Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
4 ore
Per due anni ha mostrato il dito medio a un multafot
Si tratta di un ciclista che la polizia è riuscita a fermare dopo ventisette sanzioni
SVIZZERA
7 ore
La SSR investe di più nel cinema
Per il periodo 2020-2023 il contributo annuo sarà di 32,5 milioni di franchi, cinque in più rispetto a prima
SVIZZERA
10 ore
Stop alle telefonate delle assicurazioni
È stato raggiunto un accordo riguardo al telemarketing come pure per il pagamento di provvigioni agli intermediari
GRIGIONI
11 ore
È stato un WEF «pacifico»
Dal punsto di vista della sicurezza, le autorità forniscono un bilancio positivo del cinquanesimo Forum
VAUD
12 ore
«C'è una bomba», falso allarme all'ospedale di Payerne
Un uomo non identificato ha fatto scattare un importante dispositivo di sicurezza. La polizia: «Nessuno è stato in pericolo»
GRIGIONI
13 ore
Più di mille ospiti a Casa Svizzera a Davos
L'edificio, situato in posizione centrale presso lo stadio del ghiaccio, è diventato la piattaforma di comunicazione della Svizzera al WEF
SVIZZERA
14 ore
«Occorre preparare il terreno per la crescita»
Il compito assegnato alla Banca centrale europea è «garantire la stabilità finanziaria e dei prezzi nell'economia», spiega Christine Lagarde
FOTO
GRIGIONI
15 ore
In pochi in piazza insieme a Greta a Davos
Solo alcune dozzine di attivisti hanno preso parte al flash mob organizzato nella località che ospita il Forum economico mondiale
BERNA / UNIONE EUROPEA
16 ore
Keller-Sutter: disponibili ad accogliere rifugiati minorenni dalla Grecia
All'incontro con i ministri dell'Interno Ue a Zagabria, la consigliera federale ha sottolineato la precaria situazione umanitaria nel Paese
FOTO
SAN GALLO
16 ore
Fece esplodere una drogheria a Freiburg, lo cercano anche in Svizzera
L'uomo è latitante da mesi, per il suo misterioso attentato dinamitardo potrebbe aver indossato un travestimento
SVIZZERA
08.01.2019 - 11:570

Iniziativa sugli insediamenti: «Occorrono misure urgenti»

È quanto sostengono i promotori dell'iniziativa popolare in votazione il prossimo 10 febbraio

BERNA - «Sono necessarie misure urgenti per per frenare lo sviluppo urbano e proteggere i terreni coltivati». È quanto sostengono i promotori dell'iniziativa popolare "Fermare la dispersione degli insediamenti - per uno sviluppo insediativo sostenibile", unico oggetto in votazione il prossimo 10 febbraio.

«Ogni secondo in Svizzera si perde un metro quadrato di spazio verde, l'equivalente di otto campi da calcio al giorno», ha indicato Luzian Franzini, co-presidente dell'iniziativa e dei Giovani Verdi, secondo cui il testo mira a colmare alcune lacune della revisione della Legge sulla pianificazione del territorio (LPT).

Dall'entrata in vigore (nel maggio 2014) della LPT l'edificazione è stata inadeguata come prima, ha rilevato Bastien Girod, consigliere nazionale (Verdi/ZH) e ricercatore al Politecnico di Zurigo (ETH) in scienze ambientali. «Solo l'iniziativa garantisce che le zone edificabili non continuino a progredire e che il terreno sia gestito in modo efficiente».

Il testo, lanciato dai giovani ecologisti nell'aprile del 2015, è stato depositato il 21 ottobre 2016 alla Cancelleria federale con 113'216 firme valide con l'obiettivo di frenare l'aumento delle zone edificabili in Svizzera. Ne ammette di nuove solo se si procede al cosiddetto "dezonamento" di un'altra superficie di dimensioni equivalenti e con una qualità del suolo comparabile. Inoltre, il progetto mira a promuovere la costruzione di quartieri che consentano alla popolazione di abitare e lavorare nello stesso posto.

«Nessuno pretende che questa iniziativa sia facile da applicare, ma è solo tramite una moratoria sulle zone edificabili che il Consiglio federale e il Parlamento verrebbero obbligati a creare strumenti adatti per proteggere i terreni coltivati e i paesaggi naturali», ha dal canto suo sostenuto il consigliere nazionale Thomas Hardegger (PS/ZH).

Lo scopo del testo è di favorire uno sviluppo degli insediamenti centripeto e di elevata qualità (densificazione) e di autorizzare fuori della zona edificabile esclusivamente edifici e impianti a ubicazione vincolata d'interesse pubblico o destinati all'agricoltura dipendente dal suolo.

«L'iniziativa - anche denominata 'Stop alla cementificazione' - pone le basi dell'urbanizzazione 2.0 e rappresenta un'opportunità per unire alta qualità di vita e debole impatto al suolo», ha ribadito Kevin Morisod, co-promotore del testo. Attualmente, circa un terzo delle aree edificate in Svizzera sono occupate da infrastrutture di trasporto. Secondo la consigliera nazionale Lisa Mazzone (Verdi/GE), un sì il prossimo 10 febbraio metterebbe «un freno all'espansione urbana, garantendo lo sviluppo di una mobilità rispettosa del clima».

L'iniziativa è sostenuta da Verdi, PS, Gioventù socialista, Greenpeace, Iniziativa delle Alpi, Pro Velo, Mobilità pedonale Svizzera e altre organizzazioni. Consiglio federale e Parlamento ne raccomandano la bocciatura, giudicandola troppo ambiziosa.

Commenti
 
il saggiatore 1 anno fa su tio
Se non erro il Popolo e Cantoni svizzeri si sono sempre espressi a favore di un uso più razionale del suolo; una volta lo hanno fatto, addirittura, assumendosi il rischio concreto di diminuire l'attrattiva turistica della Svizzera (che - com'è noto - conta molto sul turismo): mi riferisco all'iniziativa sulle residenze secondarie. Mi stupisce, quindi, che il Consiglio federale e l'Assemblea federale non si stiano muovendo spontaneamente nella stessa direzione dell'iniziativa, ma anzi la osteggino. Per quanto mi riguarda, coerentemente con il concetto di pianificazione che stiamo adottando da quasi quarant'anni, voterò a favore.
dan007 1 anno fa su tio
Si basta costruire per facoltosi investitori stranieri Che non partecipano alla vita sociale del cantone fanno solo alzare i prezzi che sono inabbordabili per noi comuni lavoratori con il reddito più alto al mondo
sedelin 1 anno fa su tio
SÌ!
Liberopensiero 1 anno fa su tio
Per il mendrisiotto ormai è troppo tardi, il cemento è ovunque!
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-25 04:07:57 | 91.208.130.87