Cerca e trova immobili

SVIZZERATutte le priorità di Albert Rösti

10.07.24 - 15:07
Il primo obiettivo del capo del DATEC è garantire l'approvvigionamento elettrico con un occhio di riguardo alle centrali di riserva.
keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Fonte ats
Tutte le priorità di Albert Rösti
Il primo obiettivo del capo del DATEC è garantire l'approvvigionamento elettrico con un occhio di riguardo alle centrali di riserva.

BERNA - Il consigliere federale Albert Rösti ha illustrato gli obiettivi del suo dipartimento in occasione di un incontro estivo con i rappresentanti dei media dell'Oberland bernese.

Rösti ha invitato i giornalisti nella sua regione natale, sul lago di Oeschinen, sopra Kandersteg (BE). Il consigliere federale ha parlato di questioni personali e di temi di attualità del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

Per quanto riguarda l'approvvigionamento elettrico, il capo del DATEC ha messo in cima alla lista delle sue priorità le centrali di riserva, poiché quelle esistenti dovranno essere sostituite nel 2026. Si dovrebbero inoltre limitare le forti fluttuazioni dei prezzi sul mercato dell'elettricità.

Nonostante l'adozione della legge sull'elettricità, l'obiettivo di fornire alla Svizzera una quantità sufficiente di elettricità rimane una corsa a ostacoli, ha dichiarato Rösti. Ciò è dovuto in particolare alle opposizioni a grandi progetti.

Bilanciare gli interessi in gioco - Un altro degli obiettivi di Rösti è quello di soppesare i benefici e i rischi della protezione della biodiversità in relazione all'iniziativa sulla biodiversità, che sarà sottoposta a votazione il 22 settembre. Il Consiglio federale si esprimerà in merito nel mese di agosto.

Il fatto che la biodiversità sia di importanza centrale è indiscutibile Deve però essere possibile continuare a realizzare infrastrutture essenziali come le linee elettriche.

Il DATEC e il governo federale stanno già facendo molto per la biodiversità, ha proseguito Rösti. Un quarto della superficie del Paese può essere attribuito alla biodiversità. Il compito è ora quello di preservare e mantenere questo quarto. Anche se l'iniziativa verrà respinta, si potrà fare molto nei limiti delle possibilità finanziarie.

La Svizzera potrebbe contribuire alla riduzione del CO2 anche attraverso l'innovazione. L'obiettivo è quello di approvare rapidamente la legge sul CO2 in modo che possa entrare in vigore nel 2025.

Nuovi requisiti legali necessari - Infine Rösti ha insistito sull'importanza delle autostrade e delle infrastrutture ferroviarie. Queste sono alimentate dal Fondo nazionale per le strade e gli agglomerati e dal Fondo per le infrastrutture ferroviarie. Se questi fondi dovessero esaurirsi, si verificherebbero gravi problemi per le infrastrutture.

Secondo il capo del DATEC sono necessari nuovi requisiti legali per entrambi i fondi. Ad esempio, a partire dal 2023 dovranno essere incluse anche le auto elettriche, per le quali esistono diverse opzioni, come prelievi sull'acquisto di elettricità o energia o un prelievo basato sui chilometri percorsi, ha dichiarato Rösti. Anche i camion elettrici saranno inclusi dal 2023. L'imposizione di tasse sui veicoli elettrici dovrebbe avvenire comunque in modo graduale e attento, perché altrimenti la diffusione di questi veicoli verrebbe contrastata, ha dichiarato Rösti.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Princi 1 sett fa su tio
bla bla bla anche questo , pöra Svizzera

Eneri 1 sett fa su tio
all'amo UDC!

Eneri 1 sett fa su tio
Le priorità di Rösti sono di autorizzare aumenti stratosferici dell'energia (pagati dai semplici cittadini/pesci, che hanno abboccato all'Amministrazione UDC
NOTIZIE PIÙ LETTE