Reuters
CINA
19.06.2021 - 08:000
Aggiornamento : 09:32

L'ingorgo al porto cinese fa sentire i suoi effetti anche in Svizzera

Aldi e Migros riscontrano ritardi nella consegna di alcuni articoli. Coop assicura invece di aver fatto i compiti.

Fonte 20 Minuten/Barbara Scherer
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

SHENZEN - Il focolaio di coronavirus che ha avuto come epicentro il porto di Yantian, in Cina, continua a far sentire i suoi effetti sul commercio internazionale. Anche in Svizzera. Fra le grandi catene al dettaglio elvetiche, infatti, almeno Aldi e Migros lamentano già problemi nell'approvvigionamento della merce.

«Possiamo confermare che ci troviamo confrontati con singoli ritardi nelle consegne nel settore "non food" (non alimentare, ndr)», fa sapere a 20 Minuten Aldi Suisse. Quali prodotti siano interessati non è dato sapere: la strategia aziendale non prevede di renderlo noto.

Anche Migros riscontra singoli ritardi sempre nel settore non alimentare. A scarseggiare, in questo caso, potrebbero essere biciclette, articoli per la casa o prodotti in legno, fa sapere un portavoce. Per il cibo, tuttavia, non dovrebbero esserci problemi visto che il 70% dello stesso viene dalla Svizzera, tiene a far notare il gigante arancione.

Coop e Lidl, dal canto loro, non riscontrano ancora alcun effetto dell'ingorgo al porto di Yantian. «Già da qualche tempo abbiamo reagito alla situazione generale del trasporto merci marittimo e adottato misure conseguenti», afferma un portavoce di Coop. Per questo, assicura, delle difficoltà di approvvigionamento generalizzate non rappresentano un problema.

Lo Yantian International Container Terminal, a due passi dal grande polo industriale di Shenzen, è il singolo porto più grande della Cina. Un focolaio di Covid-19 scoppiato fra gli scaricatori della struttura a fine maggio, ha costretto quest'ultima ad adottare speciali misure di protezione, che hanno rallentato, e in alcuni casi bloccato, l'afflusso e la partenza di navi portacontainer.

Come riporta il South China Morning Post, che cita la piattaforma di servizi di spedizione e logistica project44, dal 1° al 15 giugno 298 portacontainer hanno saltato il porto di Yantian. Su base mensile, si tratta di un +300% di mancati attracchi, o "blank sailings". Nello stesso periodo, il tempo di permanenza media dei container in porto prima del carico è raddoppiato, passando a 23,06 giorni. 

Le autorità del porto di Yantian prevedono che le attività tornino alla normalità entro la fine di giugno, con il rientro di sempre più collaboratori. Al momento si attestano al 70%. 

Tra penuria mondiale di container determinata dalla pandemia di Covid-19, prezzi del trasporto merci marittimo alle stelle e carenza di materie prime, però, «il danno ormai è fatto», assicura Maersk, la più importante compagnia del settore. L'accumulo di ritardi al porto di Yantian, mette in guardia, avrà effetti peggiori di quello determinato dal blocco del Canale di Suez

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 13:34:33 | 91.208.130.89