Cerca e trova immobili

ZURIGOAviaria a Zurigo, il virus non si è diffuso

23.12.21 - 10:25
Le restrizioni adottate a fine novembre dopo un caso registrato in un'azienda avicola hanno dato i loro frutti.
Keystone
Werner Widmer, veterinario cantonale di Argovia, effettua un test PCR su un pollo giovedì 9 dicembre 2021 a Wegenstetten. Dopo lo scoppio di una variante altamente contagiosa dell'influenza aviaria in canton Zurigo, i servizi veterinari dei Cantoni di Argovia, Zurigo e Sciaffusa effettuano indagini sullo stato di malattia del pollame.
Werner Widmer, veterinario cantonale di Argovia, effettua un test PCR su un pollo giovedì 9 dicembre 2021 a Wegenstetten. Dopo lo scoppio di una variante altamente contagiosa dell'influenza aviaria in canton Zurigo, i servizi veterinari dei Cantoni di Argovia, Zurigo e Sciaffusa effettuano indagini sullo stato di malattia del pollame.
Fonte Ats
Aviaria a Zurigo, il virus non si è diffuso
Le restrizioni adottate a fine novembre dopo un caso registrato in un'azienda avicola hanno dato i loro frutti.

ZURIGO - Le misure per lottare contro l'influenza aviaria a Hüntwangen (ZH) sono parzialmente revocate. Lo annuncia oggi l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), che afferma di aver agito d'intesa con le autorità cantonali di Zurigo, Argovia e Sciaffusa.

Dopo la comparsa del virus, il 27 novembre erano state adottate misure di protezione. Quelle più severe - come le restrizioni sul trasporto di uova o pollame - adottate nei comuni vicini all'allevamento infetto vengono ora revocate.

L'USAV precisa che le misure di protezione si sono rivelate efficaci: l'epizoozia non si è diffusa intorno all'azienda avicola colpita. Non vi sono indicazioni che il virus sia trasmissibile all'essere umano. Anche il consumo di carne di pollame e uova non costituisce alcun pericolo.

Le restrizioni lungo i grandi insiemi di acque della Svizzera rimarranno invece in vigore almeno fino alla fine di gennaio 2022. Queste misure impediscono il contatto con gli uccelli selvatici, potenziali portatori della malattia.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE