Keystone
Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
12 min
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVIZZERA
17 min
Milestone 2019, premiata una start-up di Zermatt
La "Bonfire", attiva nell'ambito della comunicazione digitale, appartiene all'ente turistico e alle Ferrovie di montagna della località vallesana
SVIZZERA
3 ore
Miliardo di coesione, accordo in vista fra le Camere
La commissione di politica estera del Nazionale raccomanda al plenum di allinearsi alla posizione degli Stati e del governo
SVIZZERA
3 ore
Schengen/Dublino, un centinaio di milioni per le banche dati
La commissione di politica estera del Nazionale ha approvato il versamento
GRIGIONI
3 ore
Niente cittadinanza onoraria per il fondatore del WEF
Il Canton Grigioni rivela che non esiste la base legale per compiere questo passo: «Stiamo vagliando ulteriori possibilità per onorare i meriti di Schwab»
SVIZZERA
4 ore
Collaboratori esterni a Berna, ci sono margini di miglioramento
Lo rileva la Commissione della gestione degli Stati, che ha espresso soddisfazione per l'intervento del governo
SVIZZERA
4 ore
Una donna raccoglierà il testimone di Levrat?
L'ipotesi prende forma in vista del prossimo Congresso del partito, che si terrà a Basilea il 4 e 5 aprile
BERNA
5 ore
Grave incidente nucleare, siamo pronti?
Da domani a venerdì la centrale atomica di Beznau sarà teatro di un'esercitazione generale
SVITTO
5 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
5 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
SVIZZERA
21.06.2019 - 15:430

Libra a Ginevra, Maudet: «Una rivoluzione da accompagnare»

L'arrivo dell'associazione che gestirà la nuova criptovaluta di Facebook anima il mercato con tutti i suoi diversi attori

GINEVRA - L'arrivo a Ginevra di Libra, l'associazione che gestirà la nuova criptovaluta di Facebook, è una sfida per le organizzazioni internazionali, le autorità pubbliche e le banche e offre grandi opportunità, secondo il consigliere di Stato Pierre Maudet. Il "ministro" dell'economia ginevrino insiste sulla necessità di accompagnare la "rivoluzione blockchain" invece di subirla.

«L'impatto della creazione a Ginevra dell'associazione Libra - che sarà anche il nome della nuova moneta digitale di Facebook - non si misura in termini di posti di lavoro, ma di influenza e sviluppo di un intero ecosistema», ha osservato Maudet in un'intervista rilasciata all'agenzia AWP. «Creerà fermento e incoraggerà la messa in rete di ricercatori, ingegneri, accademici, start-up, ecc.».

Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione, come l'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), l'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI) o l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), afferma il consigliere di Stato. «La blockchain è sia un'estensione di Internet che una nuova rivoluzione di portata paragonabile», ha aggiunto Maudet precisando che «il cambiamento deve essere accompagnato piuttosto che subito».

A suo avviso, è per questa ragione che Visa e Mastercard sono membri dell'associazione Libra, anche se la nuova tecnologia minaccia direttamente la loro attività. La blockchain e le criptovalute permettono infatti di evitare le intermediazioni consentendo gli scambi da persona a persona, con la massima trasparenza (a seconda del modello scelto) e con un registro dei dati considerato impossibile da falsificare.

«Non dobbiamo essere ingenui o compiacenti (riguardo agli interessi di Facebook e di altri), ma il fatto che la futura valuta sia basata su un paniere di divise è una buona notizia», secondo il politico ginevrino. «Non tutte le istituzioni della piazza finanziaria locale hanno colto la portata del cambiamento in corso, ma il settore dovrà comunque adattarsi, come l'economia nel suo complesso», sottolinea.

«Le banche tradizionali sono naturalmente scettiche, ma abbiamo visto, quando il segreto bancario è stato abbandonato, che una mancanza di preparazione potrebbe essere molto dolorosa. Meglio quindi sostenere il cambiamento. Le prime reazioni del mondo bancario ginevrino non sono state così negative come mi sarei aspettato», ha aggiunto il consigliere di Stato.

Per quanto l'Autorità federale della sorveglianza dei mercati (FINMA), Maudet ritiene che questa sarà ufficio di "acceleratore" del cambiamento - vista la politica federale favorevole alla blockchain - ma anche regolatore. Attualmente la Finma è in contatto con i promotori del progetto Libra per stabilire se si applica il diritto di sorveglianza svizzero e attraverso quale tipo di autorizzazione.

A Ginevra l'arrivo di Libra riporta in cima alla lista della priorità il progetto di campus blockchain caro a Maudet, che finora ha avuto difficoltà a decollare a causa di interessi divergenti. Esistono ancora rischi, ma «le opportunità di questa tecnologia sono enormi, ad esempio per migliorare la tracciabilità delle merci. Gli ambienti medici stanno attualmente valutando progetti blockchain per combattere le frodi nel settore dei farmaci». In questo contesto, Maudet considera il progetto Libra come un passo positivo per "l'ecosistema" ginevrino e svizzero, in particolare di fronte a concorrenti come Singapore e Tel Aviv, che sono pure in prima fila per questa tecnologia.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:58:36 | 91.208.130.86