SVIZZERANeonazisti incappucciati irrompono in un evento per bambini

24.10.22 - 11:18
Il gruppo di estrema destra Junge Tat ha pubblicato in seguito un video su Instagram per spiegare le ragioni dell'azione
Atto giovane
Neonazisti incappucciati irrompono in un evento per bambini
Il gruppo di estrema destra Junge Tat ha pubblicato in seguito un video su Instagram per spiegare le ragioni dell'azione

ZURIGO - Hanno il volto coperto, lanciano fumogeni e portano striscioni. Non sono un gruppo di hooligans prima di una partita di calcio, ma i membri neonazisti della Jugen Tat mentre irrompono durante una sessione di lettura per bambini al teatro Tanzhaus di Zurigo.

I fatti, che hanno scioccato la città, risalgono alla settimana scorsa. I membri incappucciati hanno srotolato uno striscione con la scritta «La famiglia al posto dell'ideologia di genere», hanno lanciato fumogeni e gridato slogan con un megafono. In un comunicato, la Tanzhaus ha condannato l'azione e ha dichiarato di aver presentato una denuncia penale.

Domenica, il gruppo di estrema destra ha pubblicato un video su Instagram per spiegare il significato della loro azione. «Siamo due attivisti della Junge Tat», raccontano due membri, «ci battiamo per una famiglia sana e intatta e per una comprensione positiva del genere. Al contrario, critichiamo l'ideologia di genere».

I politici svizzeri, nel frattempo, esprimono preoccupazione. «La Junge Tat sta cercando di rendere accettabili le sue posizioni di estrema destra. Si tratta di una situazione estremamente pericolosa che deve essere condannata con la massima fermezza», ha dichiarato il consigliere dell'UDC di Basilea Pascal Messerli.

«Il pericolo deve essere preso sul serio»

Messerli chiede l’introduzione di nuove leggi che vadano concedano più spazio d'azione alla polizia. Ad esempio, la detenzione preventiva deve essere possibile in casi estremi. «Bisogna agire. I casi di attacchi di estremisti di destra, come quello di Halle, in Germania, dimostrano quanto sia grave il pericolo», ha dichiarato.

Anche la consigliera nazionale del PS Franziska Roth afferma: «Il pericolo rappresentato dalla Junge Tat deve essere preso sul serio». L'azione recente è stata «particolarmente riprovevole» perché erano coinvolti dei bambini. La consigliera nazionale del PLR Doris Fiala la vede allo stesso modo: "I nomi e i volti dei membri sono noti. Le autorità devono reagire di conseguenza».

Come riporta la "SonntagsZeitung" i servizi segreti federali (FIS) stanno tenendo sotto controllo il gruppo da tempo. Secondo la "SonntagsZeitung", la maggior parte dei membri è nota alla polizia e alcuni hanno anche precedenti penali. Si trovano di fronte a condanne incondizionate. Secondo la polizia cantonale di Zurigo, le indagini sono in corso.

NOTIZIE PIÙ LETTE