Immobili
Veicoli

SVIZZERAAiuto sociale nell'asilo, la guerra in Ucraina ne mostra i limiti

11.05.22 - 11:03
La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali: «Un problema di cui ora si parla»
Tipress
Fonte ats
Aiuto sociale nell'asilo, la guerra in Ucraina ne mostra i limiti
La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali: «Un problema di cui ora si parla»

BERNA - Il massiccio arrivo in Svizzera di profughi ucraini per le autorità cantonali non è solo una sfida per la gestione degli alloggi o della scolarizzazione dei bambini ma, come una cartina di tornasole, rivela i limiti dell'aiuto sociale nel settore dell'asilo. Una soluzione è ancora lontana.

«A causa dei rifugiati dell'Ucraina ora della questione si parla. Prima, quando si trattava di siriani e afghani, non c'è nessuno che ha prestato attenzione» al tema, dice in un'intervista pubblicata oggi dai giornali dell'editore Tamedia Nathalie Barthoulot, presidente della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS).

Spesso nell'ambito dell'aiuto sociale, e in particolare quello rivolto alle persone che dipendono dal settore dell'asilo, si punta il dito contro il federalismo e la conseguente mancanza di armonizzazione a livello nazionale. «Attualmente gli approcci sono diversi, è innegabile», dice la consigliera di Stato giurassiana del PS.

«Il diritto federale stabilisce che l'aiuto sociale per l'asilo deve essere inferiore a quello per i residenti. Non precisa però di quanto debba essere più basso. Finora non ci sono state raccomandazioni in materia, perché non è auspicato politicamente. Ma la crisi attuale ha portato il tema sotto i riflettori».

In occasione dell'assemblea plenaria, la CDOS ha deciso di elaborare un'analisi sistematica della questione. Non è detto che le differenze tra Cantoni per la copertura dei bisogni di base siano effettivamente molto disparate. «Questo perché i Cantoni pagano cose diverse con fondi separati, alcuni ad esempio per indennità di vestiario».

Anche meno di 3 franchi per un pasto
L'aiuto sociale per l'asilo deve bastare per cibo, articoli di igiene e abiti. In alcuni Cantoni, questo significa che per un pasto principale sono disponibili meno di tre franchi a persona. «In effetti è molto poco. Come socialdemocratica, questo mi preoccupa. Ma fa parte della politica d'asilo. Forse dovremmo anche pensare allo status dell'ammissione provvisoria. Qualche tempo fa, il Consiglio federale ha presentato delle varianti per una riforma. Ma in parlamento non c'è stata una maggioranza per le proposte. La direzione della CDOS avrebbe sostenuto una riforma - e ora spera che la discussione venga ripresa. Ciò è quanto abbiamo discusso nell'assemblea plenaria», aggiunge la direttrice del Dipartimento cantonale giurassiano dell'interno.

L'ammissione provvisoria è legata allo statuto di protezione S, di cui beneficiano i profughi ucraini. «Abbiamo discusso come procedere, se questo statuto debba essere revocato dopo un anno o no. I Cantoni vorrebbero che anche questo aspetto venisse esaminato. Perché con lo statuto S c'è una disparità di trattamento tra rifugiati di origini diverse. A lungo termine, non vogliamo che si perpetui», afferma la 53enne.

Nessuna soluzione in vista
Soluzioni sono ancora lontane: «Ora vogliamo avere una visione d'insieme di tutto ciò. Vedremo cosa succederà dopo. È una questione delicata».

Più a breve termine i Cantoni, responsabili dell'alloggio dei profughi ucraini, sono confrontati con la sfida delle «persone con bisogni particolari: minorenni, malati, persone con disabilità. Abbiamo chiesto alla Confederazione di tenere queste persone sotto la sua tutela ancora per un po', in modo da poter preparare una sistemazione sostenibile con il giusto contesto assistenziale nei cantoni. Un altro problema è la mancanza di personale qualificato».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA