Cerca e trova immobili

SVIZZERAMaltempo: la situazione migliora, ma i pericoli restano

31.01.21 - 12:38
La circolazione stradale e ferroviaria è ancora difficoltosa in diverse zone a causa soprattutto del pericolo valanghe.
Keystone
La frana che minaccia Raron (VS)
La frana che minaccia Raron (VS)
Fonte ats
Maltempo: la situazione migliora, ma i pericoli restano
La circolazione stradale e ferroviaria è ancora difficoltosa in diverse zone a causa soprattutto del pericolo valanghe.
Disagi anche per alcuni abitanti di Raron (VS) che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni dopo alcuni smottamenti.

BERNA - Malgrado il miglioramento sul fronte meteorologico, nel Basso Vallese e nel nord-est della Svizzera persiste ancora un elevato pericolo di valanghe. Tutto ciò, assieme alle esondazioni registrate in varie regioni del Paese, sta mettendo in difficoltà la circolazione di treni e automobili.

Secondo l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe di Davos, anche oggi il pericolo di slavine rimane elevato (4 su 5) nel Basso Vallese, ma anche sulla cresta alpina settentrionale dalla regione del Grimsel all'Alpstein e nel nord dei Grigioni. In altre parti del Paese il rischio di scoscendimenti rimane marcato.

Nonostante ciò, il trasporto ferroviario, che era stato sospeso per diversi giorni a causa delle valanghe sul versante Vallesano, ha potuto riprendere domenica a mezzogiorno sul Lötschberg. È stato anche possibile riavviare i collegamenti lungo la Furka tra Oberwald (VS) e Realp (UR).

La linea ferroviaria tra Visp (VS) e Täsch (VS) è anche di nuovo agibile, come pure il collegamento tra Andermatt (UR) e Dieni (UR) La stazione di carico tra Andermatt (UR) e Sedrun (GR) dovrebbe riprendere a funzionare lunedì, ha comunicato la Matterhorn Gotthard Bahn.

Nell'Oberland bernese, il traffico ferroviario è ancora interrotto tra Brienz (BE) e Interlaken (BE) a causa di una valanga scesa giovedì. Autobus sostitutivi sono in funzione.

In Vallese, la situazione a Raron preoccupa ancora. Un'altra piccola frana si è verificata durante la notte nella cava che sovrasta il paese. Venerdì è stato ordinato l'allontanamento di settantasei abitanti. Oggi hanno potuto far rientro alle loro case accompagnati dai pompieri per recuperare indumenti e altri articoli essenziali. Tuttavia, l'area interessata è tutt'ora sbarrata.

Sul fronte delle inondazioni, la situazione è migliorata. A Basilea, il livello del Reno è calato di nuovo sotto il livello di guardia. Il divieto di circolazione per i traghetti è stato revocato.

Più difficile la situazione al Greifensee, nel cantone di Zurigo. Secondo informazioni delle autorità di Uster pubblicate su Twitter, il lago è straripato in alcuni punti. Diversi tratti stradali sono chiusi.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE