Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Altri 411 milioni a preventivo
Il Nazionale ha approvato una seconda aggiunta ale uscite nel bilancio 2021.
URI
37 min
Incidente sul lavoro al San Gottardo, 20enne in pericolo di vita
Il 20enne è stato colpito da un escavatore. La sua vita è in pericolo.
BASILEA CITTA'
1 ora
Vendite per vari milioni nel primo giorno di Art Basel
Il prezzo massimo di 6,5 milioni di dollari è stato raggiunto da un dipinto ad olio astratto.
BERNA
2 ore
I giovani lupi del branco di Stagias non verranno uccisi
L’Ufam ha constatato che i criteri necessari non sono soddisfatti.
SVIZZERA
2 ore
Oltre 260'000 firme per mantenere i test gratuiti
Sono state consegnate oggi alla Cancelleria federale a Berna.
SVIZZERA
3 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
SVIZZERA
3 ore
Istruzione e lavoro per i rifugiati, oltre 17'000 firme raccolte
Una petizione ritiene «insufficiente» l'integrazione di queste persone e chiede «un accesso semplificato».
SAN GALLO
3 ore
Cade dal primo piano, muore un operaio
Incidente sul lavoro ieri pomeriggio a San Gallo: nella caduta un 45enne ha riportato gravissime ferite alla testa.
GINEVRA
4 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
GRIGIONI
4 ore
Al via il secondo tour del vaxbus grigionese
Buon risultato della prima tornata: 3'900 persone si sono vaccinate attraverso questa modalità.
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA
4 ore
Test coatti per gli stranieri espulsi
La misura d'urgenza è stata approvata dalle Camere, nonostante l'opposizione rosso-verde
BERNA
20.05.2020 - 18:400
Aggiornamento : 20:01

Caso Lauber, la commissione decide di avviare un procedimento di destituzione

Lo ha dichiarato il consigliere agli Stati Andrea Caroni. Si tratta di una prima assoluta in Svizzera

BERNA - La Commissione giudiziaria dell'Assemblea federale ha deciso di avviare un procedimento di destituzione contro il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber sulla base di un sospetto fondato di violazione grave dei doveri d'ufficio. Si tratta di una prima assoluta in Svizzera.

Lo ha dichiarato questa sera ai media il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR). L'avvio della procedura di destituzione del procuratore generale è stata decisa - per 13 voti a 4 - al termine dell'audizione odierna di Lauber, durata un paio d'ore. Il diretto interessato uscendo dal colloqui aveva sostenuto che l'incontro era «andato bene».

Secondo la Legge federale sull'organizzazione delle autorità penali della Confederazione, è possibile destituire un membro del Ministero pubblico della Confederazione (MPC), prima della scadenza del suo mandato, se esso ha violato gravemente i suoi doveri d'ufficio intenzionalmente o per negligenza grave, oppure se ha durevolmente perso la capacità di esercitare il suo ufficio. Secondo Caroni, entrambe le condizioni sono soddisfatte.

Audizione in due parti - L'audizione a Lauber si è svolta in due parti: la prima dedicata alle mancanze di cui il procuratore generale si è reso colpevole sia prima, sia durante il procedimento disciplinare aperto lo scorso maggio da parte dell'Autorità di vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

Lo scorso marzo quest'ultima ha concluso che il magistrato ha infranto diversi doveri d'ufficio: ha ripetutamente detto il falso, ha agito in modo sleale e ha violato il codice di condotta dell'MPC in modo «gravemente negligente».

Lauber ha deciso di fare ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF), accusando - tra le altre cose - di parzialità l'Autorità di vigilanza.

Una minoranza della Commissione giudiziaria era dell'opinione che prima di decidere in merito all'apertura di un procedimento si sarebbe dovuto attendere la sentenza del TAF.

Inoltre, nella seconda parte dell'audizione, la commissione ha ascoltato Lauber sui dati resi pubblici dopo lo scorso 2 marzo, «in particolare sulle rilevazioni concernenti altri presunti contatti tra la FIFA e gli inquirenti federali, la pubblicazione di uno scambio di e-mail sulle intenzioni di Gianni Infantino nella primavera 2016 e la prescrizione - avvenuta lo scorso 27 aprile - del primo processo FIFA», si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Forse al voto l'Assemblea federale - Se la Commissione, al termine del procedimento, constaterà che Lauber ha effettivamente violato gravemente, in modo intenzionale o per negligenza grave, i suoi doveri d'ufficio, essa trasmetterà una proposta di destituzione all'Assemblea federale.

Il Parlamento dovrà poi decidere in merito. In caso contrario il procedimento sarà abbandonato. È tuttavia improbabile che le due Camere si esprimeranno già nel corso della Sessione estiva di giugno, poiché "è troppo presto", ha spiegato Caroni.

La questione di un'eventuale richiesta di dimissioni da parte di Lauber non è stata presa in considerazione dalla Commissione, ha precisato Caroni rispondendo ai giornalisti a Berna. Non è infatti loro compito convincere qualcuno a dimettersi, ha aggiunto.

Pressione politica

Diversi consiglieri nazionali e agli Stati ritengono che l'allontanamento di Lauber sia la migliore soluzione. A inizio maggio i gruppi parlamentari del PS e del centro (PPD/PEV/PBD) hanno chiesto al procuratore generale di dimettersi.

Lo scorso settembre, l'Assemblea aveva rieletto di misura Lauber a capo del MPC fino al 2023. I voti erano stati solo 129 voti sui 243 validi, poco al di sopra dei 122 necessari.

Le sue dimissioni erano già state richieste in precedenza in Parlamento e la commissione giuridica si era pronunciata contro la rielezione di Lauber.

La presa di posizione del MPC

In una breve presa di posizione inviata all'agenzia Keystone-ATS, la Procura federale ha indicato che l'avvio del procedimento nei confronti di Lauber non ha «alcuna ripercussione sulle attività operative» del MPC.

Lauber, dal canto suo, ha preso atto dell'apertura di tale procedimento, aggiungendo che continuerà ad assumere la responsabilità gestionale conferitagli dal Parlamento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 13:35:44 | 91.208.130.85