Immobili
Veicoli
Deposit
SVIZZERA
05.09.2021 - 11:530

Bloccavano la linea telefonica per non lavorare

Ventidue dipendenti della Posta intasavano volontariamente la propria linea chiamando un numero esterno.

I clienti che cercavano quindi di raggiungerli trovavano sempre occupato.

BERNA - Bloccavano di tanto in tanto le loro linee telefoniche mentre lavoravano da casa. È la furbata architettata da 22 dei 319 dipendenti del servizio clienti della Posta, che così facendo non dovevano prendere altre chiamate.

Il trucchetto è stato notato diverse settimane fa, rivela l'azienda all'agenzia Keystone-ATS confermando quanto emerso sul domenicale "SonntagsZeitung". Ad esempio, gli impiegati intasavano volontariamente la propria linea chiamando un numero esterno: chi cercava di raggiungerli trovava dunque occupato.

La Posta sta ora indagando sul perché i 22 collaboratori abbiano agito in questo modo. Stando al gigante giallo, qualora non fossero stati nelle condizioni di svolgere al meglio il loro lavoro avrebbero potuto rivolgersi ai superiori per trovare una soluzione.

L'azienda afferma di non tollerare un tale comportamento scorretto. Tuttavia, nessun licenziamento verrà pronunciato sulla base di questi episodi.

I dipendenti del servizio clienti gestiscono in media 8000 richieste al giorno d'informazioni tramite telefono, e-mail o chat, tra cui circa 5600 chiamate. Quotidianamente, ogni impiegato si occupa in media di 30-50 sollecitazioni.

Da gennaio ad agosto gli stipendiati della Posta che hanno lavorato da casa sono 6500. La società ricorda che il servizio clienti era già possibile e operativo in versione home office anche prima dello scoppio della pandemia di coronavirus.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Luganese 4 mesi fa su tio
La confederazione, azionista al 100 % e dunque proprietaria, dovrebbe chiedere un “Majior Incidend Report” come si fa per i problemi gravi da cui si evincono le misure da implementare per evitare il ripetersi di tali problematiche. La confederazione dovrebbe anche nominare chi è responsabile di verificare l’implementazione e di monitorare se l’evento di ripete nel prossimi mesi. Lo stesso andrebbe fatto per i problemi causati da Swisscom, dove la Confederazione, e quindi NOI SVIZZERI, deteniamo il 51 % di azioni.
seo56 4 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐
ceresade36@gmail.com 4 mesi fa su tio
Che tristeza non si puo gia fiadare di nessuno Che vergogna come sta diventando questo paise sempre peggio delpeggio🤢🥵🥶
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 21:09:35 | 91.208.130.85