Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.03.2021 - 18:360

Premi cassa malati, i Cantoni siano coinvolti

Il Consiglio degli Stati ha accettato la mozione Lombardi e altre quattro iniziative

BERNA - I Cantoni devono avere maggiore diritto di parola nello stabilire i premi dell'assicurazione malattia. È quanto si augura il Consiglio degli Stati, che oggi ha accettato di misura cinque iniziative cantonali sul tema, tra cui una del Ticino, così come una mozione di Filippo Lombardi (Centro/TI) che va nella stessa direzione.

Le altre quattro iniziative sono state presentate da Friburgo, Ginevra, Giura e Neuchâtel. Tutti i testi discussi vogliono permettere ai Cantoni di fornire il loro giudizio agli assicuratori e all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non solo sulla valutazione dei costi, ma anche sulle tariffe previste sul loro territorio.

In effetti, dopo la modifica del 2016 della legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie essi non possono più pronunciarsi sull'ammontare dei premi. In particolare, è stata la sinistra e parte del Centro a chiedere che i Cantoni siano implicati maggiormente nel processo. Essi dispongono infatti di una grande conoscenza della loro realtà locale, è stato fatto notare.

Per Charles Juillard (Centro/JU), i Cantoni hanno perso influenza nella fissazione dei premi dell'assicurazione di base. Questi ha denunciato una «mancanza di trasparenza nella trasmissione dei dati», una critica contestata dal ministro della sanità Alain Berset secondo il quale invece la collaborazione fra di essi e la Confederazione funziona bene.

Anzi, i cambiamenti del 2016 hanno permesso di correggere problemi apparsi in precedenza: per il consigliere federale non bisogna dunque fare marcia indietro. Berset ha ammesso che il timing per l'approvazione dei premi è molto serrato, il che è sconveniente per i Cantoni.

Alla fine, la mozione Lombardi è passata per 22 voti a 18 e due astenuti, mentre i "senatori" hanno deciso di dare seguito alle iniziative cantonali per 21 voti contro 20 (un'astensione).

Accelerare introduzione cartella elettronica del paziente
La cartella elettronica del paziente deve essere introdotta presso tutti gli operatori sanitari e i fornitori di prestazioni. È quanto prevede una mozione del Nazionale approvata oggi dal Consiglio degli Stati con 34 voti senza opposizioni. La mozione chiede al governo di preparare le basi legali necessarie. La cartella elettronica deve essere introdotta rapidamente e in modo esteso, ha sottolineato il relatore commissionale Damian Müller (PLR/LU).

Attualmente, solo gli ospedali, le case di cura e le case per partorienti sono obbligati a introdurre la cartella informatizzata del paziente. Per farlo sono tenuti a affiliarsi a una comunità di riferimento certificata.

Nel 2019, il Parlamento ha deciso che anche i medici devono entrare a far parte della comunità di riferimento. Questa misura dovrebbe essere in vigore entro il 2022, ha affermato il ministro della sanità Alain Berset, che ha chiesto invano al plenum di procedere a tappe.

I "senatori" hanno in seguito approvato una mozione PLR con obiettivi simili. L'atto parlamentare incoraggia anche il ricorso alla telemedicina e prevede che l'intera corrispondenza tra gli attori della sanità si svolga per via elettronica.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 19:29:34 | 91.208.130.85