SVIZZERAGruppi neonazisti in Svizzera: «Una minaccia per la democrazia»

26.10.22 - 13:35
I membri della Junge Tat si presentano sui social media. Gli esperti spiegano la pericolosità del gruppo estremista.
Atto giovane
Gruppi neonazisti in Svizzera: «Una minaccia per la democrazia»
I membri della Junge Tat si presentano sui social media. Gli esperti spiegano la pericolosità del gruppo estremista.

ZURIGO - Fanno escursioni, praticano sport e si descrivono sui social media come attivisti che sostengono, tra le altre cose, una famiglia sana e intatta. Facciamo il punto con un gruppo di esperti sulla minaccia dell'organizzazione di estrema destra Junge Tat. Quanto sono pericolosi i suoi membri?

Cenk Akdoganbulut, storico ed esperto di estremismo di destra presso l'Università di Friburgo, ha dichiarato in un'intervista a 20 Minuten che «è essenziale sottolineare con coerenza il pericolo per le minoranze che questi gruppi rappresentano». Indossano spesso un passamontagna decorato con simboli che appartengono alla cultura nazista. E non sarebbe l'unico simbolo. La storica Hannah Einhaus ne elenca altri: «Il simbolismo del sangue e del suolo, il cameratismo attraverso l'uniforme, il culto del corpo, le scazzottate, la vicinanza alla natura e il sentimento di superiorità rispetto alle minoranze. Tutte cose che esistevano già nel nazionalsocialismo». Einhaus vede nella Junge Tat una nuova generazione di radicali di destra, che già durante il nazismo avevano cercato di dividere la Svizzera democratica. «Oggi usano semplicemente mezzi di comunicazione diversi».  Il loro look oggi è più moderno rispetto al passato. «Sono meno calvi, e più alla moda». Sfruttano l'insoddisfazione delle persone per creare nuovi adepti. «Le persone insoddisfatte e senza orientamento sono più facili da radicalizzare. Costruiscono immagini di nemici comuni come la sinistra, gli stranieri, i media o l'economia globale, e fanno promesse di salvezza».

Dalla Gioventù di Ferro alla Junge Tat

«La "Junge Tat" è un gruppo di estrema destra emerso dopo lo scioglimento della Eisenjugend ("Giuventù di ferro"). Non disponiamo di dati certi, ma credo che il numero di membri sia a due cifre», ha spiegato Dirk Baier, direttore dell'Istituto per la prevenzione della delinquenza e della criminalità di Zurigo (ZHAW). La scelta di un nome più neutro potrebbe essere il tentativo di confondere le autorità e la popolazione svizzera sulle reali intenzioni del gruppo.

È anche ipotizzabile che il cambio di nome sia stato fatto perché Eisenjugend ricorda un troppo la terminologia nazionalsocialista, potrebbe quindi allontanare potenziali simpatizzanti: «Junge Tat suona meno rilevante ed enfatizza l'elemento dell'azione. Un aspetto che i giovani in particolare trovano attrattivo», dice Baier.

«Il rebranding non significa che i membri siano improvvisamente passati da un'ideologia neonazista ad essere amici della democrazia», afferma Lothar Janssen, presidente dell'Istituto svizzero per le questioni di violenza. Dietro il nome innocente si nasconde ancora un nucleo violento. Secondo la SonntagsZeitung, i servizi segreti federali osservano il gruppo da tempo. Il potenziale di violenza della scena è aumentato dal 2020.

Con precedenti e noto alla polizia

I membri sono stati resi noti sulle piattaforme online "Barrikade.info" e "Nazifrei.org". Manuel C.* svolge un ruolo importante nel gruppo. Il 22enne è stato espulso dall'Università delle Arti di Zurigo nel 2020 per aver diffuso idee di estrema destra. Sospettato di possedere armi illegalmente, la polizia nell'estate del 2020 ha proceduto alla perquisizione della sua abitazione. Gli agenti all'ora avevano trovato pistole e fucili non dichiarati.

Dopo un attacco hacker a un evento culturale ebraico nel gennaio 2021, C. ha ricevuto un'altra visita dalla polizia. Lui e altre cinque persone sono state arrestate e successivamente condannate a multe per discriminazione razziale, reati contro la legge sulle armi e danni alla proprietà.

Collegamenti con i vecchi nazisti

Secondo le ricerche di Tamedia, una rete segreta che si estende in tutta la Svizzera e all'estero mostra collegamenti con vecchi gruppi neonazisti come Blood & Honour o Eisern Luzern. «Sono convinto che esiste una rete di connessione con i vecchi nazisti. Ma non è chiaro quanto influenzino effettivamente le attività della Junge Tat», afferma Baier.

Ma dove sono finiti i membri della Eisenjugend dopo il suo scioglimento? Lo stesso vale per i gruppi estremisti di destra che sono stati messi al bando in Germania: «È molto probabile che i suoi membri si siano stabiliti nel nostro Paese e che contribuiscano alle attività dei gruppi di estrema destra».

La presentazione al pubblico è una bandiera rossa

I membri della Junge Tat documentano regolarmente le loro azioni sui social media. Ciò è avvenuto anche dopo la loro ultima azione a Zurigo, quando hanno fatto irruzione incappucciati durante un evento per bambini gridando slogan e accendendo fumogeni. «Siamo due attivisti della Junge Tat. Ci battiamo per una famiglia sana. Siamo contro l'ideologia di genere e la follia di chi la sostiene», hanno affermato due membri in un video su Instagram.

Secondo Bauer, il gruppo vuole vendere le proprie azioni come se fossero una forma legittima di protesta politica. Così facendo, ignorano il fatto che stanno perseguendo un'ideologia ostile alla democrazia e all'umanità. Secondo la storica Hannah Einhaus, il fatto che la Junge Tat sia riuscita a crearsi uno spazio nella sfera pubblica è un segnale allarmante: «In una democrazia stabile, non dovrebbe esserci posto per gruppi di questo tipo. Il fatto che lo permettiamo ancora indica una debolezza del sistema».

Non riconoscibili come neonazisti

«Capita sempre più spesso che i gruppi di estrema destra non vengono riconosciti per quello che sono», afferma Serena Gut del Centro di Winterthur per l'estremismo e la prevenzione della violenza. Janssen lo conferma: «A prima vista, i membri non si distinguono come neonazisti». Il coraggio di mostrarsi smascherati è una sorta di radicalizzazione: «È un simbolo: mantengo la mia opinione e non mi farò più piegare».

Questa fiducia in se stessi si basa su un più ampio sostegno da parte della popolazione, che aumenta soprattutto in tempi di crisi. «Questo sviluppo è estremamente pericoloso, perché gli obiettivi di queste organizzazioni non sono compatibili con il nostro sistema democratico», ha dichiarato Janssen.

COMMENTI
 
Royal Oak 3 mesi fa su tio
L'altra sera al Telegiornale hanno comunicato che in Svizzera nel 2021 ci sono state 202 manifestazioni di sinistra e 38 manifestazioni di destra (come nella media degli anni precedenti). Tutti gli estremismi sono nocivi.
seo56 3 mesi fa su tio
Putiniani DOC!!
Afrodita 3 mesi fa su tio
Gente ignorate non sanno neanche cosa hanno subido nell tempo del narsismo . Comunque il dolore che hanno subido queste persone tutto quel dolore fame freddo dolore di perdere soi cari e tantte altre cose La Svizzera non centra niente con il narzismo bisognia vietare che questa gente continue ckn questo orrore 🇨🇭 Nessuno piace il narcisismo nemmeno i narssisti 😡
dan007 3 mesi fa su tio
Incredibile bisogna proteggere la Svizzera da ogni tipo di fanatismo che sia di sinistra ho di destra
Donatofiorella 3 mesi fa su tio
in prigione e buttare la chiave...
NOTIZIE PIÙ LETTE