Cerca e trova immobili

SVIZZERAQuando l'hotel aumenta all'ultimo il prezzo, a causa della crisi energetica

15.09.22 - 20:27
I responsabili della struttura: «Siamo costretti a fare qualcosa, le tariffe sono aumentate di otto volte»
Sonneseehotel.ch
Quando l'hotel aumenta all'ultimo il prezzo, a causa della crisi energetica
I responsabili della struttura: «Siamo costretti a fare qualcosa, le tariffe sono aumentate di otto volte»

LUCERNA - Prenotare un soggiorno in un hotel per un viaggio di lavoro, e scoprire una settimana prima che l'hotel ha deciso di aumentare il prezzo (applicando un supplemento del 5%) a causa della crisi energetica.

È successo a R.R.*, imprenditore svizzero tedesco che due mesi fa aveva prenotato una camera al Sonne Seehotel di Eich am Sempachersee, nel Canton Lucerna.

Se R. R. spendesse più di 999 franchi, la percentuale di sovrapprezzo diminuirebbe. In ogni caso, l'uomo è parecchio infastidito: «Ho stipulato un contratto, facendo la prenotazione. Come imprenditore devi essere in grado di far fronte a forti fluttuazioni, che tra l'altro si profilano da mesi: non può essere che tutti aumentino i prezzi adesso».

Capirebbe se l'hotel risparmiasse energia, come richiesto dal Consiglio federale, e in camera facesse un po' più freddo: «Allora prenderei un maglione in più. Ma non mi piace un sovrapprezzo solo per permettere all'hotel di poter tenere acceso il riscaldamento», ha concluso R.R*.

«Esistenza minacciata»
Contattata, la dirigenza dell'hotel si mostra comprensiva, ma ci tiene a sottolineare l'incredibile aumento dei costi: «Quando abbiamo ricevuto la bolletta dell'elettricità per il mese di luglio, che era otto volte superiore a quella dell'anno scorso, abbiamo dovuto prendere qualche misura d'emergenza», ha dichiarato Felix Suhner, proprietario della società Balance Familie, che gestisce cinque hotel con diversi ristoranti. Il gruppo aveva già fatto molto per risparmiare elettricità, ad esempio con pompe di calore e sistemi fotovoltaici.

L'azienda acquista l'elettricità a prezzi giornalieri ed è quindi in balia degli sviluppi: «Finora i costi dell'elettricità rappresentavano l'1,5% del nostro fatturato, ma ora sono il 12%, cioè più del profitto», ha affermato Suhner.

Se l'hotel non può trasferire parte dei costi aggiuntivi agli ospiti, la sua esistenza è minacciata, ha poi aggiunto Suhner, sottolineando anche l'aumento dei prezzi delle materie prime e dei salari per i circa 600 dipendenti. Non appena i prezzi dell'energia scenderanno di nuovo, anche il sovrapprezzo diminuirà.

«Troveremo una soluzione»
Da giovedì, in ogni caso, la tariffa energetica verrà indicata anche al momento della prenotazione. Capisce che gli ospiti informati con poco preavviso potrebbero essere infastiditi. «Se qualcuno non è affatto d'accordo, troveremo una soluzione», ha concluso Suhner.

Secondo Fabian Weber, esperto del settore turistico presso l'Università di Scienze Applicate di Lucerna, i costi aggiuntivi per gli hotel possono essere considerevoli. Anche il professore di turismo dell'Università di San Gallo Christian Laesser si è detto comprensivo: «Gli hotel devono effettivamente fare qualcosa, quindi un simile sovrapprezzo ha senso», ha affermato Laesser, aggiungendo che ritiene positivo che l'hotel informi i clienti della situazione.

«In questo modo, l'hotel sposta la colpa su un fattore esterno che non è sotto controllo, e di conseguenza gli ospiti sono più propensi ad accettare il sovrapprezzo». Tuttavia, avrebbe trovato migliore una tariffa fissa forfettaria rispetto a un sovrapprezzo percentuale, in modo che tutti paghino allo stesso modo.

Margine di guadagno minimo
Babette Sigg Frank, presidente del Forum svizzero dei consumatori KF, può capire la rabbia degli ospiti, «ciononostante, l'hotel non ha fatto nulla di male. Non esiste un diritto umano a prezzi bassi per sempre».

È comunque soddisfatta del fatto che l'hotel fornisca informazioni trasparenti e paghi una parte dei costi. Ciò che serve ora è la comprensione. «Stiamo ancora persistendo nella nostra zona di comfort, ma siamo in una situazione eccezionale, non possiamo pretendere di continuare a vivere senza concessioni», ha detto Sigg Frank.

Secondo Hotelleriesuisse, molti hotel non hanno più molto margine di manovra: non hanno altra scelta che scaricare i costi sui clienti. L'associazione di categoria raccomanda di integrare gli aumenti di prezzo nel prezzo totale o in un supplemento energetico volontario.

NOTIZIE PIÙ LETTE