Keystone
SVIZZERA
31.05.2021 - 17:490

«La Svizzera si muova per disporre del vaccino di Johnson&Johnson»

Marco Romano chiede lumi al Consiglio federale sul vaccino da molti esperti definito come «il migliore in circolazione»

BERNA - Numerosi professionisti del settore sanitario non si capacitano del perché la Confederazione non si attivi per acquistare il vaccino di Johnson&Johnson, per svariati motivi definito da molti «il migliore in circolazione». Per questo il consigliere nazionale Marco Romano ha depositato oggi una domanda rivolta al Consiglio federale.  Alla quale sarà data risposta nella tradizionale ora delle domande prevista lunedì prossimo, 7 giugno, alle 14.30.

Il vaccino Johnson&Johnson (J&J) - ricordiamo - è stato omologato in Svizzera il 22 marzo 2021 e viene somministrato in dosa singola. Il preparato, indicato come maggiormente efficace sulla variante brasiliana, presenta aspetti interessanti rispetto a Moderna e Pfizer: può essere conservato per tre mesi in frigorifero, è pronto all’uso (non deve essere disciolto) ed è fornito in fiale da cinque dosi.

Per questo Romano chiede: Il Consiglio federale intende attivarsi per stipulare un contratto d’acquisto di J&J, mettendolo rapidamente a disposizione dei professionisti della salute?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 05:01:48 | 91.208.130.86