Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 ora
Non ce l'ha fatta il parapendista caduto ad Arosa
Il 75enne è spirato ieri in ospedale a causa delle serie ferite riportate nell'incidente di domenica scorsa.
FOTO
SVIZZERA
1 ora
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
1 ora
Cassis ha sentito il ministro degli esteri cinese al telefono
Dopo il guasto che lo ha lasciato a piedi, il consigliere federale ha avuto un «buon colloquio» con Wang Yi.
SVIZZERA
2 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SAN GALLO
2 ore
Si butta in mezzo alla strada e sputa addosso a soccorsi e polizia
Un uomo di 32 anni è stato arrestato per aver messo in pericolo sé stesso e gli altri.
SVIZZERA
3 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
5 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
8 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
SVIZZERA
22.01.2021 - 14:210
Aggiornamento : 17:54

«42 reazioni avverse al vaccino»

Il dato è stato comunicato da Swissmedic: in Svizzera per ora sono state vaccinate quasi 170'000 persone.

Non sono invece imputabili al vaccino i decessi registrati in cinque pazienti anziani tra gli 84 e i 92 anni.

BERNA - Fino a ieri, Swissmedic ha ricevuto 42 notifiche di reazioni avverse da medicamenti sospette in relazione alle prime vaccinazioni contro il Covid-19 in Svizzera. Cinque i decessi, indipendenti però dal vaccino e legati invece alle normali cause di morte per questi pazienti d'età superiore agli 80 anni.

Le notifiche, perlopiù per reazioni da lievi a gravi, corrispondono «al profilo di rischio noto», specifica una nota odierna dell'autorità di controllo degli agenti terapeutici.

Gli esperti esaminano nel dettaglio tutte le notifiche di casi sospetti in collaborazione con i centri regionali di farmacovigilanza. Da questa valutazione non è finora emerso alcun cambiamento nel rapporto rischi-benefici dei vaccini, sottolinea il comunicato.

Cinque decessi, ma nessuna correlazione - La maggior parte delle notifiche non erano gravi (26,62%) e si riferivano a lievi reazioni già note dagli studi clinici. Sedici notifiche (38%) sono state classificate come gravi e cinque erano correlate a un decorso mortale.

In questi cinque casi i pazienti avevano un'età compresa tra gli 84 e i 92 anni e, in base all'attuale stato delle conoscenze, sono deceduti a causa di malattie comuni a questa età. «Nonostante un'associazione temporale con la vaccinazione, non vi è in nessun caso alcun sospetto concreto che la vaccinazione sia stata la causa del decesso».

Statisticamente irrilevante - Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), fino a ieri circa 170 mila persone in Svizzera hanno ricevuto una dose di vaccino. Secondo l'attuale strategia, viene data priorità alle persone particolarmente a rischio. Queste persone hanno più di 75 anni, soffrono di malattie croniche e spesso vivono in una casa di riposo o di cura.

Se la totalità di questi soggetti viene vaccinata in un breve periodo di tempo, per motivi «puramente statistici ci si deve aspettare un certo numero di decessi temporalmente associati alla vaccinazione». Come esempio, nell'arco di quattro settimane (periodo compreso tra due vaccinazioni) in Svizzera perdono la vita circa 2'300 persone di età superiore agli 85 anni.

Dritte per gli operatori sanitari - Prima di somministrare il vaccino, gli operatori sanitari devono tenere conto dello stato di salute individuale di una persona per quanto riguarda gli effetti collaterali comuni noti dei vaccini come febbre, brividi o nausea. I casi sospetti di reazioni avverse da medicamenti devono essere comunicati tempestivamente a Swissmedic.

La costante sorveglianza ha lo scopo d'individuare nuove, ancora sconosciute e rare reazioni avverse da medicamenti. I medici e gli altri operatori sanitari sono obbligati per legge a segnalare a Swissmedic simili problemi che possono essere correlati all'impiego di farmaci.

Swissmedic riceve ogni anno circa 14 mila avvisi di questo tipo, che vengono verificati e valutati da specialisti secondo criteri definiti a livello internazionale. In caso di nuove scoperte, si apportano adeguamenti all'omologazione del medicamento interessato, di solito integrando l'informazione sul farmaco.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 16:05:23 | 91.208.130.86