Keystone
SVIZZERA
20.01.2021 - 14:320

Con la seconda ondata rinviate 19'000 operazioni

È il bilancio della Task force. I letti sono stati liberati per far posto ai malati di covid

BERNA - Da novembre in Svizzera circa 19'000 persone hanno dovuto rinviare un intervento medico a causa della seconda ondata pandemica. I reparti di terapia intensiva hanno raggiunto i loro limiti e non dovrebbero tornare alla normalità prima del 10 febbraio.

Le unità di cure intensive trattano in genere circa 600 pazienti, ma da novembre questa media è stata superata fino a raggiungere quota 865, indica la task force Covid-19 della Confederazione in un rapporto pubblicato oggi.

In tal modo è stato oltrepassato il numero di letti per terapia intensiva certificati con una qualità di cure garantita. Per far fronte al crescente numero di malati, gli ospedali hanno messo a disposizione ulteriori letti non certificati, tanto che la Svizzera dispone attualmente di circa 1400 posti in questo ambito.

Storicamente non è stato dimostrato che i reparti di terapia intensiva possano far fronte a un tasso di occupazione così elevato. Secondo le conclusioni del rapporto, gli ospedali operano al limite delle loro capacità da diversi mesi.
 
 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 11:04:58 | 91.208.130.89