Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
SVIZZERA
9 ore
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
11 ore
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
CANTONE
11 ore
Il Ticino torna a scuola, «ma le lacune non mancano»
Il SISA prende posizione: per una scuola davvero normale occorre annullare le disparità e introdurre misure di sostegno.
FOTO
CANTONE
13 ore
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
GIUBIASCO
16 ore
Il direttore si dimette
La Cantina sociale di Giubiasco è di nuovo senza guida, se ne va Conceprio
CANTONE
16 ore
La scuola ricomincia in aula, per tutti
Lo ha comunicato oggi il Governo ticinese: «È lo scenario che fa funzionare le scuole in maniera corretta»
BELLINZONA
17 ore
Due presunti islamisti a processo
Il dibattimento inizia oggi al Tribunale penale federale di Bellinzona. Gli imputati sono un 34enne e un 37enne
CANTONE
17 ore
Coronavirus in Ticino: nel weekend quattro casi e zero decessi
Nel nostro cantone il numero complessivo di persone risultate positive al virus sale a 3'453
CANTONE
17 ore
Disoccupati in (lieve) calo
A luglio trend positivo. Ma rispetto all'anno scorso c'è un peggioramento
LUGANO
04.10.2017 - 15:110

Svitto non presterà il Patto federale a Lugano

Il Consiglio di Stato svittese teme per l’incolumità del documento storico e non vuole creare un precedente

SVITTO - Svitto non intende separarsi dal Patto federale, neppure per pochi giorni. Il governo cantonale ha respinto una richiesta dell'esecutivo di Lugano che avrebbe voluto organizzare un'esposizione al LAC con il documento storico che sancisce la nascita della Confederazione nel 1291.

Il municipale Roberto Badaracco ha informato lunedì sera del rifiuto il Consiglio comunale. L'idea dell'esposizione era partita da un'interpellanza sottoscritta da oltre 30 consiglieri comunali e la Città aveva poi trasmesso una richiesta formale alla direttrice dei musei dei Patti federali e al Canton Svitto.

«Riteniamo che prestare il Patto federale a musei o centri culturali in Svizzera non sia assennato», scrive il Consiglio di Stato svittese nella lettera di risposta al municipio di Lugano menzionata dalla Luzerner Zeitung e dal Bote der Urschweiz e confermata all'ats da Erwin Horat, direttore degli archivi cantonali.

Il consigliere di Stato responsabile del dossier Michael Stahl (PPD) non intende creare un precedente. Una risposta positiva avrebbe spinto altre città, cantoni o musei in Svizzera a presentare richieste simili. Il documento «verrebbe esposto sempre più di frequente a influenze esterne» e potrebbe deteriorarsi, ha spiegato il ministro svittese.

Secondo la Luzerner Zeitung e il Bote der Urschweiz, il governo ha però invitato una delegazione della città di Lugano a visitare il Museo del Patto federale a Svitto, dove il documento è esposto dal 1936, di fronte al "Giuramento del Grütli" affrescato da Walter Clénin.

Da allora il museo ha prestato il Patto una sola volta: nel 2006 la preziosa pergamena ha traversato l'Atlantico protetta da rigidissime misure di sicurezza ed è stata esposta per 21 giorni alla mostra "Sister Republics" (Repubbliche sorelle) di Filadelfia. L'esposizione americana - visitata da 5000-6000 persone al giorno - era parte di una campagna di promozione della Svizzera negli USA denominata "Swiss Roots" ("Radici svizzere"), destinata a rinsaldare l'amicizia tra i due paesi e a far riscoprire al milione di americani di origine elvetica il paese dei loro avi. Il Patto aveva viaggiato in una valigetta speciale, ammanettata al polso dell'archivista di Svitto, attorniato dalle guardie del corpo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
beta 2 anni fa su tio
La "storia" non dovrebbe mai abbandonare i luoghi dove é nata . Quello che potrebbe insegnare ; SI
budo76 2 anni fa su tio
Severi ma giusti
falcodellarupe 2 anni fa su tio
Queste "reliquie" non dovrebbero mai lasciare i luoghi di origine, ma non solo i cartacei in genere, che sono i più deperibili, ma anche tutte le opere d'arte antiche ed uniche. Gli appassionati, sia storici che semplici turisti, vadano ad ammirarli dove sono custoditi.
twiceaday 2 anni fa su tio
@falcodellarupe esatto!
GI 2 anni fa su tio
Hanno pienamente ragione, finirebbe come il sasso di Unspunnen....E' la "nostra prima pietra" e va lasciata dov'è !!
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Giusto, non deve uscire più dalla Svizzera!...
87 2 anni fa su tio
@lo spiaggiato Vuoi dire che il Ticino non è in Svizzera? Svitto non vuole concedere il prestito del Patto federale a Lugano.
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
@87 Non il Ticino ma il sottoceneri... niente in contrario se il Patto arriva a Bellinzona... :-))))
Equalizer 2 anni fa su tio
Onore agli Svittesi, fanno bene a tenerselo stretto.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:22:24 | 91.208.130.87