Keystone
Moritz Leuenberger
SVIZZERA
29.04.2021 - 08:330

Accordo quadro: nel Partito socialista chiesto un dibattito interno

Alcuni illustri membri - fra i quali anche l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger - hanno scritto alla presidenza.

Nonostante «un nucleo ideologico comune», le divergenze sull'argomento sono diverse.

BERNA - Ventisei membri del PS, in una lettera inviata alla presidenza del partito, chiedono un dibattito interno sull'accordo quadro con l'UE. Tra i firmatari figurano l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger e diversi consiglieri di Stato.

«L'accordo istituzionale pone una delle questioni politiche più importanti di questo decennio», scrivono i firmatari della lettera, evocata ieri sera al "10vor10" della televisione svizzero-tedesca SRF e di cui Keystone-ATS dispone di una copia.

Nella missiva viene fatto notare che in seno al PS esistono posizioni diverse sull'argomento: i sindacati sono contrari all'accordo quadro perché temono ripercussioni sulla protezione dei salari, altre correnti ritengono invece ch'esso contribuisce alla tutela dei salari, in particolare a medio e lungo termine.

I firmatari ricordano che i membri del PS condividono «un nucleo ideologico comune», ossia solidarietà e giustizia, che si traducono con protezione efficace dei salari, posti di lavoro sicuri e servizio pubblico affidabile. Il divergenze riguardano la questione se l'accordo istituzionale permetta o no di raggiungere questi obiettivi.

«Sarebbe per noi incomprensibile che il PS non discutesse questa questione centrale e seppellisse l'accordo istituzionale accanto all'UDC, a porte chiuse all'interno del Consiglio federale o nelle commissioni parlamentari». I firmatari chiedono quindi «un dibattito impegnato, vivace e rispettoso» all'interno del PS ma anche con la popolazione.

Gli autori della lettera ricordano i rischi di un fallimento dei negoziati: «Un'emarginazione della Svizzera a livello europeo sarebbe fatale sia sul piano della politica interna che esterna».

La Svizzera rischierebbe di essere svantaggiata nei settori della ricerca, della formazione e per l'accesso al mercato comunitario. A livello interno, c'è il rischio che le cosiddette "riforme dell'economia di mercato" riprendano quota, come avvenuto dopo il "no" allo Spazio economico europeo.

Oltre a Moritz Leuenberger, hanno firmato la lettera anche il presidente del governo di Basilea-Città Beat Jans, i consiglieri di Stato Jacqueline Fehr (ZH), Fredy Fässler (SG) e Peter Peyer (GR), nonché ex consiglieri nazionali e di Stato ed ex alti funzionari. Tutti sono tedescofoni e nessuno siede attualmente alle Camere federali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 13:58:28 | 91.208.130.86