20min/News-Scout
LUCERNA
28.09.2021 - 08:030
Aggiornamento : 08:49

La polizia ha fermato cinque siriani per lo scontro in cui è morto un ventenne

Forse una questione di soldi all'origine del fatto di sangue avvenuto sabato nel Canton Lucerna

Fonte 20 Minuten / Gianni Walther, Gabriela Graber e Rochus Zopp
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

LUCERNA - «Era un giovane con un grande cuore, una morte così non se la meritava. Non ci posso ancora credere». È quanto dice I.I.*, che ha frequentato la scuola professionale con A.N.*, il ventenne kosovaro che sabato dopo le 19.15 è rimasto ucciso in una lite scoppiata in una stazione di servizio di Geuensee, nel Canton Lucerna.

Nello scontro sono anche rimaste ferite più persone, di cui almeno sei in modo grave. Sarebbero stati impiegati anche degli «oggetti», come ha fatto sapere oggi la locale polizia cantonale. Presumibilmente si tratta di coltelli.

Le autorità hanno inoltre comunicato che alla rissa hanno preso parte cittadini siriani, iracheni, macedoni e svizzeri. Diverse persone sono finite in manette. Si tratta di cinque siriani, come ha fatto sapere il portavoce Simon Kopp, interpellato da 20 Minuten.

Il motivo all'origine dello scontro è attualmente al vaglio dell'inchiesta di polizia. Secondo informazioni di 20 Minuten, si sarebbe trattato di una questione di soldi: il giovane avrebbe avuto l'intenzione di aiutare un amico a incassare un debito. La somma di denaro era dovuta per l'acquisto di un inventario di un bar. L'incontro sarebbe stato fissato alla stazione di servizio, ma il debitore avrebbe mandato un amico per «regolare i conti».

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 09:37:19 | 91.208.130.89