keystone
BERNA
26.08.2021 - 17:500

Quattro milioni dosi AstraZeneca a Covax

Acquistate dalla Confederazione, non sono mai state approvate dalle competenti autorità.

Per questo è stato deciso di fare una donazione a Covax, l'iniziativa internazionale che punta a una distribuzione equa dei vaccini.

BERNA - Nelle prossime settimane quattro milioni di dosi del vaccino anti-coronavirus di AstraZeneca, acquistate dalla Svizzera, potranno essere fornire all'iniziativa di aiuto Covax. L'iter burocratico è terminato, ha comunicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

La Confederazione ha acquistato 5,4 milioni di dosi, che però non sono mai state approvate dalle competenti autorità per l'utilizzo in Svizzera. Per questo è stato deciso di fare una donazione a Covax, l'iniziativa internazionale che punta a una distribuzione equa dei vaccini.

Dopo il necessario iter burocratico, il via libera definitivo è infine arrivato, ha detto l'UFSP all'agenzia Keystone-ATS, confermando informazioni pubblicate dal "Tages-Anzeiger". Le rimanenti 1,4 milioni di dosi vengono tenute come riserva.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giuggiola83 2 mesi fa su tio
Come mai non è stato approvato in Svizzera? in paesi si?
F/A-19 2 mesi fa su tio
@Giuggiola83 Sarà che il nostro sistema sanitario è serio e selettivo, in altri paesi più permissivi la prendono un po’ sotto gamba.
Liberatecidalpotere 2 mesi fa su tio
80'000'000.- di franchi buttati via e poi uno dovrebbe fidarsi di questi incompetenti. Adesso non ci sono più soldi per i tamponi. Se un padre di famiglia gestisci la sua economia domestica come questi gestiscono un paese viene messo in carcere e gli portano via i figli perché non sono più al sicuro.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 18:37:40 | 91.208.130.89