Depositphotos
Tutti a casa.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
SVIZZERA
2 ore
Appartamento in fiamme: c'è una vittima
Il corpo è stato scoperto dai pompieri accorsi per domare le fiamme
ZURIGO
5 ore
Un botto durante il controllo, ferito un poliziotto
Ad esplodere è stato un fuoco d'artificio.
URI
6 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
7 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
9 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
SAN GALLO
10 ore
Fiamme al centro riciclaggio, densa e alta la colonna di fumo
Dai primi accertamenti non sembrano esservi persone all'interno dell'edificio
FOTO
URI
10 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
10 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
11 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
12 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
VALLESE
12 ore
Lonza crea 1200 nuovi posti di lavoro a Visp
Assunte già 650 persone. Nell'impianto vallesano sono in funzione tre linee di produzione per il vaccino di Moderna
SVIZZERA
14 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
16 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
1 gior
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
GIURA
1 gior
I cavalli in volo nel cielo del Giura
È stato un successo l'esperimento compiuto giovedì e venerdì da veterinari e dall'esercito
SVIZZERA
1 gior
30mila casi al giorno «sarebbero accettabili»
L'importante è vaccinare le persone a rischio, secondo Valentin Vogt. Le cui argomentazioni non convincono tutti
SVIZZERA
1 gior
A caccia di guadagni su OnlyFans, anche a causa della crisi
Una disoccupata, un'assistente di farmacia e un'assistente di cura raccontano la loro esperienza sul social network.
SVIZZERA
1 gior
Vaccino anti-Covid: effetti collaterali in 1'174 casi
Sinora in Svizzera sono state somministrate 1,6 milioni di dosi. Nessuno ha corso pericoli
SVIZZERA
09.06.2020 - 15:020

L'allarme di Credit Suisse: il Covid affonderà il mercato immobiliare

Homeworking, crisi e fallimenti faranno crollare le domande di superfici commerciali

Secondo il gruppo, l'entità dei danni del lockdown si percepirà solo gradualmente

ZURIGO - Il coronavirus sta accelerando il cambiamento strutturale in atto nel mercato immobiliare: il telelavoro, che si è scoperto funzionare egregiamente, il calo dell'occupazione e i fallimenti aziendali potrebbero avere un impatto negativo sulla domanda di superfici a uso ufficio, afferma uno studio pubblicato oggi da Credit Suisse.

Il contenimento sorprendentemente rapido della pandemia in Svizzera e il progressivo allentamento delle misure protettive non deve trarre in inganno: l'entità dei danni economici del lockdown sarà percepibile solo gradualmente, si legge nel "Monitor immobiliare Svizzera" relativo al secondo trimestre. Il processo di ripresa è destinato a durare a lungo.

Stando agli autori della ricerca si fa strada «l'inquietante immagine di interi uffici deserti: open space senza un singolo lavoratore». Nessuno è seduto alla sua solita scrivania, ma ciò nonostante banche, assicurazioni e studi legali continuano a funzionare senza problemi, operati a distanza da persone che lavorano in regime di home office. I responsabili di molte grandi società globali hanno così fiutato il potenziale di risparmio e stanno già pensando a una riduzione delle superfici.

Homeworking - Per gli specialisti di Credit Suisse il Covid-19 non è una rivoluzione, ma sicuramente ha il potere di accelerare tendenze già esistenti: sebbene il telelavoro fosse tecnicamente possibile già prima della pandemia, solo poche persone erano attive regolarmente da casa. È stato il lockdown a sdoganare questo tipo di approccio e a dimostrare che operare da casa funziona.

Da numerosi sondaggi emerge che la grande maggioranza di lavoratori, anche dopo settimane di home office, non vorrebbe più rinunciare a questa modalità di lavoro. Per quanto riguarda il futuro la domanda non è quindi se verranno spostati impieghi in modalità telelavoro, bensì in che misura ciò avverrà. Soprattutto in considerazione del potenziale di risparmio per molte aziende di servizi, per le quali le spese per i locali rappresentano un decisivo fattore di costo.

Solo dopo aver superato la pandemia sarà possibile determinare in che misura il lavoro verrà svolto in futuro da casa. Le imprese intervistate regolarmente da Credit Suisse prevedono che la quota sarà in media del 14%. Solo una parte di tale percentuale - secondo i sondaggi il 7% - si tradurrà però in un risparmio di spazi per uffici.

In un orizzonte temporale di 10 anni anche gli economisti della banca prevedono nello scenario più probabile risparmi di superficie pari in media al 15%, ma sostengono al tempo stesso che a causa di altri trend strutturali - come la terziarizzazione e la digitalizzazione - la domanda registrerà un calo inferiore.

Occupazione e tendenza - Per Credit Suisse comunque il problema più grave per chi affitta uffici dovrebbe essere innanzitutto costituito dall'atteso calo dell'occupazione: l'istituto si aspetta una contrazione dell'1,5% a fine anno, che si tradurrà in una riduzione della domanda di 770'000 metri quadrati, una quota che equivale ai tre quarti della domanda supplementare cumulativa osservata sul mercato negli ultimi due anni.

Il virus accelera il cambiamento strutturale anche nel commercio al dettaglio: la pandemia ha costretto molti consumatori a ripiegare sull'e-commerce. Non pochi tra loro hanno probabilmente imparato ad apprezzarne i vantaggi e continueranno a effettuare parte dei propri acquisti online: Credit Suisse ritiene che il Covid abbia accelerato il cambiamento strutturale di tre anni.

La pandemia probabilmente penalizzerà anche la domanda di appartamenti in affitto, ma si dovrebbe registrare in questo settore una minore riduzione delle locazioni a lungo termine legata a cambiamenti strutturali. Inoltre, le ampie e tempestive misure di aiuto della Confederazione aiuteranno ad attenuare gli effetti di perdite di reddito e disoccupazione, si dicono convinti gli economisti di Credit Suisse. Gli effetti della crisi manterranno anche i tassi d'interesse bassi per molto tempo, favorendo così le valutazioni degli immobili.

I bassi tassi d'interesse costituiscono una solida base anche sul mercato della proprietà abitativa: assicurano infatti ai proprietari costi estremamente ridotti. In un primo momento il numero di immobili di proprietà pubblicizzati nelle inserzioni è crollato notevolmente, ma da metà aprile si delinea un graduale ritorno alla normalità. Il numero di nuove inserzioni è tuttavia nettamente inferiore al livello pre-crisi. Anche in questo settore la strada verso la piena ripresa è quindi da considerarsi ancora lunga, conclude lo studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 10 mesi fa su tio
Mah , che ci sia una ripresa nelle costruzioni lo vedo nel mio paesello. Cinque casa unifamiliari appena finite e mondine per altre sei. Tra poco non ho più spazio per far fare la pipì al cane-;)))
Tato50 10 mesi fa su tio
@Tato50 Tatooo "case" e "modine". Le "mondine" sono altra cosa. Maledetti "ditoni" !!!
pillola rossa 10 mesi fa su tio
Non è colpa del virus. Come questo ce ne sono molti altri. La colpa è dell'idiozia.
lo spiaggiato 10 mesi fa su tio
Anche mio cugggino muratore fa il telelavoro... :-))))
Tato50 10 mesi fa su tio
@lo spiaggiato Il famoso "telemattone" -;)))
Corri 10 mesi fa su tio
Il telelavoro è sopratutto ancora dividere le persone, non si farà più contatti, conoscenze ecc. sarà casa, lavoro, spesa, tv e nient'altro, magari un pò di sport. Non sarà più una vinta normale.
Tarok 10 mesi fa su tio
il credit suisse non ne imbrocca una da molto tempo. sono anni che prevedono la crescita dei tassi d’interesse mentre il tasso libor é sceso sotto zero! scienziati!
F/A-18 10 mesi fa su tio
Il problema sorgerà quando si capirà che il telelavoro si potrà fare anche con impiegati che lavorano non da casa ma dall’India, dalla Cina, da Napoli, dal Portogallo, dai Caraibi, dal Sud America, da posti dove gli impiegati costano 3 euro o qualche dollaro all’ora. A quel punto li capiremo che tutto il mondo dovrà essere rivoluzionato.
roma 10 mesi fa su tio
..che bello. Non dovrò più stare in colonna a "trattare" benzina.
Canis Majoris 10 mesi fa su tio
Fantastico! Telelavoro per tutti coloro che lo possono fare! Meno stress, meno traffico, più tempo libero e più posteggi liberi. Magari lo facessero tutti!
seo56 10 mesi fa su tio
Questa è una bella notizia!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 00:02:40 | 91.208.130.86