Archivio Depositphotos
BASILEA CITTÀ
09.03.2020 - 15:030

Tifo violento: condannata una decina di hooligan

I fatti risalgono al 19 maggio del 2018. La Corte: «La decisione è stata difficile»

BASILEA - Il Tribunale penale di Basilea ha condannato oggi una decina di hooligan, in gran parte zurighesi, per una maxi rissa scatenata nella città renana il 19 maggio 2018. Tre tifosi violenti verranno posti in detenzione, uno dei quali tre anni per numerosi reati. Le violenze sono state commesse da diverse decine di persone di diversi schieramenti a margine della partita di calcio tra i rossoblu e il Lucerna.

In totale sono stati condannati sei cittadini svizzeri di età compresa tra i 23 e i 36 anni, due tedeschi di 24 e 31 anni, due italiani di 31 e 35 anni, un 28enne serbo e un 25enne siriano. I tifosi violenti sono perlopiù zurighesi - sostenitori di FC Zurigo e Grasshopper - ma anche del club tedesco Karlsruher SC.

Le aggressioni si sono verificate al termine del campionato elvetico di Super League: una quarantina di sostenitori zurighesi si è recata nella città renana per cercare lo scontro. Nel corso della rissa diverse persone hanno subito lesioni e sono state ricoverate in ospedale, oppure sono andate per conto proprio al pronto soccorso. Molti di loro sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo della polizia.

La giustizia basilese ha utilizzato la mano pesante in particolare nei confronti del 25enne siriano: tre anni di reclusione senza condizionale per ripetute tentate lesioni personali, rissa, sommossa e altri reati. Il giovane, residente a Zurigo, aveva già precedenti penali e ha agito senza scrupoli e in modo brutale, ha indicato oggi la giudice. Ha colpito violentemente persone già a terra, mostrando indifferenza per la vita delle altre persone.

Il 25enne, fuggito dalla Siria, è stato oggetto di ripetute indagini penali in passato, ma la giudice ha deciso comunque di non pronunciare l'espulsione dal Paese. «La decisione è stata difficile» ha indicato la presidente della Corte, soprattutto perché l'uomo ha mostrato un grado di violenza spaventoso.

Una secondo tifoso zurighese, 23enne, dovrà scontare sei mesi di carcere (senza condizionale), mentre un 31enne è stato condannato a 22 mesi di prigione, di cui sei da scontare, per lesioni gravi.

Ad altri sette hooligan sono state inflitte pene minori e multe. Diversi imputati sono invece stati assolti poiché non sono stati chiaramente identificati nei video usati come prova.

Le condanne inflitte dalla Corte basilese riguardano anche due tifosi violenti della squadra di calcio del Basilea: un 34enne dovrà pagare 120 aliquote giornaliere da 100 franchi per sommossa. È invece stato assolto dall'accusa di rissa poiché, secondo la giudice, ha commesso violenze solo dopo essere stato aggredito. Assolto anche un secondo hooligan basilese 31enne, in un processo separato, poiché "a differenza dei sostenitori dello Zurigo, non ha picchiato la gente indiscriminatamente". Quest'ultimo è tuttavia stato condannato per infrazione alla legge sugli stupefacenti a una multa di 300 franchi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 04:21:40 | 91.208.130.85