20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
SVIZZERA
29 min
Mozione abate appesa a un filo
Anche il Nazionale potrebbe non entrare in materia nel merito sul salario minimo per i lavoratori distaccati
SVIZZERA
1 ora
La multa per chi dissimula il proprio volto
Scatta la procedura per l'attuazione nel Codice penale della misura approvata in votazione lo scorso 7 marzo
SVIZZERA
1 ora
Occhio a questo climatizzatore: c'è il rischio di rimanere folgorati
MediaMarkt e l'Ufficio federale del consumo avvertono di «pericolo d'incendio e folgorazione»
SVIZZERA
2 ore
Legge Covid-19, c'è chi sospetta che il voto verrà truccato
Alcuni sostenitori del no raccomandano di controllare da vicino i conteggi effettuati nei Comuni.
ZURIGO
2 ore
Gli cade addosso un albero, morto un 64enne
L'incidente è accaduto nel primo pomeriggio di ieri.
SVIZZERA
13 ore
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
14 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
17 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
20 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
20 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
ZURIGO
03.08.2021 - 09:500
Aggiornamento : 15:18

«Il poliziotto mi ha mandato messaggi privati e un selfie»

Gina B. ha subito delle molestie in piscina. Quindi ha chiamato la polizia.

Uno degli agenti, però, dopo l'intervento ha iniziato a scriverle tramite Whatsapp. Secondo la polizia si è trattato di uno «sfortunato disguido».

ZURIGO - Circa un mese fa, la zurighese Gina B. ha subito molestie sessuali in una piscina. «Un uomo ha fatto commenti sgradevoli sui nostri corpi, ci ha insultate e ha continuato nonostante la chiara richiesta di lasciarci in pace», racconta a 20 Minuten. Essendo questo individuo diventato sempre più aggressivo, alle sventurate è toccato chiedere l'intervento della polizia. Dieci minuti dopo, con l'arrivo di due agenti, il molestatore se l'è data a gambe.

«I due agenti non lo hanno inseguito, tuttavia ci hanno tranquillizzate e hanno preso nota dei nostri dati personali», afferma la studentessa di psicologia. Durante l'intervento, i poliziotti si sono comportati in modo molto amichevole e professionale. «Per questo sono rimasta ancora più scioccata quando uno dei due, circa un mese dopo, mi ha scritto in privato su Whatsapp inviandomi un selfie in uniforme», racconta Gina.

«Oh scusa, non era per te» - Come si evince dalla cronologia della chat, il poliziotto avrebbe prima scritto un messaggio, sostenendo poi che questi era stato inviato per errore. «Oh scusa, non era per te», ha inizialmente scritto. Tuttavia, un minuto dopo ha inviato a B. una sua foto in uniforme e ha commentato: «Il tuo numero è stato salvato a Dietikon, a causa dell'idiota molestatore».

La ragazza però non ha accolto di buon grado l'approccio del funzionario di polizia. Ciò che la disgusta in particolar modo è il contesto di tutta questa vicenda: «Ho dovuto chiamare la polizia perché sono stata molestata, e alla fine sono stata molestata di nuovo dalla persona che avrebbe dovuto proteggermi». Per la ragazza è deprecabile che l'agente abbia abusato della sua posizione. «I dati personali non dovrebbero essere utilizzati in modo improprio, soprattutto non dalla polizia». B. non sporgerà denuncia - non vuole più avere niente a che fare con la polizia.

«Uso improprio dei dati» - Secondo un funzionario del Centro di consulenza per le donne vittime di violenza, la reazione di B. è comprensibile: «L'agente ha fatto un uso improprio delle informazioni in suo possesso. Inoltre, è vietato utilizzare contatti ottenuti in ambito professionale per interessi privati». Questo vale sia un assistente sociale che per un agente di polizia.

«Whatsapp inviato per errore» - Ulrich Pfister, comandante della polizia di Schlieren/Urdorf, parla di una «catena di circostanze sfortunate». «Nel caso in esame - spiega -, i dati personali non sono stati salvati solo nelle banche dati della polizia, ma anche sul cellulare dell'agente». Questo è successo con il consenso della donna ed è una prassi comune nei casi in cui l'autore del presunto crimine si sia dato alla fuga e sia oggetto di ricerche da parte della polizia.

Sei settimane dopo, il disguido: «Il poliziotto voleva inviare a un amico un saluto con due emoji», sostiene Pfister. «Purtroppo ha confuso i due cellulari che portava con sé, e poiché il nome del suo conoscente iniziava con le stesse quattro lettere della donna, ha inviato il messaggio al destinatario sbagliato». Quando l'ufficiale ha riconosciuto l'errore si è scusato. «Ha inoltrato il selfie in modo che la donna potesse vedere che era davvero un agente di polizia».

Le dichiarazioni e i messaggi dell'ufficiale sono stati verificati e corrispondono alla sequenza degli eventi da lui descritti, afferma Pfister. «Non aveva intenzione di contattare la donna, né voleva mandarle un WhatsApp e disturbarla». Il caso sarà oggetto di ulteriori indagini interne per evitare che situazioni simili s ripresentino in futuro. «Per l'ufficiale di polizia, che è conosciuto come una persona seria, responsabile e impegnata, non ci saranno conseguenze».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 12:44:14 | 91.208.130.89