Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
15.02.2022 - 09:190
Aggiornamento : 09:35

Dalla neve all'ospedale

Gli infortuni gravi sono in aumento sulle piste da sci. La Suva mette in guardia, in vista delle vacanze di carnevale

BERNA - Le vacanze di carnevale sono alle porte e, nonostante la pandemia ancora in corso, molti appassionati di sport invernali non vedono l'ora di trascorrere le giornate sulle piste. «Per questo è molto importante procedere a un'autovalutazione oggettiva prima di praticare sci e snowboard. Inoltre, sulle piste si raccomanda sempre la massima prudenza e un comportamento rispettoso degli altri» spiega Samuli Aegerter, esperto Suva di sport sulla neve.

Negli ultimi 15 anni la percentuale di infortuni con lesioni multiple sulla neve è raddoppiata. Questa tipologia di infortuni comporta più spesso una degenza ospedaliera rispetto a quelli in cui viene lesa una sola parte del corpo. La giusta preparazione e un'autovalutazione oggettiva delle proprie capacità, ricorda la Suva, consentono di ridurre il pericolo di lesioni in pista.

Lesioni multiple in aumento - Dai dati della statistica degli infortuni si evince che negli ultimi 15 anni è raddoppiata la percentuale di infortuni con lesioni multiple negli sport sulla neve. Basti pensare che nel 2019 circa il 20 per cento dei 34 000 infortuni sulla neve hanno causato lesioni a più di una parte del corpo, mentre nel 2004 tale percentuale si attestava solo al 10 per cento circa. A subirli è soprattutto la fascia degli over 55.

Gli infortuni con lesioni multiple comportano più spesso degenze ospedaliere e soggiorni riabilitativi rispetto agli infortuni in cui viene lesa una sola parte del corpo. Oltre alla sofferenza per le persone coinvolte, causano assenze dal lavoro più lunghe e costi più elevati, sottolinea la Suva. «Fare movimento all'aria aperta è essenziale per la salute e non intendiamo assolutamente sconsigliarlo. Al momento è tuttavia fondamentale fare tutto il possibile per evitare infortuni sulla neve, in quanto a gravare sugli ospedali c'è già la pandemia» precisa Aegerter.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 19:18:54 | 91.208.130.89