Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
6 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
8 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
8 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
8 ore
Allo Zoo di Basilea sono nate 58 cicogne
I pulcini, una volta cresciuti, prenderanno il volo verso sud insieme ai genitori
BASILEA CITTÀ
9 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
10 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
11 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
SVIZZERA
12 ore
Ecco le password più rubate della Svizzera
Sono sette le parole chiave più frequentemente attaccate.
BERNA
12 ore
Berna potrebbe aumentare la collaborazione con la NATO
Una forte partnership sarà mantenuta anche con l'adesione di Finlandia e Svezia.
URI
12 ore
«È la Russia a dover pulire il monumento imbrattato»
Il Canton Uri non si assumerà i costi della pulizia dell'opera, vandalizzata con vernice blu e gialla.
GRIGIONI
12 ore
Cade, si ferisce e blocca il traffico ferroviario (con la moto)
Un motociclista di 23 anni ha subito gravi ferite a una gamba nell'incidente avvenuto ieri sera a Davos.
SVIZZERA
15 ore
Fantini troppo pesanti? «Un pericolo per la schiena del cavallo»
Secondo un rapporto della PSA il peso del cavaliere non dovrebbe mai superare il 15% di quello dell'animale.
VALLESE
15 ore
Cade in un crepaccio e muore
Un escursionista ha perso la vita domenica mattina sul ghiacciaio di Ried.
SVIZZERA
16 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
SVIZZERA
11.10.2021 - 09:230
Aggiornamento : 11:38

Test center al centro delle critiche: privilegiano il guadagno alla qualità?

Da oggi i test Covid sono a pagamento in tutta la Svizzera. La lotta al prezzo più basso avrà conseguenze?

L'infettivologo ticinese Christian Garzoni avverte della possibilità di un aumento dei casi.

Fonte Daniel Krähenbühl, Christina Pirskanen - 20 Minuten
elaborata da Alessandra Ferrara Biondo
Giornalista

BERNA - Che sia per il ristorante, il cinema o la palestra: da oggi se si vuole ottenere un certificato Covid tramite un test, bisogna aprire il portafogli. Finora il governo pagava un massimo di 47 franchi per ogni esame, un affare redditizio per numerose aziende legate ai centri di test. Per questi ultimi tuttavia non tutto fila sempre liscio, come ha dimostrato una serie di ispezioni senza preavviso da parte del Dipartimento della Salute di San Gallo ad inizio di ottobre: circa la metà delle aziende di test Covid esaminate non soddisfaceva i requisiti.

Profitto o qualità - Ma la fine della gratuità dei test non ha fermato i centri che li effettuano, con la lotta al prezzo più basso che ha toccato gli 11 franchi ad esame. Per alcuni specialisti questa guerra di mercato porta con sé alcune conseguenze: «È legittimo che ci sia una corsa al prezzo più basso. Ma non è ammissibile che ciò vada a discapito della qualità» ha dichiarato a 20 Minuten Lorenz Schmid, presidente dell'Associazione dei farmacisti zurighesi. 

Spesso i metodi di lavoro del personale lascerebbero a desiderare, stando a Schmid: «La procedura tecnica sta diventando sempre più trascurata. Se lo staff gira solo un po' lo stick avanti e indietro nella zona nasale anteriore, difficilmente si otterranno risultati positivi». In primavera l'obiettivo era ancora quello di evitare la diffusione del virus, ma oggi l'attività si concentra solo sull'ottenimento del certificato, prosegue Schmid. 

«Interessa solo fare un sacco di soldi» - Anche Josef Widler, presidente della Zürcher Ärztegesellschaft (AGZ), si oppone al modello di business di vari operatori di centri di test: «Numerose persone sono entrate nel mercato dei test perché è un enorme business e non perché stanno facendo un favore alla società». Il sistema è redditizio solo perché spesso non viene impiegato personale qualificato per eseguire i test, prosegue Widler. «A loro non importa se il test viene eseguito correttamente e porta ad un risultato corretto - la cosa principale è fare un sacco di soldi».

Il presidente dell'Associazione dei medici cantonali (VKS), Rudolf Hauri, è a conoscenza di tali abusi: «Il problema è giunto alla nostra attenzione ed è inaccettabile che ci siano strutture di test puramente commerciali che non lavorano come dovrebbero». Le autorità posso prendere provvedimenti, e di conseguenza chiudere i centri non a norma.

Il profitto «è secondario» - L'operatore bernese Jan Kamarys, che gestisce diversi centri di analisi Medica Care nella capitale e fa pagare 11 franchi per test, si difende dalle accuse: «Un prezzo basso con un'alta qualità è assolutamente possibile». Da un lato, il processo digitale progettato per l'operazione fa risparmiare molto personale. Dall'altra, l'alto volume di test gioca anche un ruolo importante nella determinazione dei prezzi. «Eseguiamo fino a 4'000 test al giorno nelle nostre sedi di Berna, e questo fa la differenza».

E visto che gli affari vanno bene, Medica Care sta progettando di espandersi anche a Zurigo, Basilea, Lucerna e Soletta. «Riceviamo anche richieste dal Vallese o dal Liechtenstein», prosegue Kamarys, aggiungendo che il suo obiettivo è quello di offrire il test ad un prezzo il più equo possibile per permettere a tutti di partecipare alla vita pubblica. Il profitto giocherebbe solo un ruolo secondario: «Se la pandemia finisse domani e non guadagnassimo più nulla con i test, sarei felice».

Senza test gratuiti i casi aumenteranno?

Dopo la fine dei test gratuiti, l'infettivologo ticinese Christian Garzoni avverte della possibilità di un aumento dei casi: «Molte persone che prima si sottoponevano al test per andare sul sicuro, ora probabilmente non lo faranno» ha dichiarato Garzoni. «Più test vengono fatti, meglio la pandemia può essere controllata. Quindi il fatto che i test non sono più gratuiti può avere un impatto negativo sul numero di casi».

Philippe Luchsinger, presidente dei medici di base e dei pediatri svizzeri, è d'accordo: «Nel complesso, ci saranno probabilmente meno test, con la conseguenza che le persone infette ma asintomatiche saranno trovate meno frequentemente».

 

 

Disposizioni in vigore da oggi:

I test Covid da oggi sono a pagamento in tutta la Svizzera. Fanno eccezione le persone che hanno ricevuto solo la prima dose di vaccino, che potranno sottoporsi ai test gratuitamente fino al 30 novembre (cioè fino a quando avranno ricevuto la seconda dose). Inoltre i test continueranno as essere gratuiti anche per i giovani sotto i 16 anni, e per le persone che per ragioni mediche non possono essere vaccinate (è richiesto un certificato medico). La Confederazione assumerà anche i costi dei test ripetitivi per il rilascio del certificato realizzati ad esempio nelle imprese o nelle università. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 03:13:10 | 91.208.130.87