Cerca e trova immobili

SAN GALLOAvvocato chiede lumi su un software spia, il tribunale dice che è un segreto di Stato

18.01.24 - 09:34
L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) si era rifiutato di fornire informazioni.
Foto Deposit
Fonte ATS
Avvocato chiede lumi su un software spia, il tribunale dice che è un segreto di Stato
L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) si era rifiutato di fornire informazioni.

SAN GALLO - Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha sconfessato un avvocato che voleva consultare il contratto per la fornitura di un software spia israeliano utilizzato dalla Fedpol e dai servizi segreti. L'avvocato sospettava che si trattasse del controverso programma Pegasus della società NSO.

Il ricorrente aveva presentato la richiesta di informazioni a metà agosto 2021, sulla scia delle rivelazioni della SSR sull'uso di spyware israeliani da parte della giustizia penale e dei servizi segreti della Confederazione. L'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha rifiutato di fornire informazioni su eventuali contratti con aziende che forniscono programmi di sorveglianza di tipo GovWare.

Fedpol ha invocato diverse ragioni, tra cui la sicurezza interna ed esterna della Svizzera. Nella sentenza pubblicata oggi, il Tribunale amministrativo federale ha confermato il rifiuto. La pubblicazione del contratto fornirebbe informazioni precise sul fornitore e sul tipo di spyware. Sulla base di ciò, i criminali presi di mira sarebbero informati delle possibilità del programma e potrebbero sfruttarne i limiti.

Uso regolamentato - I giudici di San Gallo riconoscono che esiste un rilevante interesse pubblico nel sapere se il GovWare acquistato dalla Svizzera sia effettivamente Pegasus, viste le rivelazioni sul suo utilizzo da parte di alcuni Stati per colpire in particolare oppositori, giornalisti o leader stranieri. Questa indicazione però, anche da sola, potrebbe ostacolare il corso della giustizia.

Il tribunale ha aggiunto che l'uso di tale programma di sorveglianza è strettamente regolamentato dalla legge svizzera. L'utilizzo è autorizzato solo nei casi di sospetto di reato o di minaccia alla sicurezza nazionale elencati in un catalogo esaustivo. Inoltre, le procure cantonali e federali redigono statistiche annuali per il Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (Servizio SCPT).

La decisione del TAF non è definitiva e può essere impugnata presso il Tribunale federale.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Rigel 4 mesi fa su tio
Si tratta di sicurezza nazionale. Io non ne capisco niente e mi devo fidare di chi se ne occupa. Pretendere di sapere sempre tutto è da irresponsabili. Ribadisco quello che ho già detto più volte: non ho niente da nascondere, perciò anche se le autorità mi filmano/registrano sono tranquillo. Non credo che ledano la mia privacy se vedono che porto a spasso il cane o butto la spazzatura. Chi grida allo scandalo ha qualcosa da nascondere.

Equalizer 4 mesi fa su tio
Hanno tacitamente ammesso che il software in questione è il Pegasus, che va pari con l'info di pochi giorni fa dove si confermava che l'ente non è che pesca ma rastrella e la cosa è ben diversa.
NOTIZIE PIÙ LETTE