tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
10 ore
«Basta mascherine nei negozi e nei centri commerciali»
L'appello arriva dalla Swiss Retail Federation, che comprende numerosi commerci tra cui Ikea e Lidl
SOLETTA
11 ore
È stato ritrovato il corpo del 33enne scomparso nell'Aare
Il cadavere del giovane è stato ripescato venerdì vicino a Olten.
BERNA
11 ore
Rubano un'auto militare e ingaggiano un inseguimento con la polizia
La folle corsa di tre giovani è terminata al posto di blocco di Worb, dove il trio è stato fermato e arrestato.
FOTO
TURGOVIA
12 ore
Frontale tra due furgoni (violentissimo), due feriti
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio a Frauenfeld: un 21enne è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale.
JURA/FRIBURGO
12 ore
Maltempo, danni per 11 milioni
Le precipitazioni nell'Ajoie e nella Gruyère sono costate care agli assicuratori
GLARONA
12 ore
Rinvenuto il corpo di un 22enne, era disperso da novembre
Il giovane era stato travolto da un blocco di neve mentre camminava verso la cima del Vrenelisgärtli.
VALLESE
14 ore
Ritrovato morto sotto la valanga
Dopo una settimana di ricerche, i soccorritori hanno rinvenuto il corpo senza vita del 36enne scomparso a Bagnes.
SVIZZERA
15 ore
Altri 367 contagi e quattro decessi nel weekend
Sono undici le persone ospedalizzate nelle ultime 72 ore. Il bollettino dell'UFSP.
ZURIGO
15 ore
Schwarzenbach ha pagato i sei milioni di multa all'AFD
Il collezionista d'arte aveva importato 83 opere in Svizzera senza procedere allo sdoganamento.
BASILEA
17 ore
Granconsigliere sotto accusa per razzismo
Sotto la lente del Ministero pubblico contenuti video e cartacei ritenuti discriminatori e offensivi.
BERNA
17 ore
A processo il turco che investì un corteo di curdi
I fatti avvennero nel 2015 a Berna: l'automobile dell'uomo fu accerchiata da diversi manifestanti. Sette rimasero feriti
NEUCHÂTEL
18 ore
Cede il terreno nel cortile della scuola, colpa dei lavori ferroviari
L'ingrandimento della galleria di Giblet ha causato un buco di circa 1,5 m di diametro.
BERNA
28.10.2020 - 16:150

Già pronte le misure per ridurre l’impatto economico della pandemia

Il Consiglio federale ha adottato una modifica dell’ordinanza "COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione"

Anche ai lavoratori su chiamata sarà riconosciuto il diritto all’indennità per lavoro ridotto.

BERNA - A seguito del crescente numero di casi confermati, il Consiglio federale ha inasprito le misure di contenimento del virus.

Attenuare le ripercussioni - Questa decisione comporta delle conseguenze anche per l’economia ma – diversamente dalla scorsa primavera – ora esistono già le basi legali (cioè la legge COVID-19) che permettono di introdurre provvedimenti mirati per attenuare le ripercussioni della pandemia. Pertanto il margine di manovra rientra adesso nel quadro del diritto ordinario, a differenza di quanto accadeva lo scorso marzo.

Lavoro ridotto - Nello specifico il Consiglio federale ha adottato una modifica dell’ordinanza "COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione", che riconosce anche ai lavoratori su chiamata il diritto all’indennità per lavoro ridotto. L’ordinanza permette di applicare senza interruzione le disposizioni principali sull’indennità per lavoro ridotto durante la pandemia.

Arginare l'impatto economico - Per il Consiglio federale è fondamentale arginare l’impatto economico. L’obiettivo è evitare per quanto possibile chiusure totali di aziende, che comporterebbero conseguenze di ampia portata.

Ciononostante è prevedibile che determinati settori e imprese vengano duramente colpiti. Da quando è iniziata questa crisi il Consiglio federale ha adottato misure di portata storica per attenuare le ripercussioni economiche, con l’obiettivo di preservare posti di lavoro e fonti di redditto. Questo intervento ha permesso di evitare un crollo più grave e molte delle misure potranno essere ancora utilizzate.

• Un esempio è dato dalle prestazioni di sostegno dell’assicurazione contro la disoccupazione, in particolare l’indennità per lavoro ridotto, per la quale il Consiglio federale ha prolungato la durata di riscossione da 12 a 18 mesi. La legge COVID-19 ha permesso di integrare nel diritto ordinario e quindi di perennizzare diverse misure introdotte in primavera in virtù del diritto di necessità.
• La legge COVID-19 fornisce inoltre al Consiglio federale la base legale per consentire ai lavoratori indipendenti e alle persone assimilabili a un datore di lavoro di ricevere l’indennità di perdita di guadagno (IPG) per il coronavirus nel caso in cui debbano interrompere o limitare fortemente la loro attività a seguito delle misure disposte per far fronte all’epidemia di COVID-19.
• Inoltre, questa base legale permette alla Confederazione di co-finanziare provvedimenti cantonali per i casi di rigore a beneficio delle imprese più colpite. La Confederazione e i Cantoni stanno lavorando all’IPG per il coronavirus e alla regolamentazione per i casi di rigore e provvederanno, tenendo conto della legge COVID-19, a una loro rapida attuazione.
• La legge COVID-19 prevede infine misure di sostegno per i settori sport, cultura e trasporti pubblici.

Misure e strategie efficaci - Le misure adottate finora si sono dimostrate adeguate ed efficaci. Il Consiglio federale osserva monitora con costanza gli sviluppi economici ed esamina l’eventuale necessità di intervento.

La strategia di procedere passo per passo e di concentrarsi su misure mirate laddove necessario si è finora dimostrata valida. La scorsa primavera, durante la situazione straordinaria dichiarata a livello nazionale in conformità con la legge sulle epidemie, il Consiglio federale ha potuto emanare ordinanze urgenti secondo il diritto di necessità che si discostano dal diritto ordinario. Nel mese di giugno 2020 è stata revocata la situazione straordinaria, pertanto da allora si applica la situazione particolare secondo la legge sulle epidemie.

Diversamente dallo scorso marzo, il margine di manovra del Consiglio federale rientra di nuovo nel diritto ordinario.

Indennità per lavoro ridotto per i collaboratori su chiamata - La regolamentazione prevede il diritto all’indennità di lavoro a ridotto per i collaboratori su chiamata vincolati da un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e impiegati da almeno sei mesi. La modifica entra retroattivamente in vigore il 1° settembre 2020. In tal modo si garantisce a questa categoria di lavoratori un diritto ininterrotto all’ILR da marzo 2020. Il diritto è limitato al 30 giugno 2021.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
matrix61 7 mesi fa su tio
Si certo diminuire i stipendi dai 100000 in su!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 04:40:39 | 91.208.130.87