Immobili
Veicoli

SVIZZERAL'appello della Task Force: «Agire rapidamente per evitare un'esplosione di ricoveri»

14.11.21 - 08:33
Per Tanja Stadler, responsabile della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, bisogna agire al più presto
Keystone
Fonte ats
L'appello della Task Force: «Agire rapidamente per evitare un'esplosione di ricoveri»
Per Tanja Stadler, responsabile della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, bisogna agire al più presto
L'esperta sostiene che la tendenza attuale debba essere assolutamente rallentata

BERNA - Le autorità devono reagire rapidamente per arginare l'attuale ondata pandemica. Parola della responsabile della Task Force-19 del Consiglio federale, Tanja Stadler, secondo cui si corre il rischio di un'esplosione dei contagi da Covid-19.

Se la Svizzera vuole evitare di dover agire in stato di emergenza, la tendenza attuale deve essere rallentata, ha spiegato la specialista in un'intervista concessa alla "Sonntagszeitung", «riducendo i contatti tra le persone oppure insistendo maggiormente per un incremento delle vaccinazioni».

A breve termine c'è poco da fare per quanto riguarda le immunizzazioni: durante la settimana nazionale di vaccinazione sono state somministrate circa 25 mila prime dosi e, al momento, è sempre più difficile convincere gli indecisi. Insomma, per Stadler l'inverno si annuncia difficile sul fronte della pandemia. Se l'attuale tendenza non cambierà, ci possiamo attendere fino a 30 mila ricoveri, ha sottolineato.

Tuttavia, secondo Stadler vi è ancora tempo per somministrare una terza dose a tutta la popolazione. Ma bisognerebbe incominciare in dicembre, ossia 6 mesi dopo la somministrazione delle seconda dose. Con un richiamo, la protezione contro l'infezione potrebbe essere aumentata al 95%.

«Ulteriori provvedimenti restrittivi»
Da un punto di vista scientifico, ha spiegato la docente del Politecnico federale di Zurigo, la situazione è chiara: o si vaccina a ritmo sostenuto, oppure devono essere considerati ulteriori provvedimenti restrittivi per rallentare la circolazione del virus. A suo avviso, i politici non hanno scelta: nelle prossime settimane dovranno prendere in seria considerazione un nuovo pacchetto di misure al fine di evitare il sovraffollamento degli ospedali e un incremento dei decessi da coronavirus.

Le opzioni sul tavolo sono note: obbligo della mascherina, rispetto delle misure igieniche, certificati, dose di richiamo ed eventuali chiusure di attività. Su quest'ultimo punto, Stadler spera che possano essere evitati lockdown su vasta scala. In primo luogo, a suo parere andrebbero considerate altre opzioni, come l'obbligo del certificato sul luogo di lavoro oppure l'obbligo della mascherina agli eventi combinato col possesso di un certificato.

2G? Sia pro che contro
Per Stadler, la regola del 2G, cioè l'accesso a certe aree solo per le persone guarite o vaccinate, ha sia vantaggi che svantaggi. Se meno persone partecipano ad un evento, ciò avrebbe senz'altro un effetto frenante sulla circolazione del virus. Tuttavia, simili riunioni potrebbero spostarsi in luoghi privati, annullando l'effetto preventivo.

Stadler si è detta preoccupata per i bambini che non hanno ancora avuto l'opportunità di essere vaccinati. Oltre a ciò, a suo avviso non si fa abbastanza per proteggerli, specie nelle scuole. Per Stadler è sorprendente che l'autorizzazione al vaccino per i più piccoli non sia ancora stata presentata a Swissmedic. Fino a quando la vaccinazione dei bambini non sarà disponibile, dovranno essere adottate misure preventive, ossia test regolari, ventilazione delle aule scolastiche e obbligo della mascherina.

COMMENTI
 
marco17 9 mesi fa su tio
Da ricoverare sono certi membri della Task force che paghiamo di nostra taska.
marco17 9 mesi fa su tio
Da ricoverare sarebbe la gente come lei.
al-pe12 9 mesi fa su tio
Per esempio, rimettere l'obbligo di mascherine nelle scuole in tutta la confederazione ? Ci sono cantoni, che nonostante l'aumento dei contagi, tendono ad allentare le misure , controlli inesistenti nei ristoranti ...
Luca 68 9 mesi fa su tio
nelle scuole elementari non si fa praticamente nulla in particolare per le mense scolastiche, dove credo sia il momento dove il virus circola più facilmente, ma le mense scolastiche non sono ristoranti e le autorità comunali non si possono toccare ( due pesi e due misure )
Gio58 9 mesi fa su tio
Riassumendo: vaccino ogni 6 mesi per tutti, bambini compresi. Poi, visto che ciò non funzionerà, ci vorrà comunque anche una buona dose di lockdown (per tutti). Entusiastica prospettiva.
seo56 9 mesi fa su tio
Ma subito non quando é troppo tardi!
marco17 9 mesi fa su tio
L'unica misura da prendere è mandare a casa questi esperti che si divertono a diffondere ansie e paure tra la popolazione.
S.S.88 9 mesi fa su tio
Fate per favore uscire il medicamento antivirale e vivremo tutti più sereni
ivandaronch 9 mesi fa su tio
Wow, 25 mila nuove vaccinazioni. Strana tendenza... sempre piu' vaccinati e sempre piu' infezioni. mah che strano.
Meiroslnaschebiancarlengua 9 mesi fa su tio
Questa nuova ondata di casi era inevitabile e delle misure forti dovevano essere prese già a metà settembre. Adesso la battaglia fino a fine marzo è praticamente persa anche imponendo mascherina dal momento che si esce di casa, si annullano le manifestazioni con publico e si da la terza dose (che poi non si sa su che criteri validi e affidabili). Se in più si pensa che sarà applicata da martedì la decisione scellerata di dare un certificato COVID-19 di guarigione con un test sierologico (con criteri della SSM completamente bislacchi), allora non c'è da stupirsi se i casi aumenteranno (infezioni, ospitalizzazioni e decessi). Ma come nessuno (consiglio federale, UFSP, task force, SSM, autorità cantonali) pensa che avrà sulla coscienza tutta questa desolazione e i molti decessi, continuiamo così.
S.S.88 9 mesi fa su tio
Fate uscire il farmaco antivirale e vedrete che si può tornare alla normalità.
Suissefarmer 9 mesi fa su tio
bufoooooo i no vax non vogliono il vaccino i provax ora ucciderebbe i no vax complimenti governo..buuuuu
chinfinito 9 mesi fa su tio
Io sono preoccupato per i bambini perché c’è chi come lei vuole usarli come cavie!
Ala 9 mesi fa su tio
Il pusher di questa "signora" è da mettere in galera. Forse a San Patrignano (lei) troverebbe la sua giusta collocazione.
Moga 9 mesi fa su tio
Le solite superca22ole terroristiche per ipocondriaci (come ogni settimana negli ultimi 20 mesi)
Veveve 9 mesi fa su tio
Un’altra che vuole un po’ di notorietà la domenica mattina! Ma avete veramente rotto le cosiddette! Fate prima a dire vi abbiamo vaccinato ma signori il vaccino non serve a nulla che ogni giorno rompere con restrizioni, restrizioni è ancora restrizioni, anche perché 30’000 ricoveri non c’erano nemmeno lo scorso anno quando nessuno era vaccinato! Terrorismo psicologico e basta! Già lo scorso febbraio dopo il Natale che tutti sappiamo qualcuno aveva provato a terrorizzare la gente con numeri catastrofici fuori di testa che poi effettivamente non ci sono mai stati!!! Ora ci risiamo? Tutto questo quando in Ticino c’è stata una persona deceduta dopo 1 mese ( e magri era pure un ultra 80, questo non lo so, non che abbia meno rispetto x loro ma ad una certa età ci si può anche aspettare di morire..). Ma quante persone anche giovani muoiono in un mese di altro? Trovo questo terrorismo psicologico fuori luogo anche perché la maggioranza delle popolazione non è più disposta ad accettare certe imposizioni! Ci avete praticamente obbligato a vaccinarci con promesse non mantenute e se devo essere onesta personalmente te mi sento molto presa in giro!
Chris El Suizo 9 mesi fa su tio
Tanja Stadler, una MATEMATICA!!! Ed è responsabile della task force covid, ma cosa diavolo ne dovrebbe sapere e capire una matematica?!?! Manipolo di ridicoli!!! Votate no alla maledetta legge covid, bisogna assolutamente togliere potere al consiglio federale altrimenti siamo rovinati, volete che 4 topi da biblioteca decidano per le vostre vite fino al 2031? NO alla LEGGE COVID!!!!
Trionfx 9 mesi fa su tio
Panico, panico, panico.. Tutti chiusi in casa!!!
marco17 9 mesi fa su tio
Il popolo invece ha la scelta: votare NO alla legge Covid il 28 novembre, per sbarazzarsi dell'iniquo pass sanitario e mettere a tacere i menagramo come questa pseudo specialista.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA