keystone
GINEVRA
31.03.2020 - 14:260
Aggiornamento : 15:33

L'SOS dell'aeroporto: «Possiamo resistere fino a giugno»

È tempo di bilanci e previsioni. Ma lo scalo ginevrino tiene duro e assicura lo stipendio a tutti i dipendenti

GINEVRA - «Siamo in grado di resistere fino alla fine di giugno. Poi, dovranno essere trovate soluzioni finanziarie». L'appello al canton Ginevra arriva dallo scalo ginevrino. «Appellarsi al Governo, fa parte delle soluzioni da prendere in considerazione», ha ammesso Ignace Jeannerat, portavoce dell'aeroporto di Ginevra.

La piattaforma, che ha registrato il 30 marzo la sospensione completa delle operazioni da parte di EasyJet (il suo principale cliente), afferma di sapere che avrà «bisogno di fondi aggiuntivi per garantire una necessaria liquidità».

Discussione con la Confederazione - L'aeroporto non ha tuttavia richiesto assistenza finanziaria alla Confederazione. «Ma abbiamo chiesto di intraprendere azioni volte a garantire la sopravvivenza del sistema di trasporto aereo svizzero (compagnie, aeroporti, partner, ecc.) E quindi garantire, dopo la crisi, un'ampia connettività della Svizzera con il mondo. Questo è molto importante per l'economia regionale e nazionale».

Supporto per EasyJet - Secondo Ignace Jeannerat, una discussione in questo senso con la Confederazione «è aperta». Allo stesso modo, l'aeroporto ritiene che la questione del sostegno diretto da Berna a EasyJet Svizzera «non deve essere automaticamente esclusa», essendo la società «un attore importante nel sistema aereo svizzero, in particolare per gli aeroporti di Ginevra e Basilea».

L'aeroporto non è a un passo dalla crisi. Jeannerat indica che, secondo i diversi scenari studiati, «potremmo però registrare una perdita finanziaria alla fine dell'anno». «I risultati previsti possono essere diversi».

Salari garantiti - L'aeroporto indica di aver richiesto all'ufficio di collocamento cantonale di beneficiare del regime di lavoro ridotto. «Chiunque sia a casa, che non sia in grado di svolgere il proprio lavoro a casa o non sia in congedo, è considerato parzialmente disoccupato dal 16 marzo». Sebbene queste indennità coprano solo l'80% degli stipendi, «lo scalo - assicura il portavoce - si impegna a pagare il 100% di ogni stipendio».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 03:01:04 | 91.208.130.86