tipress
BERNA 
07.06.2021 - 20:340
Aggiornamento : 22:05

Assicurati morosi: «I Cantoni possono mantenere le "blacklist"»

È la posizione del Consiglio degli Stati, espressa tramite una votazione serratissima.

Il Ticino è uno dei pochi Cantoni a usare queste liste: gli altri sono Argovia, Lucerna, Zugo e Turgovia.

BERNA  - I Cantoni che intendono tenere "blacklist" delle persone che non pagano i premi dell'assicurazione malattia devono poter continuare a farlo.

È la posizione del Consiglio degli Stati, espressa tramite una votazione serratissima decisa solo dalla preferenza del presidente Alex Kuprecht (UDC/SZ), con la quale i "senatori" hanno preso una direzione opposta al Consiglio federale sul tema.

La Camera dei Cantoni si è occupata oggi di un progetto di legge che dà seguito a un'iniziativa depositata da Turgovia nel 2016, che domandava di adeguare le disposizioni federali sull'assicurazione malattia riguardo la copertura dei premi non pagati.

Il punto più controverso è quello legato agli elenchi di assicurati morosi, che l'esecutivo vorrebbe abolire. Il suo timore è che tali "blacklist" possano compromettere le cure mediche di base delle persone in modeste condizioni economiche: chi ci finisce può essere trattato dal sistema sanitario solo in caso di emergenza.

Il Ticino è uno dei pochi Cantoni a usare queste liste: gli altri sono Argovia, Lucerna, Zugo e Turgovia. Il Parlamento di San Gallo ha recentemente votato per eliminarle. Da ricordare come dall'inizio del 2021 nessuno includa più i minorenni negli elenchi.

I "senatori" oggi si sono allineati al parere della loro commissione preparatoria. L'esito è stato però incertissimo, 22-22: a far pendere l'ago della bilancia è stato dunque il voto del presidente Kuprecht.

La maggioranza della commissione non voleva sottrarre questa possibilità ai Cantoni per ragioni federaliste. I due rappresentanti di Turgovia, Brigitte Häberli-Koller (Centro) e Jakob Stark (UDC), hanno difeso le liste nere, che a loro giudizio funzionano. I comuni turgoviesi contattano i cittadini morosi, chiarendo i motivi ed esaminando possibili soluzioni al problema.

L'utilità di questo strumento non è mai stata provata, ha ribattuto invece Maya Graf (Verdi/BL). Molte persone che si trovano sulle "blacklist" sono effettivamente insolventi, ha aggiunto Josef Dittli (PLR/UR), e così agendo non le si incoraggia di certo a versare gli arretrati.

Il progetto conteneva anche altri punti, sui quali però non c'è stata discussione. Ad esempio, i minori non saranno più considerati responsabili dei premi dell'assicurazione malattia non pagati dai genitori. Per ridurre le spese a carico di cittadini e Cantoni, il numero di procedure d'esecuzione sarà inoltre limitato a due all'anno.

Nella votazione globale, il progetto ha ottenuto 43 voti a favore e un solo contrario. Il dossier si trasferisce al Nazionale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 09:25:17 | 91.208.130.85