffrire di disturbo ossessivo compulsivo, un problema che oggi coinvolge dal 2 al 3% degli svizzeri. «Un disagio – evidenzia Michele Mattia, presidente dell’Associazione della Svizzera Italiana per l'ansia, la depressione e i disturbi ossessivi compulsivi – sempre più accentuato dai ritmi frenetici e stressanti del mondo moderno».

Rituali strani – Sono persone che conducono una vita normalissima. Madri e padri di famiglia. Uomini e donne in carriera. Ma che vivono un’incertezza di fondo. Gli ossessivi compulsivi escono allo scoperto. Su invito della stessa associazione presieduta da Mattia. «Abbiamo a che fare con gente che si sente spinta a svolgere rituali apparentemente senza senso. Si va dalla necessità di controllare qualsiasi cosa al desiderio irrefrenabile di pulire. E c’è anche chi si perde con dubbi e domande ripetitive. Questo genere di comportamento causa grande sofferenza sia nella persona, sia negli affetti. A volte i famigliari son esausti perché non sanno come gestire simili situazioni».

Un mondo ordinato e perfetto – Dall’inventore Nikola Tesla al riformista Martin Lutero, la storia è piena di casi illustri confrontati con il disturbo ossessivo compulsivo, problema diagnosticato per la prima volta nel tardo diciannovesimo secolo, ma da sempre radicato nell’esistenza dell’uomo. «Il fatto che oggi si viva in una società dell’ordine e del controllo – riprende Mattia – rappresenta un ulteriore stimolo negativo per chi è già fragile. Anche la storia personale dell’individuo ha un influsso. Di base c’è comunque una predisposizione genetica».

Deprogrammare un atteggiamento – «È un disturbo da cui si può guarire – sostiene lo psichiatra Tazio Carlevaro –. A condizione di impegnarsi a fondo. Non è una passeggiata. Perché bisogna letteralmente deprogrammare determinati atteggiamenti, radicati nel corso degli anni. Il percorso richiede tempo e pazienza. Spesso è accompagnato da una cura farmacologica».

Paura dei cambiamenti – Un male che esiste da sempre. Declinato (e accentuato) in versione moderna. Selene, 38 anni, è seguita da uno psicologo da diverso tempo. «La mia ossessione è legata ai cambiamenti nel mondo del lavoro. Ho paura che si verifichino rivoluzioni tali per cui io possa essere un giorno licenziata. Soffro di questo disagio da ormai 15 anni. E i miei dubbi mi hanno spesso portata ad assillare colleghi e amici, con continue richieste di conferma e rassicurazione».

Consigli pratici – «Chi sta vicino a queste persone – dice Carlevaro – deve evitare di dare loro sempre le risposte che si attendono o di eseguire con loro i riti richiesti. Perché così si fa il gioco dell’ossessione. Bisogna aiutare l’ossessivo compulsivo responsabilizzandolo. Dicendogli: “Tu sei in grado di avere la risposta da solo. Sei capace di farcela con le tue gambe”. Solitamente l’ossessivo compulsivo riesce a rendersi conto di quanto gli sta accadendo. Capisce che ciò che fa è inutile e nocivo. Ma non riesce a smettere».

Rischi già a 12 anni – Il problema, secondo la scienza, è di natura neuro psicologica. «Legato all’ipotalamo – puntualizza Carlevaro –. Si tratta di una parte particolare del cervello che in determinate circostanze non è in grado di bloccare certi pensieri. Sviluppando un comportamento non più adeguato al principio di realtà. Alcuni iniziano a soffrirne già a 12-15 anni. Tanti ragazzi vengono nel mio studio e dicono che non vogliono più andare a scuola. Magari per motivi assurdi. Come ad esempio la paura di toccare qualcosa che li sporchi».

L’incubo di fare del male a qualcuno – Giuliano, 33 anni, ha impiegato l’ultimo decennio a staccarsi da un’ossessione apparentemente fuori da ogni logica. «Quando guardavo la strada dal finestrino dell’auto, mi soffermavo a contare le strisce tratteggiate che separano una carreggiata dall’altra. Dal momento in cui iniziavo a contarle, sentivo che dovevo per forza arrivare fino a 100. Mi mettevo in testa che altrimenti mia madre sarebbe morta. Un pensiero limitante, che a tratti mi spingeva a non uscire di casa. Per paura. Con il passare degli anni, sono riuscito ad affrontare la cosa. Andavo sul posto e mi sforzavo di non contare. Il mio terapeuta mi ha sempre consigliato di affrontare le paure a viso aperto, con normalità».

Un investimento importante – Si è preso il tempo giusto, Giuliano. Tempo che, in questi casi, è il bene più prezioso. Ma che, sempre più spesso, mondo del lavoro ed economia non concedono al paziente. «Purtroppo – sottolinea Mattia – i ritmi frenetici della nostra società non ci aiutano. Occorre, tuttavia, pensare prima di tutto al proprio equilibrio. Superare questo disturbo presuppone una grande fatica. Ma ne vale la pena. È un investimento fondamentale per la qualità di vita dell’individuo».

Commenti
 
Sabbadini Andrea 1 anno fa su fb
Marta Fuentes ??
Marta Fuentes 1 anno fa su fb
Sei te ???
Mia Sordelli 1 anno fa su fb
Giovanni Accosta ? ops
Giovanni Accosta 1 anno fa su fb
Basta pulizie??
Giovanni Accosta 1 anno fa su fb
Aspetta che vado a controllare!?
Mia Sordelli 1 anno fa su fb
Giovanni Accosta beh, nessuno dice che smetterò ?? E la domanda: hai chiuso la porta? Dove la mettiamo? Ahah #casoperso
francox 1 anno fa su tio
Contare le righe, controllare i rubinetti..... .... dilettanti.
miba 1 anno fa su tio
Non voglio entrare nel merito del problema in quanto mi considero ignorante in materia. Penso tuttavia che a tutti, incluso il sottoscritto, di tanto in tanto succede di tornare a casa perché insorge il dubbio di aver lasciato una placca accesa o non aver chiuso la porta e qui non penso sia un discorso da "psichiatria" ma il semplice fatto di non vedersi la casa bruciata o svaligiata... Questo per dire che vi sempre un limite di buonsenso nelle cose e che non bisogna ricorrere subito allo psichiatra per qualche volta in cui sorge un dubbio. Fa semplicemente part del gioco
johnnyboy 1 anno fa su tio
@miba Miba, i disturbi ossessivi compulsivi (DOC) sono anche chiamati “la malattia della normalità”. Il sorgere di un dubbio così come il bisogno di pulizia o i sintomi del DOC meno comuni sono presenti in una certa misura in ogni persona. Ci sono però delle marcanti differenze tra la normalità e la patologia. La prima – intuitiva – differenza è l’impatto che ha sulla vita del soggetto: controllare il gas una volta è normale, controllarlo per un’ora al giorno è decisamente patologico. Così come lavarsi le mani 5-6 volte al giorno può essere considerato normale, 50-60 volte è patologico. Inoltre questa differenza è sottolineata anche dalla “modalità” in cui il soggetto vive queste azioni. Il soggetto colpito dal DOC prova una vera e propria ossessione per queste azioni, e si trova costretto (compulsione) a compiere determinate azioni (o meglio “rituali”). Nonostante il soggetto sia cosciente della palese inutilità del rituale non può farne a meno. Spesso purtroppo l’idea del “non ricorrere subito allo psichiatra per qualche volta in cui sorge un dubbio” impedisce la corretta diagnosi di disturbi magari ancora agli inizi e dunque ancora facilmente ed efficacemente curabili.
Tato50 1 anno fa su tio
@miba Certo che se ti capita una volta ogni 2 anni non è un problema, ma se cominci a tornare a casa 3 volte al giorno per vedere se la placca è accesa e la porta chiusa forse una telefonata a Mattia la dovresti fare. Posso assicurarti che non è un problema da sottovalutare e se non ti fai aiutare non ne esci. Se arrivi al punto di accendere la luce per vedere se è spenta ;-))
Vanessa Battisti 1 anno fa su fb
Anais E. Boyd Ortega
Anais E. Boyd Ortega 1 anno fa su fb
Si ? ma sopratutto avrò spento tutto?! ?
Vanessa Battisti 1 anno fa su fb
Hahahaha tadaaaaaa
Rossano Bruni 1 anno fa su fb
Ossessioni-Compulsioni un binomio micidiale che nulla c’entra con le preoccupazioni vere che sono… vere (tipo una malattia, arrivare a fine mese, una situazione da risolvere…). Le ossessioni, non hanno una vera concretezza, ma sono nella nostra mente che cerchiamo di sradicare con comportamenti compulsivi (e maniacalmente ripetitivi) quasi ci fosse un rituale da seguire per evitare che un determinato dramma accada (l’ossessione). Ma la cosa veramente sconvolgente è che il soggetto “malato” è consapevole delle sue “manie” come pure del fatto che i rituali da lui messo in atto, sono inutili. Nella vita di coppia si deve supportare il partner nelle sue “manie” senza tuttavia condividerle e, a dipendenza della profondità del problema, fargli capire di cercare un aiuto esterno. Magari assieme.
J Alejandro Barreiro Diez 1 anno fa su fb
Melanie Tagliavini
Melanie Tagliavini 1 anno fa su fb
Che....sono ossessiva compulsiva?
Orsettina 1 anno fa su tio
Purtroppo è tutto quello che succede nel mondo,che riduce l essere umano ad avere queste serie problematiche. Il voler inseguire sogni impossibili o l essere esortati,obbligati a cedere in ambito professionale a compiti troppo gravosi senza la possibilità di potersi esprimere oppure non essere ascoltati,porta l essere umano a disturbi che passano da un estremo all’altro.
Alessandro Milani 1 anno fa su fb
Cè gente che non capisce un cazzo!!chi mette faccine che ride probabilmente ha già le chiappe al caldo
Gio Albe 1 anno fa su fb
Sarà Agustoni cazzo... som mi
Moscato Elisa 1 anno fa su fb
È vero..ma con tutto lo stress e l ansia che ci viene messa al giorno d oggi!!
Debby D. Balest 1 anno fa su fb
Anders Carlström hai chiuso la porta? C'hai le chiavi? ???
Stefano Schipani 1 anno fa su fb
Monica Schipani Petruzzini?
Michele Marcaccini 1 anno fa su fb
Fabio Giudici
Letizia Bonelli 1 anno fa su fb
Fulvio Neve conosciamo qualcuno?
Maurizio Lanzetta 1 anno fa su fb
Sara Silvestri siamo messi bene ?
Sara Silvestri 1 anno fa su fb
Bojan Jakovljevic 1 anno fa su fb
Miodrag Smiljanic Stefan Jerkovic sono io??
Stefan Jerkovic 1 anno fa su fb
? esatto proprio te
Miodrag Smiljanic 1 anno fa su fb
???
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:54:36 | 91.208.130.87