Keystone
SVIZZERA
08.01.2019 - 15:580

«L'iniziativa sugli insediamenti è estrema e inutile»

Così si è espresso il comitato di oppositori all'iniziativa in votazione il 10 febbraio. Regazzi: «non tiene conto delle differenze regionali a livello topografico, sociale ed economico»

BERNA - L'iniziativa contro la dispersione degli insediamenti dei Giovani Verdi è "estrema, superflua e inutile" e impedisce lo sviluppo economico in alcune regioni della Confederazione. Lo ha ribadito in conferenza stampa a Berna il comitato di oppositori formato da esponenti del mondo economico elvetico.

Per il consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD/TI), il testo «non tiene conto delle differenze regionali a livello topografico, sociale ed economico». L'imprenditore ticinese ha poi aggiunto che in caso di un sì alle urne il prossimo 10 febbraio «ci saranno solamente perdenti - piccoli e grandi - e tra questi ci sono anche i cittadini della Svizzera italiana».

«La Confederazione è un paese molto diversificato, dove ogni regione presenta preoccupazioni specifiche e deve rispondere a problematiche diverse. L'iniziativa impedisce la ricerca di soluzioni differenziate», ha indicato la consigliera nazionale Christine Bulliard-Marbach (PPD/FR), in qualità di presidente del Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB).

Secondo Diana Gutjahr, imprenditrice turgoviese e consigliera nazionale UDC, «per impedire davvero l'espansione urbana, sarebbe più opportuno semplificare le norme edilizie nelle aree edificate, piuttosto che proporre modelli restrittivi di pianificazione territoriale pieni di divieti. L'iniziativa prevede una moratoria assoluta e vuole imporre le stesse regole a tutti i cantoni. Vuole imporre regole centralizzate dicendoci dove e come dovremmo abitare, vivere e lavorare», ha aggiunto.

Il testo «rappresenta un rischio enorme per la prosperità e il successo della Svizzera», ha sottolineato Leroy Bächtold, membro dei Giovani Liberali-Radicali e imprenditore zurighese, secondo cui l'iniziativa porterebbe a un aumento eccessivo dei prezzi dei terreni edificabili e dunque degli affitti, rendendo difficoltosa la nascita e persino la sopravvivenza di diverse piccole e medie imprese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 17:50:45 | 91.208.130.85