20minutes (immagine illustrativa)
SVIZZERA / ITALIA
13.08.2021 - 23:000
Aggiornamento : 14.08.2021 - 12:07

La cognata guida l'auto al posto suo, è l'inizio di un calvario senza fine

Vacanze rovinate per una svizzera in vacanza in Umbria: multa salata e veicolo confiscato dalla polizia.

Il motivo? Una legge europea che ha quale obiettivo quello di lottare contro il traffico di veicoli.

ZURIGO - Le vacanze in Italia di una donna zurighese si sono trasformate in un incubo. La 55enne trascorre annualmente diverse settimane in Umbria, con la famiglia del marito. Qualche giorno fa, la maestra d'asilo si è recata in un negozio di bricolage con sua cognata. Come riferiva il Blick, durante lo shopping si è improvvisamente storta una caviglia. Non potendo più guidare, ha chiesto alla cognata di mettersi al volante della sua auto immatricolata in Svizzera. Un grosso errore.

Multa e confisca dell'auto - A 500 metri dall'uscita del parcheggio, le due donne sono state fermate dalle forze dell'ordine, che hanno chiesto loro i documenti del veicolo. «Sono tornati dopo 10 minuti e ci hanno detto che c'era un problema», ricorda la zurighese. «Ci hanno spiegato che dovevamo seguirli al posto di polizia più vicino perché mia cognata, che è italiana e risiede in Italia, non poteva guidare la mia auto».

Una volta in centrale, la polizia ha multato la cognata della donna con 1'400 euro e confiscato l'auto. «Il fatto che fossi infortunata non li interessava. Mi hanno detto che la legge è la legge». Infine, gli agenti hanno detto che sarebbero potute ripartire se avessero dato loro 497 euro in contanti. «Non avevo molto con me. Così sono andata a ritirare i soldi dal bancomat più vicino».

Peggior vacanza di sempre - La zurighese avrebbe poi dovuto aspettare che l'ACI - paragonabile al nostro TCS - le riconsegnasse l'auto. Ma come riferisce nuovamente il Blick nella giornata odierna, la donna si trova ancora in Italia e viene rimbalzata da un servizio all'altro: o gli interlocutori sono in vacanza, o non sanno cosa risponderle. La 55enne ha nel frattempo assunto un avvocato e contattato l'ambasciata svizzera.

Dopo aver insistito ancora una volta, la zurighese ha ricevuto una risposta più che deludente dal servizio automobilistico. «Mi hanno detto che dovevo depositare le mie targhe svizzere e ordinare quelle italiane. Ma ciò significherebbe che con ogni probabilità dovrei sdoganare la mia auto rientrando in Svizzera e immatricolarla nuovamente da noi». Per la 55enne è senza dubbio la peggiore vacanza della sua vita. 

Una legge controversa - La donna è vittima di una legge europea che dovrebbe combattere il traffico di auto. Concretamente, i cittadini europei non hanno il diritto di guidare nell'Unione europea con un'auto non immatricolata in uno dei paesi dell'UE. A meno che non lo abbia comunicato alle autorità competenti. 

Anche in Svizzera, in linea di principio, è vietato l'uso temporaneo di veicoli privati ​​immatricolati all'estero da parte di persone domiciliate in Svizzera, scrive l'Amministrazione federale delle dogane sul suo sito web. Come i cittadini europei, gli svizzeri sono tenuti a informare le autorità svizzere responsabili dello sdoganamento e della registrazione. Come previsto dalla normativa europea, anche in Svizzera esistono norme speciali per i veicoli noleggiati all'estero e per i veicoli aziendali immatricolati all'estero.
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 22:39:42 | 91.208.130.86