archivio TiPress
ARGOVIA
10.07.2017 - 14:480

L'anemia infettiva equina è tornata in Svizzera

Quello riscontrato su un cavallo a Mülligen è il primo caso registrato dal 1991

MÜLLIGEN - Un caso di anemia infettiva equina - il primo in Svizzera dal 1991 a questa parte - è stato registrato su un cavallo nel comune di Mülligen (AG). Per precauzione, le autorità argoviesi hanno vietato il trasporto di equini nella regione.

Il virus non sembra aver contagiato altri animali, ha reso noto oggi il Dipartimento cantonale della sanità. Il servizio veterinario ha tuttavia fissato una zona di quarantena, con un raggio di circa un chilometro, entro la quale è vietato il commercio e il trasporto di cavalli ed altri equini per i prossimi 90 giorni.

L'anemia infettiva equina è una malattia virale che può contagiare anche asini e muli. Non è trasmissibile all'uomo e provoca sintomi quali attacchi di febbre alta, anemia, dimagrimento e cali del rendimento.

La malattia ha una bassa mortalità, ma i cavalli infettati rimangono portatori del virus per tutta la vita. Per questo motivo gli animali che contraggono il virus devono venir soppressi con una puntura, com'è stato il caso per il cavallo di Mülligen.
 
 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 00:04:31 | 91.208.130.86