Immobili
Veicoli

SVIZZERAMortalità sempre più bassa: «Ormai è diventata un'influenza stagionale»

22.05.22 - 16:48
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
20 Minuten/Matthias Spicher
SVIZZERA
22.05.22 - 16:48
Mortalità sempre più bassa: «Ormai è diventata un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
Non l'epidemiologo Marcel Battegay secondo cui il peggio dovrebbe essere passato: «L'immunità nella popolazione è alta», spiega. Tuttavia, la protezione vaccinale deve essere mantenuta.

BERNA - In queste settimane il coronavirus sembra essere ormai un lontano ricordo: il numero di contagi è basso e solo pochi si ammalano gravemente dopo un'infezione. Tuttavia, alcuni aspettano con trepidazione l'autunno prima di cantar vittoria. Non appena le temperature si saranno nuovamente raffreddate, potrebbe esserci infatti un nuovo aumento di contagi, ospedalizzazioni e decessi.
 
Immunità di gregge - In un'intervista alla "Sonntagszeitung", l'infettivologo Manuel Battegay dell'ospedale universitario di Basilea è però ottimista. «Il quadro che sta emergendo in questo momento sta diventando sempre più simile a quello delle ondate d'influenza stagionale», spiega. Lui e altri esperti presumono che ci sia un alto tasso d'immunità in Svizzera. I dati del Ticino e di Zurigo dimostrerebbero infatti che la quasi totalità della popolazione è già stata infettata, è vaccinata, o entrambe le cose. 

Come l'influenza stagionale - Finora in Svizzera sono stati registrati oltre otto milioni di contagi con il virus Sars-Cov2. Molte delle infezioni delle ultime settimane e mesi sono tuttavia delle reinfezioni. Questo sviluppo è accompagnato da una significativa riduzione del numero di ricoveri e decessi. All'inizio della pandemia, il rischio di morire dopo un'infezione era da dieci a venti volte superiore rispetto all'influenza stagionale. Ora il tasso di mortalità è paragonabile a quello dell'influenza stagionale o addirittura leggermente inferiore, secondo diversi esperti, fra i quali proprio Battagay.

Il vaccino resta importante - «Questo sviluppo è dovuto principalmente alla vaccinazione», spiega l'esperto. Nelle aree con protezione vaccinale più bassa - come attualmente a Hong Kong - si può vedere cosa succede quando un'ondata Omicron colpisce una popolazione non sufficientemente protetta: è stato infatti osservato il tasso di mortalità più alto mai misurato tra le persone infette. In queste zone la Sars-CoV2 potrebbe «causare molta sofferenza» nei prossimi anni. 

Obiettivo: un vaccino polivalente - Anche le preoccupazioni per il Long Covid rimangono d'attualità. Non è ancora possibile stimare quante persone si sono ammalate dopo la massiccia ondata di Omicron degli scorsi mesi. Tuttavia, Marcel Battegay fa riferimento ai numeri già elevati (fino al 10% di tutte le persone infette), che hanno avuto conseguenze di questo tipo dopo un'infezione. «In autunno il numero dei contagi aumenterà sicuramente», spiega l'infettivologo di Basilea. Quindi anche le vaccinazioni di richiamo dovrebbero essere mantenute. Nuovi vaccini specificamente progettati per Omicron potrebbero infine offrire una protezione aggiuntiva. Tuttavia, l'obiettivo principale dovrebbe rimanere quello dei cosiddetti vaccini polivalenti, i quali offrono protezione per tutte le varianti. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA