Keystone (archivio)
SVIZZERA
05.05.2021 - 23:010

Le vendite per corrispondenza affossano le entrate fiscali

Sulle merci provenienti dall'estero non è infatti possibile garantire un corretto prelievo dell'IVA.

Un rapporto del Controllo federale delle finanze prevede un ammanco di almeno 60 milioni di franchi per il 2019.

BERNA - Non è attualmente possibile garantire un corretto prelievo dell'IVA sulle merci vendute per corrispondenza e provenienti dall'estero, afferma il Controllo federale delle finanze (CDF) in un rapporto. La perdita di entrate fiscali è stimata a 60 milioni di franchi per il 2019.

Dal 2019, tutte le imprese estere di vendita per corrispondenza con una cifra d'affari annua di oltre 100'000 franchi su piccole spedizioni in Svizzera sono soggette all'IVA e devono registrarsi presso l'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC), sottolinea il CDF. Per le imprese straniere con una cifra d'affari inferiore a 100'000 franchi, attualmente non viene riscossa l'imposta sul valore aggiunto sulle piccole spedizioni se l'importo è inferiore a 5 franchi.

Entro la metà del 2020, più di 200 aziende straniere si erano registrate all'AFC. Hanno generato circa 26 milioni di franchi di entrate IVA nel 2019. Alcune società straniere però non si sono annunciate e non è possibile identificarle a causa della mancanza d'informazioni e di dati.

Secondo il CDF, esistono difficoltà per quanto riguarda le imprese straniere di vendita per corrispondenza. È difficile individuare le merci non tassate o le false dichiarazioni nella massa di spedizioni di piccole merci, che superano i 30 milioni all'anno, aggiunge il rapporto.

I problemi comunque sono stati identificati e sono previste misure correttive nell'ambito della revisione parziale della legge sull'IVA. Una delle proposte è di assoggettare le piattaforme elettroniche all'IVA per le merci acquistate attraverso di esse. Questo dovrebbe ridurre notevolmente la perdita fiscale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Bene!!
SteveC 1 mese fa su tio
Non importa, tanto c’è il ceto medio che provvede a tutto, vero caro CF?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 20:10:32 | 91.208.130.85