Cerca e trova immobili

SVIZZZERA / UELuce verde alla dichiarazione comune

21.11.23 - 19:48
Bruxelles ha approvato il testo congiunto elaborato con Berna che contiene i risultati dei precedenti colloqui esplorativi.
AFP
Fonte ats
Luce verde alla dichiarazione comune
Bruxelles ha approvato il testo congiunto elaborato con Berna che contiene i risultati dei precedenti colloqui esplorativi.

BERNA - La Commissione europea ha approvato oggi a Strasburgo la dichiarazione congiunta elaborata con la Svizzera contenente i risultati dei colloqui esplorativi. È inoltre pronta a condurre colloqui tecnici con la Svizzera sul programma di ricerca dell'Ue "Orizzonte Europa".

Rispondendo a una domanda dei giornalisti, il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis, ha tuttavia chiarito che i negoziati definitivi sui programmi dell'Ue potranno iniziare solo nell'ambito delle trattative ufficiali sul pacchetto di accordi.

Il Consiglio dei Politecnici federali, in un comunicato, si è rallegrato di «questo sviluppo positivo» e si è detto favorevole a una partecipazione della Svizzera a Orizzonte Europa il più rapida e completa possibile. Si augura inoltre che venga presto raggiunto un accordo sulle questioni istituzionali. La piazza scientifica svizzera beneficia in effetti di accordi bilaterali stabili e affidabili tra la Svizzera e i suoi partner europei, viene sottolineato.

Mandato europeo
Intervenuta alla tv romanda RTS, Luciana Vaccaro, presidente di swissuniversities, ha parlato di «una notizia eccellente». Finora avevamo sempre sentito dire che i negoziati per la piena associazione della Svizzera ai programmi di ricerca e istruzione Orizzonte Europa ed Erasmus+ si sarebbero svolti solo dopo i negoziati politici.

Se questi negoziati possono svolgersi in parallelo, il processo sarà accelerato. «Ciò significa che quando si raggiungerà un accordo politico, si potrà subito salire a bordo», ha aggiunto, accogliendo positivamente un «segnale di disgelo».

Secondo Dombrovskis, la Commissione europea ha preso atto dell'annuncio fatto a inizio novembre dal Consiglio federale di voler elaborare un mandato entro la fine dell'anno.

L'8 novembre l'esecutivo aveva dichiarato conclusi i colloqui esplorativi con Bruxelles e incaricato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di elaborare un mandato negoziale. Il Consiglio federale intende decidere se accettare il mandato entro la fine dell'anno.

Anche la Commissione europea si sta adoperando per elaborare un mandato e poi presentare una raccomandazione agli Stati dell'Ue per l'avvio dei negoziati, ha aggiunto Dombrovskis.

Da parte sua, Maros Sefcovic, anch'egli vicepresidente della Commissione europea, si è rallegrato su X per la dichiarazione congiunta: «Questo è un passo importante e benvenuto nelle nostre relazioni bilaterali». La dichiarazione costituirà la base per i negoziati tra l'Ue e la Svizzera su un pacchetto di accordi, ha dichiarato il Commissario Ue responsabile del dossier svizzero.

Dall'aprile 2022 e con un'ultima tornata lo scorso 27 ottobre, sono stati condotti colloqui esplorativi tra la Svizzera e l'Ue. Tali colloqui, oltre a questioni istituzionali come la soluzione delle controversie e l'acquisizione dinamica del diritto europeo, hanno incluso anche nuovi accordi relativi all'elettricità, la salute e la sicurezza alimentare. Il pacchetto di accordi previsto comprende anche la reintegrazione della Svizzera nei programmi europei di ricerca e formazione Orizzonte Europa ed Erasmus+. L'accordo prevede anche il versamento regolare di contributi di coesione.

Diffidenza dei sindacati
Le questioni più controverse nei colloqui con l'Ue sono state la libera circolazione delle persone e la protezione dei salari. Tuttavia, secondo il Consiglio federale, la maggior parte delle questioni è stata risolta in modo soddisfacente.

I sindacati vedono le cose in modo diverso. Già prima dell'annuncio del Consiglio federale, hanno denunciato una «liberalizzazione» del modello svizzero sulla protezione dei salari e del servizio pubblico. Poiché il pacchetto di accordi dovrà essere approvato dal Parlamento e probabilmente sottoposto a votazione popolare, il governo ha bisogno del sostegno dei sindacati.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Mar 4 mesi fa su tio
Adesso speriamo che non mollino le braghe come fanno di solito

tbq 4 mesi fa su tio
Risposta a Mar
Speranza vana; sono due anni che stanno cercando il sistema per farlo senza essere sbugiardati e senza oposizione. Altro non hanno fatto, dato che l'accordo quadro è rimasto lì, identico e immutato.

tbq 4 mesi fa su tio
Maros Sefcovic, in gioventù studente delle università Moscovite dove s'istruiva la classe dirigente comunista del futuro, accoglie positivamente questi sviluppi. Già questo basterebbe per preoccuparsi, ma se non bastasse ricordate una cosa: stanno semplicemente riproponendo l'accordo quadro (a sua volta riproposizione dello Spazio Economico Europeo) con una confezione diversa. Il contenuto del pacchetto è marcito trent'anni fa, ma la confezione continua ad essere sostituita nella speranza che gli svizzeri prima o poi se la mangeranno. Funziona così, nell'UE; tutto ciò che viene respinto prima o poi viene riproposto, finché non viene accettato.

Raptus 4 mesi fa su tio
È un continuo girar attorno alla torta sperando che prima o poi si cominci a mangiarla ...peccato che però la torta è andata a male....

Kenta25 4 mesi fa su tio
🇪🇺 = 💩

Fogliani 4 mesi fa su tio
Dite quello che volete ma tanto nell’UE non entriamo , dovrete passare dal polpolo prima e il popolo non ve lo permetterà mai !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Fogliani 4 mesi fa su tio
🤮 venduti
NOTIZIE PIÙ LETTE