Immobili
Veicoli
20min/Marco Zangger
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
5 ore
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
10 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
11 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
FOTO
SCIAFFUSA
11 ore
Auto esce di strada e finisce in sala da pranzo
Ferite lievi per il conducente, miracolosamente illesi gli abitanti della casa
SVIZZERA
12 ore
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
13 ore
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
14 ore
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GINEVRA
1 gior
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
1 gior
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
1 gior
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
1 gior
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
SVIZZERA
20.01.2022 - 16:540

Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi

Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio

BERNA - Gli Svizzeri non sono tutti donatori di organi. Con questa motivazione, un comitato referendario ha inoltrato oggi alla Cancelleria federale più di 64'000 firme, due terzi delle quali già verificate, contro la revisione della legge sui trapianti che introduce il consenso presunto in senso lato. La votazione, qualora il referendum dovesse riuscire, è prevista per il prossimo 15 maggio.

In Svizzera mancano organi e donatori. Per porvi rimedio il Parlamento si è deciso per un cambiamento di paradigma: chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In mancanza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia.

Stando al comitato apartitico che ha lanciato il referendum, presentatosi oggi davanti ai media, un simile cambiamento di paradigma va sottoposto al giudizio del popolo. La Costituzione garantisce a ogni essere umano il diritto all'integrità fisica e mentale e all'autodeterminazione. Tali principi sarebbero messi in forse dalla riforma.

«Non si tratta di una decisione a favore o contro la donazione di organi, ma solo ed esclusivamente delle condizioni legali di come ci si arriva» ha affermato davanti ai media l'ostetrica e infermiera specializzata Susanne Clauss, tra i promotori del referendum. A suo avviso, il cambiamento di paradigma deciso dal parlamento rappresenta un'intrusione massiccia nei diritti fondamentali delle persone.

«Chiunque non si esprima esplicitamente in vita contro una donazione, lascia ad altri il diritto di farlo», ha rincarato la professoressa Franziska Sprecher. Per il comitato, in questo modo viene violata la Costituzione federale e, in particolare, il diritto all'integrità fisica. Il Parlamento pretende ora che tale diritto fondamentale venga richiesto esprimendo la propria volontà per iscritto.

Attualmente, la donazione di organi è possibile solo se la persona deceduta ha acconsentito quando era ancora in vita. Se non c'è l'espressione di una volontà, i parenti sono chiamati a decidere. Poiché ci sono troppo pochi donatori di organi è stata lanciata un'iniziativa popolare che auspicava il passaggio dal sistema del consenso esplicito, oggi in vigore, al consenso presunto.

Il Parlamento ha preferito quindi elaborare un controprogetto indiretto, meno radicale, ciò che ha portato al ritiro dell'iniziativa. A suo avviso, una persona deve dichiarare per iscritto se non vuole donare gli organi. In caso contrario, il consenso all'espianto è presunto. I parenti possono ancora rifiutare la donazione se credono che ciò rifletta meglio la volontà del defunto.

Secondo il comitato referendario, questa soluzione del consenso presunto in senso lato viola diversi principi fondamentali. Uno di questi prevede che gli interventi sul corpo umano possano essere effettuati solo se la persona interessata è stata adeguatamente informata sulle conseguenze. Si tratta del principio del «consenso informato», ha spiegato Franziska Sprecher.

Tuttavia, non è possibile che tutti siano sufficientemente informati sul trapianto di organi, ha spiegato Alex Frei, medico e tra i promotori della consultazione. Alcune persone non conoscono la lingua, altre semplicemente non vogliono affrontare la morte, ha aggiunto. Insomma, queste persone diventerebbero inconsapevolmente dei donatori senza essere stati informati. Con la soluzione del Parlamento, il principio del consenso informato viene «violato» in maniera «lampante».

Oggigiorno, molti credono che gli organi vengano presi da cadaveri ormai freddi, ma tale impressione è errata, ha spiegato Clauss. Per esempio, cinque minuti dopo la morte cerebrale, il corpo può venir alimentato artificialmente o ventilato affinché gli organi non si rovinino. Quando si parla di trapianti, ha puntualizzato, la nostra attenzione non dovrebbe essere rivolta solo al ricevente, ma anche al donatore o ai suoi parenti. Oltre al trauma della perdita, i parenti devono affrontare un dilemma etico esacerbato da una situazione emotivamente difficile.

Per il comitato la soluzione elaborata dal Parlamento non è eticamente giustificabile. Il prelievo di organi deve necessariamente essere un atto volontario e consapevole, ha sottolineato Alex Frei.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 23:18:07 | 91.208.130.87