Cerca e trova immobili

SVIZZERASedici coccodrilli sacri, allevati a Losanna, partono per il Marocco

12.06.24 - 15:56
Andranno a ripopolare l'ambiente naturale dal quale erano scomparsi 60 anni fa
Keystone
Fonte Ats
Sedici coccodrilli sacri, allevati a Losanna, partono per il Marocco
Andranno a ripopolare l'ambiente naturale dal quale erano scomparsi 60 anni fa

LOSANNA - Allevati dall'acquario Aquatis di Losanna, sedici giovani coccodrilli sacri hanno preso oggi, 12 giugno, la strada per il Marocco. Sessant'anni dopo la loro scomparsa dal territorio, saranno reintrodotti gradualmente nel loro ambiente naturale, una prima nel continente africano.

«Dotati di microchip per il loro passaggio alla dogana, i rettili sono stati collocati in singoli e stabili compartimenti», ha dichiarato oggi a Keystone-ATS Michel Ansermet, direttore dell'acquario Aquatis. «Tutto è filato liscio e in totale tranquillità», ha aggiunto.

Comodamente sistemati, i coccodrilli sono stati poi condotti da un trasportatore speciale in un furgone a Ginevra e poi in un aereo. «Il volo per Agadir è programmato per arrivare di notte, in modo che gli esemplari non siano esposti al calore», ha detto Ansermet, che li accompagna.

Il direttore dell'acquario ha precisato che i rettili attualmente hanno una lunghezza tra i 42 centimetri e 1,06 metri. Due sono nati nel 2019 e gli altri 14 nel 2022.

I 16 coccodrilli saranno accolti in un primo tempo in una piscina appositamente attrezzata del Crocoparc di Agadir, un "centro grande e ben progettato", fino a quando avranno completato la loro crescita raggiungendo la lunghezza di 1,30 o 1,40 metri. Dovranno adattarsi alle temperature del Paese e imparare a cavarsela da soli", spiega lo zoologo.

Mentre alcuni esemplari saranno conservati al Crocoparc per formare un nucleo di riproduzione della specie, «tra un anno, nel maggio 2025, rilasceremo gli altri in natura. Questo avverrà nel sud del Marocco in guelta, cioè in pozze d'acqua nel Sahara», ha detto l'esperto.

«La reintroduzione di questa specie è la prima in Africa e la seconda a livello mondiale. Lo zoo di Colonia (Germania) ha reintrodotto in effetti coccodrilli delle Filippine in questo arcipelago nel 2023», sottolinea lo specialista.

Il coccodrillo sacro - una specie che «ha un buon carattere ed è meno aggressivo dei suoi congeneri del Nilo» - è scomparso dal Marocco circa sessant'anni fa. In grave pericolo di estinzione, si pensa che ne siano rimasti tra i 3500 e i 5000 esemplari al mondo.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE