Keystone
SVIZZERA
30.03.2020 - 13:130

I manager a capo di ABB rinunciano al 10% del proprio stipendio

La decisione è stata presa per alleggerire l'impatto della crisi dovuta al coronavirus

ZURIGO - In vista di un secondo trimestre che si annuncia "difficile", i top manager di ABB hanno deciso di rinunciare a parte del proprio stipendio.

La misura, un taglio del 10% dei bonus, entra nel contesto di riduzione di tutti i costi non essenziali, per affrontare al meglio la possibile crisi dovuta alla pandemia. ABB intende anche intensificare gli sforzi in materia di efficienza.

Più nel dettaglio, il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Esecutivo di ABB hanno deciso di rinunciare volontariamente e immediatamente al 10% della remunerazione e dello stipendio per il periodo della crisi. L'obiettivo è anche quello di mandare un segnale di solidarietà ad altri livelli di gestione dell'azienda.

ABB ha inoltre rinunciato a fissare obiettivi per l'esercizio 2020 a causa degli effetti legati al coronavirus. Il gruppo industriale dispone ad ogni modo di liquidità a sufficienza per superare la difficile situazione. «Le condizioni quadro economiche si sono deteriorate a causa della pandemia e dell'abbassamento dei prezzi del petrolio», ha sottolineato ABB in un comunicato odierno.

Particolarmente toccata dalla situazione dovrebbe essere la divisione robotica, con un calo del 20% delle entrate e delle nuove ordinazioni fra gennaio e fine marzo. Anche il margine operativo (Ebita) risentirà della crisi, ma il calo verrà compensato con misure di risparmio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 09:19:06 | 91.208.130.87