Foto lettore 20 minuti/tio.ch
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
1 ora
Da Mendrisio a Catamayo per salvare le vite dei bimbi
Toglierli dalla strada. Offrire loro una vita migliore grazie alla scuola. Regalare dei sogni. I piccoli ecuadoriani pos
FOTO
POLLEGIO
1 ora
Contro il muro con il furgone
L'incidente è avvenuto poco prima delle 23 di ieri sera a Pollegio, in via Cantonale
LUGANO
2 ore
Le sardine con la mascherina (a metà)
Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»
MENDRISIO
2 ore
«Basta un codice QR e il cliente è tracciato»
Esercenti stufi di “perdere tempo” nel registrare gli avventori? Forse c’è una soluzione.
COMANO
10 ore
Caffè "scorretto" Covid
La gerente dell'esercizio pubblico critica i silenzi dell'azienda: «Un cliente aveva il Covid e l'ho saputo da altri»
CANTONE
13 ore
Niente Mercatino di Natale a Quinto
Causa coronavirus è stata annullata anche la tradizionale panettonata.
LUGANO / BELLINZONA
13 ore
Covid, quarantena di classe al Liceo 1 e alla Commercio di Bellinzona
Diversi allievi contagiati dal virus. Seguiranno le lezioni da casa
CANTONE
14 ore
Congedo paternità, «usufruitene senza sensi di colpa»
L'OCST invitano le aziende e le istituzioni lungimiranti a proseguire su questa strada
BIOGGIO
14 ore
Chiude la TE Connectivity: in 106 perdono il posto
L'azienda chiuderà lo stabilimento produttivo sul piano del Vedeggio a causa delle difficoltà attuali del mercato
CANTONE
14 ore
In treno senza mascherina? Poche multe
Le Ffs vigilano sul rispetto delle regole in treno. Ma «la maggioranza dei passeggeri si comporta bene» assicurano
MENDRISIO
10.07.2017 - 18:310
Aggiornamento : 22:39

La prima e ultima fioritura di un’agave (prima di morire)

Il botanico: «Un evento eccezionale, che però tende a diventare più frequente»

MENDRISIO - Alle nostre latitudini è un evento raro, ma tende a diventare più frequente. Si tratta della fioritura di un’agave americana a cui in questi giorni - come ci ha segnalato una lettrice - si sta assistendo a Mendrisio, nel giardino del negozio Coop di Via Giorgio Bernasconi (ma negli scorsi anni in Ticino se ne ricordano anche altre). «È sempre un evento eccezionale per questa pianta che proviene dai deserti americani» ci spiega, infatti, il botanico Nicola Schönenberger. «Ed è anche un segno del cambiamento climatico - continua - questa fioritura è probabilmente dovuta al recente periodo di canicola e al caldo arrivato molto presto durante la scorsa primavera».

Dopo il fiore la pianta muore - Ecco dunque che a Mendrisio dall’agave è spuntata una spettacolare infiorescenza che, come sottolinea ancora Schönenberger, può raggiungere anche i dieci metri d’altezza (assomiglia un po’ a un asparago, facendo in effetti parte della famiglia delle Asparagaceae). Uno sbocciare che segna tuttavia gli ultimi attimi di vita della pianta. «L’agave americana è monocarpica, cioè fiorisce una volta sola per diffondere il proprio seme e poi muore». L’anno prossimo la pianta di Via Giorgio Bernasconi sarà dunque scomparsa. Ci vogliono comunque diversi anni perché la pianta raggiunga la maturità per la fioritura. «Di solito tra i quindici e i venti, ma nella nostra regione ci può mettere anche di più» specifica il botanico.

In Europa dal Cinquecento - Se nei deserti messicani e del sud-est statunitense le agavi si trovano nel loro habitat naturale, dalle nostre parti è considerata una pianta ornamentale. E si tratta di una delle prime piante grasse portate in Europa da oltre oceano. «Basti pensare che nel giardino botanico di Padova erano già presenti degli esemplari nel 1561, quindi una settantina d’anni dopo la scoperta dell’America» racconta Schönenberger. «È una pianta che ha subito suscitato molto interesse».

Altre fioriture in vista? - Anche in Ticino, ormai, l’agave non è presente soltanto laddove piantata dall’uomo. Sul territorio si trovano anche esemplari inselvatichiti. «Per esempio lungo il Sentiero di Gandria, dove in futuro  e con gli effetti del cambiamento climatico possiamo certamente aspettarci altre fioriture».

Foto lettore 20 minuti/tio.ch
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GATTOVERDE 3 anni fa su tio
....anni fa sulla collina di Castagnola, alle falde del Bre, lungo la strada per Gandria e in parchi o giardini risalenti alla fine '800 e primi '900 di Lugano, era facile imbattersi in simili fioriture ovviamente facilitate dalla posizione assolata e dalla vetustà delle piantagioni. Come pure dalla maturazione dei fichi d'India e Bouganvillee ben ambientate (forse ve ne é ancora una)....Per la maturazione delle banane si hanno notizie per il Parco Scherrer di Morcote e quello delle Isole di Brissago.....(per i datteri dovremo aspettare tempi peggiori che spero non vedano nemmeno i nostri pronipoti)....
sedelin 3 anni fa su tio
fra non molto matureranno anche banane e datteri.
Equalizer 3 anni fa su tio
@sedelin Scperem...
USSColeDG67 3 anni fa su tio
@sedelin Sicuramente, anche xche abbiamo molte scimmie!
GI 3 anni fa su tio
@sedelin giusto, considerato l'evoluzione degli "arrivi"....non facciamo perder loro le abitudini culinarie....potremmo essere additati come "mostri con non nutrono gli ospiti"....
Melody Laurino 3 anni fa su fb
Davide Micheli

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 08:00:21 | 91.208.130.89