CANTONE
08.01.2016 - 06:400

Nuove imprese in Ticino, boom di italiani

In calo le nuove iscrizioni al registro di commercio nel 2015: ma spicca un + 55% di italiani

BELLINZONA - In un anno, il calo è stato del 12,7%: il peggiore in Svizzera dopo l'Appenzello Interno, -15,2%, secondo una statistica che misura l'economia in numero di aziende neo-nate. Nel 2015, afferma il sito specializzato in fondazioni di società online startups.ch, il declino è stato generalizzato, per la prima volta in due anni: 41.034 iscrizioni al registro di commercio, -1,3%. In Ticino sono state solo 1.136, per lo più società a garanzia limitata (395) e ditte individuali (386).

Eppure non c'è da allarmarsi, giurano gli addetti ai lavori: che anzitutto scantonano un equivoco. "Non si tratta delle start-up tecnologiche che mi competono - afferma Roberto Poretti, coordinatore del centro di promozione start-up Usi-Supsi - Dopo anni di crescita esponenziale, nel 2015 abbiamo registrato casomai una stabilizzazione nelle domande". Ma anche Marco Schmidt, corresponsabile del servizio interdipartimentale Decs-Dfe Fondounimpresa.ch, reagisce tranquillo. "Un calo puramente quantitativo, che non ci dà informazioni sulle conseguenze inerenti lo sviluppo economico. In quali settori si sono avviate o perse nuove attività? In quale forma giuridica?".

Certo, riflette, "di per sé un'oscillazione del 12% è significativa, ma il dato resta grossolano. Non è detto corrisponda a una diminuzione del Pil. Se dovesse riproporsi, si renderebbe necessaria un'analisi più approfondita". Nessuna diminuzione, peraltro, affligge la richiesta formativa: anzi, "la partecipazione al nostro corso di Nozioni giuridiche per indipendenti è in incremento. Come servizio cantonale, non abbiamo avuto oscillazioni neppure nelle richiesto di sostegno all'avvio di micro imprese".

Resta il fatto che, se i numeri non sono clamorosi, lo si deve a chi viene da fuori: +55% di italiani che hanno utilizzato startups.ch come piattaforma. "Non stupiamoci più di tanto - conclude Schmidt - E' normale che nelle zone di confine vi sia una certa ambizione ad avere rappresentanza e punti di appoggio in Ticino o a fondare aziende ex novo. Certo la crisi del sistema Italia aiuta ad amplificare il fenomeno, specie nell'edilizia e nel commercio".

Commenti
 
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
Benvenuta impresa... hi hi hi
cerea 3 anni fa su tio
Fatemi capire, ai frontalieri chiediamo il casellario giudiziale, ed a quelli che addirittura mettono in piedi una ditta cosa chiediamo ? Perchè ho il dubbio che in quel caso sia tutto lecito, lo dimostrano le liste di ditte che falliscono e che scopri poi che sono state aperte da stranieri con alle spalle fallimenti nel loro paese d'origine. Che pena.
Climb 3 anni fa su tio
povero ticino dove saremo tra 10 o meno anni?
Thor61 3 anni fa su tio
@Climb Peggio dell'Italia ad occhio e croce!!! OPS Forse la croce no dipenderà da quello che vorranno i "Fratelli" musulmani ;o)
F/A-18 3 anni fa su tio
tante sono ditte fasulle che hanno solo la bucalettere, fan girare un po di soldi, li fanno sparire oppure tentano di lavorare da noi e si scontrano con le nostre severe norme e poi miseramente falliscono.........é di oggi la notizia di società di chiasso che ha una segretaria che si occupa di consulenza in campo immobiliare ed invece si scopre che l'unica conzulenza che offre é la compravendita di farfallina......, Adria costruzioni poi insegna, altre ditte come questa stanno operando e qualcuna ha già chiuso, rovinano il mercato e ingabolano i vari committenti con lavori malfatti e mancanza di garanzie a fine lavori ma tanté, questi committenti dal risparmio facile é quello che si meritano, il lavoro é da rifare, nessuno glielo garantisce e l'hanno pure pagato.....alias, lo pagano due volte.
streciadalbuter 3 anni fa su tio
E`la rivincita dei badola.
mgk 3 anni fa su tio
Adesso se tornano anche gli Ignorato avremmo una nuova ditta
Cleofe 3 anni fa su tio
e la disoccupazione aumenta...
elvicity 3 anni fa su tio
e non pagano..
Meno 3 anni fa su tio
@elvicity cosa non pagano?
elvicity 3 anni fa su tio
@Meno le fatture
F/A-18 3 anni fa su tio
diciamo che la presenza di ditte italiche fondate da poco creano concorrenza interna ed un sensibile calo dei prezzi generalizzato, calo dei prezzi di cui ne beneficiamo un po tutti ma al rovescio della medaglia troviamo dipendenti sottopagati, ditte indigene che soffrono o peggio, chiudono ed in generale utili in diminuzione e quindi meno guadagni per tutti, alias, meno entrate per il fisco e meno soldi in tasca da spendere per altri. Nulla si crea e nulla si distrugge............tutto si modifica il che vuol dire che poi il fisco aumenterà le tasse a tutti ed a catena si piomba in un sistema italico in cui chi vuole che nel borsino rimanga qualcosa va a creare nero ecc..........., il gatto che si morde la coda.
Gus 3 anni fa su tio
I nostri politici (Lega compresa) ci stanno svendendo all'Italia
navy 3 anni fa su tio
La foto sembra un presagio........Bandiera Italica al di sopra di quella Svizzera....in territorio Elvetico.....
navy 3 anni fa su tio
55% di imprese italiane.........E' ovvio che vi sono ditte che ambiscono ad avere un "piede" in Scvisera..... Tra finti "swiss made", di cui il Ticino sta diventando una VERGOGNA nazionale e che, piano piano, andrà a farci perdere quella credibilità costruita in anni di lavoro e risalente ancora alla fabbricazione dei orologi a cucù di inizio 20mo secolo ed altri "addetti ai lavori aziendali" che vanno predicando che, l'imposizione fiscale delle imprese è da ridurre (riforma imprese 3) questa parte del Ticino diventerà peggio che NAPOLI e le loro montagne di rifiuti sparsi ogni dove............. Il liberalismo atto ad ingrassare avvocati, fiduciari ed altri ben pensanti che pensano alla loro di pancia e, soprattutto, a riempirla in tempi brevi senza porsi domande a lungo termine, siamo messi di m.......
nessuno 3 anni fa su tio
@navy con tutto sto' casino che ha creato l'UE e la globalizzazione il commercio e la produzione ne risente del "si salvi chi può" e da li il peggio non lo si è ancora toccato. pensa che i cinesi sono fuori della grazia di dio perché i napoletani producono merce taroccata e indicano come produttore: MADE IN CHINA. insomma si tarocca anche il prodotto già taroccato. in Italia la merce a basso costo va a ruba ed io prezzi sono sotto pressione ma arrivare a taroccare un prodotto già taroccato ......
ZetaCrea 3 anni fa su tio
Ma fare qualcosa per evitare il peggio? Diciamo che tra poco noi indigeni siamo gli stranieri...ma forse lo siamo già
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-24 00:45:36 | 91.208.130.87