Cerca e trova immobili

CONFERENZA DI PACEIl presidente lettone: «Sono positivamente sorpreso»

17.06.24 - 07:54
Ma non ingenuo: «Per me il 2024 è un anno perso», ha detto. Rimane da capire come integrare nel processo la Cina.
KEYSTONE/EDA/POOL/Urs Flueeler
Fonte ats
Il presidente lettone: «Sono positivamente sorpreso»
Ma non ingenuo: «Per me il 2024 è un anno perso», ha detto. Rimane da capire come integrare nel processo la Cina.

BÜRGENSTOCK - Il presidente lettone Edgars Rinkevics si è detto «positivement surpris» dopo la conferenza di pace sull'Ucraina al Bürgenstock (NW). La Svizzera ha dato un contributo importante con questo vertice, ha dichiarato Rinkevics in un'intervista.

Era importante riportare l'Ucraina sulla scena mondiale, ha dichiarato Rinkevics in un'intervista pubblicata oggi da Tamedia.

Il fatto che la Svizzera abbia tenuto il vertice con l'Ucraina e altri Paesi che la pensano allo stesso modo ha dimostrato che può ancora svolgere il suo ruolo di partner nei negoziati, ha precisato il presidente lettone. «Vorrei anche sottolineare il fatto che si è associata ad alcune sanzioni internazionali», ha detto.

Secondo Rinkevics, la conferenza è andata meglio del previsto. Ci sono stati tentativi di impedire la partecipazione dei Paesi del Sud, ma non hanno avuto successo.

2024, l'anno perso - Rinkevics non si aspetta un'altra conferenza quest'anno. Molto dipenderà dal processo diplomatico, ha detto. Una delle questioni centrali rimane quella di come integrare la Cina. «Ma non sono ingenuo: per me il 2024 è un anno perso», ha aggiunto.

Al termine dell'incontro, la grande maggioranza dei presenti alla conferenza sull'Ucraina ha chiesto la partecipazione di «tutte le parti» a un processo di pace. Tuttavia, sono rimasti divisi sulla questione chiave di quando e come la Russia dovrebbe essere coinvolta.

Secondo le stime di Rinkevics, la Russia attende le elezioni americane prima di prendere qualsiasi decisione. Ha inoltre sottolineato le nuove elezioni in Francia, la composizione ancora incerta della Commissione europea e la realtà militare in Ucraina. «A mio avviso, i russi non hanno alcun interesse a provocare grandi cambiamenti prima della fine dell'anno», ha dichiarato Rinkevics.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE