Immobili
Veicoli

SVIZZERASe la neomamma va in parlamento, saltano le indennità di maternità

04.04.22 - 12:00
Lo ha confermato il Tribunale federale che si è chinato sul caso della deputata bernese Kathrin Bertschy
20min/Simon Glauser
Fonte ATS
Se la neomamma va in parlamento, saltano le indennità di maternità
Lo ha confermato il Tribunale federale che si è chinato sul caso della deputata bernese Kathrin Bertschy
Ora la consigliera nazionale intende rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell'uomo

BERNA - La partecipazione a una attività parlamentare implica automaticamente la fine delle indennità di maternità. Lo ha deciso il Tribunale federale (TF) chiamato a esprimersi sul caso della consigliera nazionale Kathrin Bertschy (PVL/BE).

La bernese, che lavora come indipendente, ha dato alla luce una figlia a fine 2018. Con l'inizio della sessione primaverile delle Camere federali, il 4 marzo seguente, Bertschy ha ripreso a partecipare attivamente alle sedute parlamentari.

Essendo il mandato parlamentare retribuito, la competente cassa di compensazione ha interrotto il versamento delle indennità di maternità. Una decisione confermata in seguito dal Tribunale amministrativo del Canton Berna e, appunto, anche dal TF.

Secondo la Legge sulle indennità di perdita di guadagno (LIPG), ricordano i giudici di Mon Repos, le donne hanno diritto all'indennità per quattordici settimane dopo aver partorito. Questo diritto si estingue anticipatamente se la madre riprende un'attività lucrativa.

Ai sensi della LIPG, l'esercizio di un mandato in seno al Consiglio nazionale è considerato attività lucrativa. La retribuzione dei membri del Parlamento è infatti considerata reddito soggetto a contributi AVS, ricorda il TF. Nel calcolare le indennità di maternità della deputata verde-liberale è stato del resto tenuto conto del soldo ottenuto come parlamentare. Il fatto che l'ottenimento di un reddito non sia generalmente l'obiettivo principale di una consigliera nazionale non cambia le cose.

I giudici hanno anche escluso la ripresa dei versamenti al termine dei lavori parlamentari, il 31 marzo 2019: la legge precisa chiaramente che l'indennità è versata «per 98 giorni consecutivi», sottolinea il tribunale. Insomma, "dura lex sed lex".

In una presa di posizione, Alliance F, organismo che riunisce oltre un centinaio di organizzazioni femminili svizzere, critica fortemente il fatto che le parlamentari siano costrette a scegliere tra i loro diritti politici e il loro reddito, e ciò unicamente perché sono diventate madri. L'associazione, peraltro co-presieduta dalla stessa Kathrin Bertschy (l'altra co-presidente è l'ecologista di Basilea Campagna Maya Graf), esige una rapida modifica di legge per correggere la situazione. Nel frattempo intende portare il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

NOTIZIE PIÙ LETTE